Art. 423 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Modificazione dell'imputazione

Articolo 423 - codice di procedura penale

1. Se nel corso dell’udienza il fatto risulta diverso da come è descritto nell’imputazione (417) ovvero emerge un reato connesso a norma dell’art. 12 comma 1 lett. b), o una circostanza aggravante, il pubblico ministero modifica l’imputazione e la contesta all’imputato presente. Se l’imputato non è presente, la modificazione dell’imputazione è comunicata al difensore (96, 97), che rappresenta l’imputato ai fini della contestazione (516, 517).
2. Se risulta a carico dell’imputato un fatto nuovo non enunciato nella richiesta di rinvio a giudizio, per il quale si debba procedere di ufficio, il giudice ne autorizza la contestazione se il pubblico ministero ne fa richiesta e vi è il consenso dell’imputato (518).

Articolo 423 - Codice di Procedura Penale

1. Se nel corso dell’udienza il fatto risulta diverso da come è descritto nell’imputazione (417) ovvero emerge un reato connesso a norma dell’art. 12 comma 1 lett. b), o una circostanza aggravante, il pubblico ministero modifica l’imputazione e la contesta all’imputato presente. Se l’imputato non è presente, la modificazione dell’imputazione è comunicata al difensore (96, 97), che rappresenta l’imputato ai fini della contestazione (516, 517).
2. Se risulta a carico dell’imputato un fatto nuovo non enunciato nella richiesta di rinvio a giudizio, per il quale si debba procedere di ufficio, il giudice ne autorizza la contestazione se il pubblico ministero ne fa richiesta e vi è il consenso dell’imputato (518).

Massime

La qualificazione del fatto – reato come omicidio colposo, aggravato dalla previsione dell’evento, anziché come omicidio volontario, sorretto da dolo diretto o eventuale, operata dal giudice dell’udienza preliminare con la sentenza di proscioglimento dell’imputato ex art. 425 cod. proc. pen. non viola le disposizioni di cui all’art. 423 cod. proc. pen. perché non realizza la modificazione dell’imputazione originaria elevata dal pubblico ministero all’atto dell’esercizio dell’azione penale, non alterando i tratti essenziali dell’addebito inteso quale episodio naturalistico e concreto, che viene soltanto rapportato alla fattispecie astratta, ritenuta giuridicamente più corretta. Cass. pen. sez. I 16 maggio 2018, n. 21732

Qualora, essendo stato disposto il rinvio a giudizio dell’imputato dalla corte d’appello, in accoglimento di impugnazione proposta dal pubblico ministero avverso sentenza di non luogo a procedere pronunciata dal giudice per le indagini preliminari, il giudice del dibattimento rilevi la nullità del capo d’imputazione per assoluta genericità del medesimo, legittimamente lo stesso giudice dispone la restituzione degli atti alla corte d’appello, la quale dovrà nuovamente pronunciarsi sul proposto gravame, fatta salva la facoltà, da parte del pubblico ministero, in quella sede, di procedere, nei limiti e con le garanzie di legge, all’integrazione dell’imputazione. Cass. pen. sez. I 28 aprile 2004, n. 19906

Costituisce provvedimento abnorme, in quanto al di fuori dell’intero sistema processuale per la singolarità del suo contenuto, l’ordinanza del giudice per le indagini preliminari che dichiara la nullità della richiesta di rinvio a giudizio, ex art. 178, lett. b) e c), 179 e 180 c.p.p.e dispone la restituzione degli atti al pubblico ministero, ritenendo del tutto generica l’enunciazione del fatto. Per la mancanza di tale enunciazione, che pur costituisce uno dei requisiti formali della richiesta del P.M. (art. 417 lett. b, c.p.p.), non è prevista infatti alcuna nullità ed è, peraltro, consentito nel corso dell’udienza preliminare (art. 423 c.p.p.) procedere, anche oralmente, alle necessarie modi.che ed integrazioni dell’imputazione. Cass. pen. sez. VI 7 luglio 1992, n. 1488

