Art. 432 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Trasmissione e custodia del fascicolo per il dibattimento

Articolo 432 - codice di procedura penale

1. Il decreto che dispone il giudizio (429) è trasmesso senza ritardo, con il fascicolo previsto dall’art. 431 e con l’eventuale provvedimento che abbia disposto misure cautelari in corso di esecuzione (292), alla cancelleria del giudice competente per il giudizio.

Articolo 432 - Codice di Procedura Penale

1. Il decreto che dispone il giudizio (429) è trasmesso senza ritardo, con il fascicolo previsto dall’art. 431 e con l’eventuale provvedimento che abbia disposto misure cautelari in corso di esecuzione (292), alla cancelleria del giudice competente per il giudizio.

Massime

Ai sensi degli art. 279 c.p.p. e 91 att. c.p.p.appartiene al giudice dell’udienza preliminare la competenza all’adozione dei provvedimenti relativi alle misure cautelari nel periodo compreso tra la pronuncia del decreto che dispone il giudizio e la trasmissione degli atti al giudice del dibattimento. (Nell’affermare detto principio la Corte ha osservato che, dopo la presentazione della richiesta di rinvio a giudizio da parte del pubblico ministero, il giudice dell’udienza preliminare è investito della cognizione dei procedimenti incidentali «de libertate» in quanto «giudice che procede», e che tale competenza permane, oltre la chiusura dell’udienza preliminare, fino a quando non sia venuta meno, da parte sua, la disponibilità giuridica e materiale degli atti a seguito della formazione e spedizione del fascicolo per il dibattimento a norma degli artt. 431 e 432 c.p.p.). Cass. pen. Sezioni Unite 8 maggio 1995, n. 7

Istituti giuridici

Novità giuridiche