Art. 420 ter – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Impedimento a comparire dell'imputato o del difensore

Articolo 420 ter - Codice di Procedura Penale

1. Quando l’imputato, anche se detenuto, non si presenta all’udienza e risulta che l’assenza è dovuta ad assoluta impossibilità di comparire per caso fortuito, forza maggiore o altro legittimo impedimento, il giudice, con ordinanza, anche d’ufficio, rinvia ad una nuova udienza e dispone che sia rinnovato l’avviso all’imputato, a norma dell’articolo 419, comma 1.
2. Con le medesime modalità di cui al comma 1 il giudice provvede quando appare probabile che l’assenza dell’imputato sia dovuta ad assoluta impossibilità di comparire per caso fortuito o forza maggiore. Tale probabilità è liberamente valutata dal giudice e non può formare oggetto di discussione successiva né motivo di impugnazione.
3. Quando l’imputato, anche se detenuto, non si presenta alle successive udienze e ricorrono le condizioni previste dal comma 1, il giudice rinvia anche d’ufficio l’udienza, fissa con ordinanza la data della nuova udienza e ne dispone la notificazione all’imputato.
4. In ogni caso la lettura dell’ordinanza che fissa la nuova udienza sostituisce la citazione e gli avvisi per tutti coloro che sono o devono considerarsi presenti.
5. Il giudice provvede a norma del comma 1 nel caso di assenza del difensore, quando risulta che l’assenza stessa è dovuta ad assoluta impossibilità di comparire per legittimo impedimento, purché prontamente comunicato. Tale disposizione non si applica se l’imputato è assistito da due difensori e l’impedimento riguarda uno dei medesimi ovvero quando il difensore impedito ha designato un sostituto o quando l’imputato chiede che si proceda in assenza del difensore impedito.
5 bis. Agli effetti di cui al comma 5 il difensore che abbia comunicato prontamente lo stato di gravidanza si ritiene legittimamente impedito a comparire nei due mesi precedenti la data presunta del parto e nei tre mesi successivi ad esso (1).

Articolo 420 ter - Codice di Procedura Penale

1. Quando l’imputato, anche se detenuto, non si presenta all’udienza e risulta che l’assenza è dovuta ad assoluta impossibilità di comparire per caso fortuito, forza maggiore o altro legittimo impedimento, il giudice, con ordinanza, anche d’ufficio, rinvia ad una nuova udienza e dispone che sia rinnovato l’avviso all’imputato, a norma dell’articolo 419, comma 1.
2. Con le medesime modalità di cui al comma 1 il giudice provvede quando appare probabile che l’assenza dell’imputato sia dovuta ad assoluta impossibilità di comparire per caso fortuito o forza maggiore. Tale probabilità è liberamente valutata dal giudice e non può formare oggetto di discussione successiva né motivo di impugnazione.
3. Quando l’imputato, anche se detenuto, non si presenta alle successive udienze e ricorrono le condizioni previste dal comma 1, il giudice rinvia anche d’ufficio l’udienza, fissa con ordinanza la data della nuova udienza e ne dispone la notificazione all’imputato.
4. In ogni caso la lettura dell’ordinanza che fissa la nuova udienza sostituisce la citazione e gli avvisi per tutti coloro che sono o devono considerarsi presenti.
5. Il giudice provvede a norma del comma 1 nel caso di assenza del difensore, quando risulta che l’assenza stessa è dovuta ad assoluta impossibilità di comparire per legittimo impedimento, purché prontamente comunicato. Tale disposizione non si applica se l’imputato è assistito da due difensori e l’impedimento riguarda uno dei medesimi ovvero quando il difensore impedito ha designato un sostituto o quando l’imputato chiede che si proceda in assenza del difensore impedito.
5 bis. Agli effetti di cui al comma 5 il difensore che abbia comunicato prontamente lo stato di gravidanza si ritiene legittimamente impedito a comparire nei due mesi precedenti la data presunta del parto e nei tre mesi successivi ad esso (1).

Note

(1) Questo comma è stato aggiunto dall’art. 1, comma 466, della L. 27 dicembre 2017, n. 205, a decorrere dal 1° gennaio 2018.

