Art. 421 bis – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Ordinanza per l'integrazione delle indagini

Articolo 421 bis - codice di procedura penale

1. Quando non provvede a norma del comma 4 dell’articolo 421, il giudice, se le indagini preliminari sono incomplete, indica le ulteriori indagini, fissando il termine per il loro compimento e la data della nuova udienza preliminare. Del provvedimento è data comunicazione al procuratore generale presso la corte d’appello.
2. Il procuratore generale presso la corte d’appello può disporre con decreto motivato l’avocazione delle indagini a seguito della comunicazione prevista dal comma 1. Si applica, in quanto compatibile, la disposizione dell’articolo 412, comma 1.

Articolo 421 bis - Codice di Procedura Penale

1. Quando non provvede a norma del comma 4 dell’articolo 421, il giudice, se le indagini preliminari sono incomplete, indica le ulteriori indagini, fissando il termine per il loro compimento e la data della nuova udienza preliminare. Del provvedimento è data comunicazione al procuratore generale presso la corte d’appello.
2. Il procuratore generale presso la corte d’appello può disporre con decreto motivato l’avocazione delle indagini a seguito della comunicazione prevista dal comma 1. Si applica, in quanto compatibile, la disposizione dell’articolo 412, comma 1.

Massime

È abnorme, ed è pertanto ricorribile per cassazione, il provvedimento con cui il G.u.p. investito della richiesta di giudizio abbreviato subordinato ad integrazione probatoria, ordini lo svolgimento di ulteriori atti di indagine a norma dell’art. 421- bis, c.p.p.assegnando al P.M. un termine per il loro espletamento. Cass. pen. sez. VI 28 maggio 2010, n. 20549

È illegittimo ma non abnorme il provvedimento con cui il giudice dell’udienza preliminare dichiari l’inutilizzabilità, o altro vizio meramente procedurale, di un atto compiuto dal P.M.disponendo che questi provveda a completare le indagini mediante la rinnovazione dell’atto. (La Corte ha precisato che l’integrazione prevista dall’art. 421-bis cod.proc.pen. riguarda esclusivamente gli adempimenti istruttori, e non si estende alla sanatoria dei vizi procedurali, e che il provvedimento impugnato, sotto il profilo strutturale, per la sua singolarità, non si pone al di fuori del sistema organico della legge processuale e, sotto il profilo funzionale, non determina la stasi del processo e l’impossibilità di proseguirlo). Cass. pen. sez. IV 12 novembre 2008, n. 42131

È illegittima la decisione del giudice di appello che dichiari inutilizzabili i documenti (nella specie consulenza, bilanci, relazioni ecc) – prodotti dalla difesa dell’imputato, in sede di udienza preliminare, prima della richiesta del giudizio abbreviato – in quanto la richiesta di giudizio abbreviato può essere, ex art. 438, comma secondo, c.p.p.presentata fino a quando non siano state formulate le conclusioni e, quindi, anche dopo l’eventuale integrazione istruttoria disposta dal giudice dell’udienza preliminare, ex art. 421 bis o 422 c.p.p. e a maggior ragione successivamente alle produzioni documentali che il giudice dell’udienza preliminare, ex art. 421 comma terzo, c.p.p.ammette dopo la costituzione delle parti. Ne deriva che, in tal caso, l’erronea dichiarazione dell’invalidità della prova integra un error in procedendo censurabile in sede di legittimità ai sensi dell’art. 606, comma primo, lett. c) c.p.p. Cass. pen. sez. V 23 febbraio 2006, n. 6777

È illegittima, ancorché non abnorme, l’ordinanza con la quale il giudice dell’udienza preliminare, avvalendosi del disposto di cui all’art. 421 bis, comma 1, c.p.p.rinvii l’udienza onde dar modo al pubblico ministero di provvedere, ai sensi dell’art. 26 della legge 1 marzo 2001, n. 63, alla rinnovazione dell’esame dei soggetti indicati negli artt. 64 e 197 bis c.p.p.atteso che l’incompletezza delle indagini, cui si riferisce il citato art. 421 bis, può consistere solo in alcune istruttorie inerenti al merito del procedimento e non in irregolarità formali che diano luogo a nullità o inutilizzabilità degli atti assunti. Cass. pen. sez. IV 14 gennaio 2004, n. 702

Non è abnorme, ma costituisce una mera irritualità, l’anticipata integrazione delle indagini disposta dal Gup ai sensi dell’art. 421 bis c.p.p. prima del momento stabilito da detta norma nella fase conclusiva dell’udienza preliminare, atteso che il provvedimento è stato comunque emesso nella sua sede propria dell’udienza preliminare e previa conoscenza del contenuto del fascicolo del P.M. Cass. pen. sez. I 3 luglio 2002, n. 25546

In tema di riesame, allorché sia stato disposto il rinvio a giudizio per il reato in ordine al quale è stata applicata una misura cautelare, non è preclusa la valutazione dei gravi indizi di colpevolezza da parte del tribunale investito della richiesta di riesame, giacché, da una parte, il decreto di rinvio a giudizio – pur dopo le modi.che apportate alla disciplina dell’udienza preliminare dalla L. 16 dicembre 1999, n. 479, con particolare riferimento alle disposizioni degli artt. 421 bis, 422 e 425, comma 3, c.p.p. – non è il risultato di una valutazione positiva dei gravi indizi di colpevolezza tale da precludere sul punto l’esame del giudice de libertate e dall’altra, l’inoppugnabilità del decreto che dispone il giudizio renderebbe di fatto irrimediabile, per tutto il corso del giudizio di primo grado, l’errore eventualmente commesso dal giudice nel ritenere sussistente il requisito dei gravi indizi di colpevolezza, con grave disparità di trattamento rispetto al caso dell’imputato il quale sia stato tratto a giudizio con citazione diretta da parte del pubblico ministero, ai sensi dell’art. 550 c.p.p. Cass. pen. sez. I 4 aprile 2002, n. 12845

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747