La richiesta di giudizio abbreviato successiva alla contestazione di un fatto nuovo formulata dal P.M. nel corso dell’udienza preliminare non può essere ritenuta espressione tacita del consenso dell’imputato, necessario ai sensi dell’art. 423, comma secondo, cod. proc. pen.; ne consegue che anche in sede di abbreviato il giudice deve disporre la trasmissione degli atti al pubblico ministero ai sensi dell’art. 521, comma terzo, cod. proc. pen. Cass. pen. sez. I 30 dicembre 2016, n. 55359

Non è impugnabile e non è abnorme l’ordinanza con la quale il giudice della udienza preliminare dispone la trasmissione degli atti al pubblico ministero sul presupposto che il fatto sia diverso da quello contestato, ma in realtà dando una diversa qualificazione giuridica del fatto, in quanto tale restituzione non è idonea a creare una stasi processuale, rimanendo il pubblico ministero libero di esercitare l’azione penale, e lo stesso provvedimento rientra nell’ambito delle legittime prerogative del giudice dell’udienza preliminare, che può sollecitare il pubblico ministero ad operare le modi.che ritenute opportune. Cass. pen. sez. VI 18 febbraio 2004, n. 6838

È abnorme l’ordinanza con la quale il giudice per le indagini preliminari, ravvisando un ulteriore reato nel corso della udienza preliminare, ordini la restituzione degli atti al pubblico ministero per la contestazione suppletiva, anziché pronunciarsi sulla richiesta di rinvio a giudizio per il fatto contestato. L’art. 423 c.p.p.infatti, attribuisce esclusivamente al pubblico ministero la facoltà di modificare l’imputazione in sede di udienza preliminare, e il secondo comma di tale articolo espressamente stabilisce che, ove risulti a carico dell’imputato in fatto nuovo non enunciato nella richiesta di rinvio a giudizio, il giudice deve limitarsi ad autorizzarne la contestazione, sempre che vi siano la richiesta del pubblico ministero ed il consenso dell’imputato. Cass. pen. sez. I 17 giugno 1999, n. 3395

La contestazione di una aggravante ad effetto speciale (nel caso di specie quella prevista dall’art. 7 del D.L. 13 maggio 1991 n. 152) nel corso dell’udienza preliminare non è produttiva di effetti ai fini del computo dei termini massimi di custodia cautelare, anche se ad essa si fa esplicito riferimento nel decreto che dispone il giudizio, se questa non sia contenuta anche in un provvedimento cautelare. Cass. pen. sez. VI 21 luglio 1997, n. 1739

In sede di udienza preliminare, la modifica dell’imputazione ad opera del pubblico ministero può essere validamente compiuta fino alla formale dichiarazione di chiusura della discussione. (Fattispecie nella quale la Corte ha ritenuto legittima la modifica dell’imputatazione effettuata subito dopo la conclusione dell’intervento della parte civile, prima che il giudice dichiarasse chiusa la discussione). Cass. pen. sez. IV 7 ottobre 2013, n. 41409

In applicazione del principio di legalità, al giudice è consentito sempre, e quindi anche nell’udienza preliminare, attribuire la corretta qualificazione giuridica al fatto descritto nell’imputazione, senza che ciò incida sull’autonomo potere di iniziativa del P.M. (che rileva esclusivamente sotto il diverso profilo dell’incensurabilità della formulazione del fatto, inteso come accadimento materiale) e fermo restando che l’eventuale correzione del nomen juris non può avere effetto oltre il procedimento incidentale eventualmente in corso. Cass. pen. sez. VI 27 gennaio 1999, n. 3503