Massime

In tema di sospensione del processo per assenza dell’imputato, la deroga prevista per i processi in corso dall’art. 15 bis, comma secondo, L. 28 aprile 2014, n. 67, che consente l’applicazione delle disposizioni vigenti prima dell’entrata in vigore dell’indicata legge, è operativa solo se l’imputato sia stato dichiarato contumace e non sia stato emesso il decreto di irreperibilità. Cass. pen. sez. III 26 aprile 2017, n. 19618

Nel giudizio di legittimità non è prevista la partecipazione personale delle parti ed il rapporto processuale si costituisce validamente con la regolare notifica dell’avviso di udienza al difensore abilitato al patrocinio avanti le giurisdizioni superiori; ne consegue che non riveste alcun rilievo il personale impedimento dell’imputato posto a fondamento dell’istanza di rinvio dell’udienza. Cass. pen. sez. VI 20 aprile 2017, n. 19012

La condizione di sottoposizione dell’imputato alla misura dell’affidamento in prova al servizio sociale per lo svolgimento di un programma di recupero della tossicodipendenza presso una struttura pubblica o privata non costituisce legittimo impedimento a comparire, posto che si tratta di una modalità del trattamento in regime di libertà e non di una misura restrittiva della libertà personale (In motivazione la Corte ha precisato che l’imputato non deve chiedere alcuna autorizzazione per comparire all’udienza, essendo solo tenuto a dare tempestiva notizia al servizio sociale, e l’autorità giudiziaria non deve disporne la traduzione in udienza). Cass. pen. sez. I 9 maggio 2016, n. 19216

L’impedimento a comparire dell’imputato di cui all’art. 420-ter cod. proc. pen. – che concerne non solo la capacità di recarsi fisicamente in udienza, ma anche quella di partecipare attivamente, per l’esercizio del diritto costituzionale di difesa – sussiste anche in relazione ad una malattia a carattere cronico, purché determini un impedimento effettivo, legittimo e di carattere assoluto, riferibile ad una situazione non dominabile dall’imputato e a lui non ascrivibile (In applicazione di tale principio, la S.C. ha annullato l’ordinanza dichiarativa della contumacia di un’imputata affetta da “cardiopatia ischemica cronica con angioplastica coronarica ed episodi di ipertensione e recente dolore toracico” motivata con il carattere cronico della malattia e la mancata attestazione dell’incapacità di deambulare). Cass. pen. sez. III 14 marzo 2016, n. 10482

Il rinvio dell’udienza per impedimento legittimo del difensore per contemporaneo impegno professionale determina la sospensione del corso della prescrizione fino ad un termine massimo di sessanta giorni a far capo dalla cessazione dell’impedimento stesso, dovendosi applicare in tal caso la disposizione di cui all’art. 159, comma primo, n. 3, c.pfinel testo introdotto dall’art. 6 della legge 5 dicembre 2005, n. 251. Cass. pen. Sezioni Unite 2 febbraio 2015, n. 4909

È legittimo il provvedimento con cui il giudice di merito rigetti l’istanza di rinvio dell’udienza, per impedimento del difensore a comparire, documentata da un certificato medico che si limiti ad attestare un’infermità con stato febbrile (nella specie virosi respiratoria) e ad indicare una prognosi di quattro giorni senza precisare il grado di intensità di tale stato e la sua attitudine a determinare l’impossibilità a lasciare l’abitazione, trattandosi di elementi essenziali per la valutazione della fondatezza, serietà e gravità dell’impedimento, non riscontrabili laddove si tratti di una diagnosi e di una prognosi che, secondo nozioni di comune esperienza, denotino l’insussistenza di una condizione tale da comportare l’impossibilità di comparire in giudizio, se non a prezzo di un grave e non altrimenti evitabile rischio per la propria salute. Cass. pen. sez. V 26 gennaio 2015, n. 3558

In tema di legittimo impedimento, la scelta dell’imputato di rimanere estraneo al processo, conclamata dalla dichiarazione di contumacia, determina che in caso di rinvio dell’udienza egli non possa far valere un impedimento a comparire per la prosecuzione, senza far precedere la richiesta dalla volontà esplicita di voler partecipare al processo. (Fattispecie, nella quale la Corte ha ritenuto legittimo il mancato rinvio dell’udienza richiesto dall’imputato contumace per mezzo del difensore, sulla scorta della mera segnalazione, non accompagnata dalla espressa volontà di partecipare all’udienza, che nello stesso giorno era contemporaneamente chiamato a rendere testimonianza innanzi ad un’altra Autorità Giudiziaria). Cass. pen. sez. II 21 gennaio 2015, n. 2559

La detenzione all’estero dell’imputato per reato diverso da quello oggetto del giudizio, nota alla procedente autorità giudiziaria italiana, integra una causa di legittimo impedimento a comparire cui consegue la sospensione necessaria del giudizio ai sensi del novellato art. 420 quater c.p.p. che, per gli effetti previsti dall’art. 420 quinquies c.p.p. (come modificato dalla legge 28 aprile 2014, n. 67), è destinata a protrarsi per la durata dell’intera espiazione della pena dell’imputato all’estero. (In applicazione del principio, la Corte ha ritenuto immune da vizi la sentenza favorevole alla consegna di persona che, richiesta dall’autorità estera in forza di mandato di arresto europeo, era imputata in italia per altri reati). Cass. pen. sez. VI 18 novembre 2014, n. 47594

L’imputato sottoposto ad arresti domiciliari per altra causa, che intende comparire in udienza, ha l’onere di chiedere tempestivamente al giudice competente l’autorizzazione ad allontanarsi dal domicilio per il tempo necessario, non essendo, in tal caso, configurabile un obbligo dell’autorità giudiziaria procedente di disporne la traduzione. Cass. pen. sez. V 11 luglio 2014, n. 30825

Non sussiste il legittimo impedimento a comparire all’udienza preliminare dell’imputato sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora in comune diverso da quello in cui ha sede il Tribunale procedente, quando lo stesso non abbia chiesto l’autorizzazione al giudice competente per partecipare all’udienza. Cass. pen. sez. V 21 maggio 2014, n. 20726

La richiesta di rinvio per legittimo impedimento dell’imputato o del difensore, inviata a mezzo telefax in cancelleria, non è irricevibile né inammissibile; peraltro, l’utilizzo di tale irregolare modalità di trasmissione comporta l’onere, per la parte che intenda dolersi in sede di impugnazione dell’omesso esame della sua richiesta, di accertarsi del regolare arrivo del fax e del suo tempestivo inoltro al giudice procedente. Cass. pen. sez. II 25 febbraio 2014, n. 9030

L’assoluta impossibilità a comparire derivante da infermità fisica, quale causa ostativa del giudizio contumaciale, non va intesa in senso esclusivamente meccanicistico, come impedimento materiale che risulti superiore a qualsiasi sforzo umano, prescindendo dalle condizioni psico-fisiche in cui versa l’imputato, in quanto la garanzia sottesa all’esercizio del diritto di difesa comporta che egli sia in grado di presenziare al processo a suo carico come parte attiva della vicenda che lo coinvolge. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha ritenuto che la diagnosi di “insufficienza respiratoria in bronchitico-cardiopatia post infartuale”, pur non rappresentando una controindicazione assoluta al trasporto, fosse tale da integrare un legittimo impedimento a partecipare all’udienza). Cass. pen. sez. VI 27 marzo 2012, n. 11678

In tema di impedimento a comparire, può legittimamente procedersi in contumacia dell’imputato – detenuto agli arresti domiciliari per altra causa – quando tale condizione non emerga dagli atti e l’imputato, o il suo difensore, non si siano diligentemente attivati per darne comunicazione all’autorità giudiziaria procedente. Cass. pen. sez. VI 12 gennaio 2012, n. 841

È inammissibile l’istanza di rinvio dell’udienza – giustificata da impedimento dell’imputato, documentato da certificato medico – inoltrata a mezzo fax, stante la previsione di cui all’art. 121 c.p.p. che statuisce l’obbligo per le parti di presentare le memorie e le richieste rivolte al giudice mediante deposito in cancelleria; mentre il ricorso al telefax, quale forma particolare di notificazione, è riservato dall’art. 150 del codice di rito ai funzionari di cancelleria. Cass. pen. sez. V 24 marzo 2011, n. 11787