Il giudice, in ogni fase e grado del procedimento, ha il potere-dovere di attribuire al fatto per cui si procede l’esatta qualificazione giuridica, senza che ciò incida sull’autonomo potere – riservato in via esclusiva al pubblico ministero – di modificare il fatto contestato e di procedere alla nuova contestazione quando esso risulti diverso da come è descritto nell’imputazione o da come è descritto nel decreto che dispone il giudizio. (Nella specie la Corte di cassazione ha affermato che il potere di quali.care diversamente il fatto compete anche al Gip con il decreto di rinvio a giudizio, che non può qualificarsi atto abnorme in relazione alla diversa qualificazione, la quale costituisce espressione di legittimo esercizio di un potere riconosciuto dalla legge). Cass. pen. sez. VI 15 dicembre 1998, n. 3658

In tema di modificazione dell’imputazione, fatto diverso – che legittima la contestazione all’imputato presente anche senza il suo consenso – è quello con connotati materiali anche difformi da quelli descritti nel capo d’imputazione ma storicamente invariato nei suoi elementi costitutivi (condotta, oggetto), inclusi i riferimenti spazio­temporali, sicché, se questi sono alterati, si tratta di un fatto nuovo. Cass. pen. sez. IV 11 maggio 1998, n. 5405

L’art. 423, comma primo, c.p.p. nel prevedere la modificabilità dell’imputazione mediante contestazione suppletiva non prevede che l’elemento posto a base della modifica sia venuto a conoscenza del P.M. solo nel corso dell’udienza preliminare, dovendosi comprendere anche l’eventualità che l’elemento in questione sia stato già acquisito nel corso delle indagini preliminari, ma non sia stato ancora valutato nelle sue implicazioni sulla formulazione dell’imputazione. Infatti l’art. 2 della legge delega n. 81/1987 prevede genericamente il potere del P.M. “di modificare l’imputazione e di procedere a nuove contestazioni”, non assoggettando tale potere a particolari limitazioni o condizioni. Cass. pen. sez. III 9 febbraio 1998, n. 1506

Pur in mancanza di una specifica previsione, anche il giudice dell’udienza preliminare può modificare la qualificazione giuridica del fatto in relazione al quale il pubblico ministero abbia richiesto il rinvio a giudizio, tutte le volte che occorra operare quegli emendamenti che, nell’immodificabilità del nucleo centrale del fatto, conseguano a una diversa qualificazione giuridica dello stesso. Cass. pen. sez. I 21 agosto 1997, n. 4555

È abnorme, perché del tutto estraneo alla logica del sistema processuale – che prevede l’irretrattabilità dell’azione penale – il provvedimento con il quale il giudice dell’udienza preliminare dispone la trasmissione degli atti al P.M. – il quale aveva chiesto il rinvio a giudizio in relazione all’imputazione di omicidio aggravato dalla premeditazione – per la riformulazione dell’imputazione con l’esclusione della circostanza aggravante. Cass. pen. sez. I 3 febbraio 1997, n. 740

Il Gup non è legittimato, sua sponte, a modificare l’imputazione o a contestare un fatto ritenuto diverso, spettando tale potere esclusivamente al P.M. di udienza, preposto per legge all’esercizio dell’azione penale. Ci per non toglie che il Gup, come del resto qualsiasi giudice di merito, possa dare al fatto contestato una diversa qualificazione giuridica più favorevole all’imputato, senza ledere i diritti della difesa, entro i limiti della sua competenza. Cass. pen. sez. IV 11 novembre 1996, n. 9616

In un ordinamento fondato sul principio di legalità, il potere del giudice di definire correttamente il fatto sul quale è chiamato a pronunciarsi è connaturale allo stesso esercizio della giurisdizione, che non tollera limitazioni in ordine all’inquadramento giuridico dei fatti sottopostigli, derivanti dalla richiesta delle parti. Anche il giudice dell’udienza preliminare, pur in mancanza di specifica previsione, può modificare la qualificazione giuridica del fatto in relazione al quale il P.M. ha richiesto il rinvio a giudizio. Ne consegue che rientra nei poteri del Gip – una volta esclusa la configurabilità, in fatto o in diritto, di una circostanza aggravante – quello di eliminare ogni riferimento ad essa nell’imputazione, anche per gli evidenti riflessi, se ad effetto speciale, che può avere sui termini di durata di eventuali misure coercitive in atto ovvero di operare quegli emendamenti che, nell’immodificabilità del nucleo centrale del fatto, conseguano ad una diversa qualificazione giuridica dello stesso. Cass. pen. sez. VI 21 marzo 1996, n. 548