Non costituisce legittimo ed assoluto impedimento a partecipare al processo la necessità dell’imputato di sottoporsi ad un accertamento medico certificato come indifferibile a causa delle esigenze organizzative della struttura sanitaria presso cui deve essere eseguito e non in ragione delle specifiche ed impellenti condizioni di salute del medesimo. Cass. pen. sez. VI 30 dicembre 2010, n. 45659

È legittimo il provvedimento con cui il giudice di merito non accolga una richiesta di rinvio per impedimento dell’imputato a comparire, documentato da un certificato medico che si limiti ad attestare l’infermità (nella specie, faringo tracheite) con esiti febbrili e la prognosi, senza indicare il grado della febbre, essenziale alla valutazione della fondatezza, serietà e gravità dell’impedimento. Cass. pen. sez. VI 3 giugno 2010, n. 20811

Non costituisce legittimo impedimento a comparire dell’imputato la condizione di sottoposizione alla misura dell’affidamento in prova per lo svolgimento di un programma di recupero dalla tossicodipendenza presso una struttura pubblica o privata, sicché l’autorità giudiziaria procedente non ha l’obbligo di disporne la traduzione in udienza. Cass. pen. sez. V 1 giugno 2010, n. 20730

L’ordinanza di rinvio a tempo indeterminato del dibattimento per il legittimo impedimento dell’imputato a comparire comporta la sospensione del corso della prescrizione ancorchè il provvedimento non lo specifichi espressamente. (Fattispecie relativa al rinvio del dibattimento per la detenzione all’estero dell’imputato). Cass. pen. sez. VI 30 marzo 2010, n. 12497

L’assoluta impossibilità a comparire derivante da infermità fisica, come causa ostativa del giudizio contumaciale, non va intesa come impedimento esclusivamente meccanico dell’imputato a fare ingresso nell’aula d’udienza, in quanto la facoltà di comparire, che è estrinsecazione dell’esercizio del diritto di difesa, implica che l’imputato sia in grado di presenziare al processo a suo carico in modo vigile ed attivo. (Nella specie, la Corte ha ritenuto che la patologia riscontrata all’imputato – consistita in una sindrome algica lombo­sacrale acuta irradiata ad entrambi gli arti inferiori e trattata con oppioidi forti – non solo comportasse una difficoltà nella deambulazione, ma anche l’incapacità a comparire all’udienza per chi volesse esercitare, con la necessaria tranquillità, il diritto di difesa). Cass. pen. sez. VI 25 novembre 2008, n. 43885

La detenzione per altra causa, sopravvenuta nel corso del processo e comunicata solo in udienza, integra un legittimo impedimento a comparire dell’imputato (preclusivo del giudizio contumaciale), anche nel caso in cui questi avrebbe potuto comunicare al giudice il suo sopravvenuto stato detentivo, in tempo utile per consentire la traduzione. Né, in senso contrario, potrebbe sostenersi la sussistenza di un onere posto a carico dell’imputato di tempestiva comunicazione del suo legittimo impedimento sopravvenuto, giacché, nel codice di rito, un onere di «prontamente» comunicare il proprio impedimento è imposto solo al difensore (articolo 420 ter, comma 5, del c.p.p.), con una previsione che, in tutta evidenza, riguarda tutt’altra materia, quella della difesa tecnica nel processo (che può comunque essere assicurata con la nomina di un difensore di ufficio), e non quella dell’autodifesa, indelegabile e non confiscabile. Cass. pen. Sezioni Unite 14 novembre 2006, n. 37483

La conoscenza di un legittimo impedimento dell’imputato (quale, la detenzione sopravvenuta per altra causa) preclude la dichiarazione di contumacia, e solo ove l’imputato impedito esplicitamente consenta che l’udienza avvenga in sua assenza, o, se detenuto, rifiuti di assistervi, trova applicazione l’istituto dell’assenza, ai sensi dell’articolo 420 quinquies del codice di procedura penale. Cass. pen. Sezioni Unite 14 novembre 2006, n. 37483