Non è abnorme ma rientra, al contrario, nell’ambito di un potere che, in applicazione analogica dell’art. 521, comma 2, c.p.p.va riconosciuto anche al giudice dell’udienza preliminare, il provvedimento con il quale quest’ultimo, ritenuto che il fatto sia diverso da come descritto nell’imputazione e preso atto del rifiuto, da parte del pubblico ministero, di modificare l’imputazione stessa ai sensi dell’art. 423 c.p.p.disponga la restituzione degli atti al medesimo pubblico ministero, con richiesta di provvedere alla suddetta modifica. Cass. pen. sez. VI 13 marzo 1996, n. 4861

È inammissibile, per carenza di interesse, il ricorso per cassazione dell’indagato avverso il provvedimento del giudice dell’udienza preliminare che invita il pubblico ministero a modificare l’imputazione alla luce di osservazioni formulate e rinvia ad una successiva udienza, fissandone la data. Perché sussista l’interesse al ricorso per cassazione, a norma dell’art. 568, quarto comma, c.p.p.è indispensabile che l’impugnazione sia idonea a rimuovere un pregiudizio, considerato come conseguenza concreta derivante dagli effetti primari e diretti della pronuncia impugnata. Da un siffatto provvedimento del Gup non deriva all’indagato alcun diretto e concreto effetto, posto che tale provvedimento interlocutorio – indipendentemente dalla sua ortodossia giuridica – non produce alcuna immediata efficacia sulla situazione dell’indagato. L’invito del giudice è rivolto al pubblico ministero e saranno le autonome determinazioni del titolare dell’azione penale a produrre eventualmente effetti giuridici processuali. Se il P.M. nel corso del proseguimento della udienza preliminare e nei limiti previsti dall’art. 423 c.p.p.provvederà alla modificazione dell’imputazione, avrà esercitato una sua facoltà. Se, invece, non riterrà di procedere a modificazione alcuna, si porrà al giudice l’alternativa delineata dall’art. 424 c.p.p. (Nella specie il ricorrente, indagato per il reato di cui all’art. 323, cpv.c.p. aveva impugnato, deducendone l’abnormità, il provvedimento con cui il giudice dell’udienza preliminare – precisato che il periodo di commissione del contestato reato risultava anteriore all’entrata in vigore della L. n. 86/1990; rilevato che l’ipotizzato abuso d’ufficio, apparentemente estinto per amnistia, poteva configurare l’abrogato reato di interesse privato in atti di ufficio; richiamato l’art. 423 c.p.p. – aveva invitato il P.M. a «modificare l’imputazione alla luce delle osservazioni suindicate» e rinviato l’udienza. La Corte di cassazione ha ritenuto che l’accertamento dell’interesse del ricorrente fosse preliminare all’esame della sussistenza della denunciata abnormità ed ha fissato il principio di cui in massima). Cass. pen. sez. VI 15 dicembre 1992, n. 3772

Deve considerarsi abnorme, perché determina un’inammissibile regressione del procedimento, il provvedimento con il quale il giudice per le indagini preliminari, ammesso il giudizio abbreviato, dispone la trasmissione degli atti al pubblico ministero ritenendo la sussistenza di un fatto diverso; nel giudizio abbreviato, infatti, il giudice – pur potendone modificare la qualificazione giuridica – deve esercitare il suo potere decisorio in ordine ai reati per i quali il pubblico ministero ha esercitato l’azione penale e solo su di essi, nell’ambito del quadro probatorio delineato dalla situazione esistente. (Nell’affermare detto principio la Corte ha precisato che qualora dagli atti emergano altri imputati o altri reati concorrenti il giudice, con la sentenza che definisce il giudizio, pu se del caso, disporre la trasmissione degli atti al pubblico ministero perché eserciti la relativa azione penale). Cass. pen. sez. II 18 febbraio 1999, n. 222

È abnorme – e, costituendo un passaggio logico essenziale per la decisione del ricorso, è rilevabile d’ufficio dalla Corte di cassazione – la decisione della corte di appello di annullamento della sentenza di primo grado, emessa con rito abbreviato per la ritenuta necessità di una modifica del fatto, che non è ammissibile in quanto l’art. 423 c.p.p. non è applicabile nel giudizio abbreviato, come espressamente prevede l’art. 441 c.p.p.e che configura quindi un potere del tutto estraneo alla competenza del giudice d’appello nel rito abbreviato. Cass. pen. sez. V 23 giugno 1998, n. 7416

In tema di giudizio abbreviato, la circostanza che l’imputazione sia formulata in modo tale da non comportare, di per sè, l’applicabilità dell’ergastolo non implica necessariamente che, pur nell’assenza della necessità di integrazione probatoria da effettuarsi in fase dibattimentale, il giudice dell’udienza preliminare sia tenuto ad accogliere la richiesta di giudizio abbreviato sol perché il pubblico ministero abbia manifestato il proprio consenso al riguardo. Ed invero il giudice ben può ritenere che l’imputazione non sia formulata correttamente, nel senso che essa dovrebbe qualificarsi come fatto astrattamente punibile con l’ergastolo, e quindi anche in mancanza di modifica di essa da parte del P.M.ai sensi dell’art. 423 c.p.p. legittimamente prospettarsi la probabilità che alla detta modifica si addivenga nella fase dibattimentale, la quale viene, per ciò stesso, ad essere riguardata come necessaria ai fini di un tale adempimento, con conseguente esclusione della definibilità allo stato degli atti. (In motivazione, la S.C. ha precisato che, qualora gli sviluppi e gli esiti della fase dibattimentale confermino la correttezza della formulazione originaria dell’imputazione, il giudice del dibattimento deve trarne le necessarie conseguenze in punto di applicazione della diminuente di cui all’art. 442 c.p.p.). Cass. pen. sez. I 3 giugno 1998, n. 6534

Il potere del giudice di dare in sentenza al fatto una definizione giuridica diversa da quella enunciata nell’imputazione, previsto dall’art. 521, comma primo, c.p.p.è esercitabile anche con la sentenza emessa a seguito di giudizio abbreviato, non rilevando che in tale rito non sia applicabile, per l’esclusione fattane dall’art. 441 c.p.p.l’art. 423 c.p.p.in quanto tale ultima norma prevede soltanto la facoltà del pubblico ministero di modificare l’imputazione procedendo alla relativa contestazione, non avendo nulla a che vedere con l’autonomo ed esclusivo potere-dovere del giudice di dare al fatto una diversa definizione giuridica, contemplato dall’art. 521, comma primo, c.p.p.applicabile, benché non specificamente richiamato in sede di giudizio abbreviato. Cass. pen. sez. VI 22 ottobre 1996, n. 9213

La modifica dell’imputazione, ai sensi dell’art. 423, comma 1, c.p.p.deve ritenersi consentita anche quando sia stata già avanzata dall’imputato richiesta di giudizio abbreviato, sempre che tale richiesta non sia stata ancora accolta dal giudice. Cass. pen. sez. I 6 dicembre 1995, n. 11993

A differenza di quanto stabilito dall’art. 519 c.p.p. per il dibattimento, non è prevista la concessione di un termine per la difesa nel caso di modificazione del capo di imputazione nel corso dell’udienza preliminare. Cass. pen. sez. I 2 giugno 1994, n. 1890

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747