La detenzione dell’imputato all’estero, conseguente a domanda di estradizione presentata dallo Stato italiano, costituisce legittimo impedimento a comparire nel procedimento pendente in Italia nei suoi confronti e preclude, pertanto, la celebrazione del giudizio in contumacia, a nulla rilevando che egli non abbia prestato il consenso all’estradizione, in quanto dall’esercizio del relativo diritto non può derivargli, nel predetto procedimento, alcun pregiudizio. Cass. pen. Sezioni Unite 13 maggio 2003, n. 21035

L’imputato che si trovi agli arresti domiciliari per altra causa, in forza di un provvedimento sopravvenuto alla notificazione del decreto di citazione a giudizio, è legittimamente impedito a comparire, per cui è nulla, ex art. 178 comma 1 lett. c) c.p.p.la dichiarazione di contumacia pronunciata sul presupposto della mancata tempestiva comunicazione al giudice procedente della situazione detentiva, in quanto l’art. 420 ter c.p.p.espressamente richiamato dall’art. 484 c.p.p. non impone all’imputato un onere di pronta comunicazione dell’impedimento, previsto, invece, solo per il difensore). Cass. pen. sez. II 10 dicembre 2002, n. 41252

L’istituto dell’impedimento a comparire del difensore, previsto dall’art. 420 ter c.p.p. in relazione all’udienza preliminare, non è applicabile al giudizio camerale di appello che sul punto resta disciplinato dall’art. 127 c.p.p.espressamente richiamato dall’art. 599, comma 1, nonché dallo stesso comma 2 dell’articolo da ultimo citato, secondo i quali il rinvio dell’udienza camerale è possibile solo se sussiste un legittimo impedimento dell’imputato che abbia chiesto di essere sentito personalmente ovvero quando abbia manifestato la volontà di comparire. Cass. pen. sez. IV 4 ottobre 2002, n. 33283

La partecipazione ad una seduta della Camera di appartenenza – anche alla luce di quanto stabilito dalla sentenza della Corte costituzionale n. 225 del 2001 – ben può costituire legittimo impedimento tale da determinare il rinvio dell’udienza, sia essa preliminare o dibattimentale, purché l’imputato istante, personalmente o tramite il proprio difensore, fornisca prova idonea dell’assoluto impedimento derivante dall’esercizio di funzioni parlamentari. Qualora tale prova sia insufficiente o impossibile, come nel caso di impedimento relativo ad un momento futuro e dedotto in base alla mera convocazione della seduta della Camera, il giudice, pur non avendo l’obbligo, ha il potere di verificare la sussistenza dell’impedimento, a garanzia del rispetto delle funzioni parlamentari e delle esigenze dell’imputato. (In applicazione di tale principio la Corte ha escluso che l’adozione di un’ordinanza con cui il giudice esercita il potere di verificare l’impedimento dell’imputato a comparire in udienza, addotto con riferimento all’attività di parlamentare e non provato in modo idoneo dall’imputato medesimo, rappresenti comportamento macroscopicamente anomalo e settario, valutabile come sintomatico di grave inimicizia, idonea a fondare un’istanza di ricusazione del giudice). Cass. pen. sez. VI 27 febbraio 2002, n. 7798

In tema di impedimento a comparire, grava sull’imputato che abbia ricevuto regolare notifica del decreto di citazione per il giudizio, e che sia sottoposto all’obbligo di non allontanarsi senza autorizzazione dal territorio di un determinato comune, l’onere di attivarsi tempestivamente per ottenere detta autorizzazione e di comunicare al giudice procedente la propria volontà di presenziare all’udienza. (Fattispecie riguardante la partecipazione ad udienze di prosecuzione di imputato nei cui confronti era sopravvenuta esecuzione di provvedimento di sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di residenza, adottato ex art. 2 legge 31 maggio 1965 n. 575). Cass. pen. sez. VI 13 dicembre 2001, n. 44764

La disciplina in materia di impedimento a comparire dell’imputato o del difensore, dettata per l’udienza preliminare dall’art. 420 ter c.p.p.pur trovando applicazione, per il richiamo contenuto nell’art. 441, comma 1, stesso codice, anche nel giudizio abbreviato di primo grado, non è, invece, da considerare applicabile al giudizio camerale d’appello previsto dal combinato disposto degli artt. 443, comma 4, e 599 c.p.p.atteso che tali articoli sono rimasti immutati pur dopo l’entrata in vigore della legge 16 dicembre 1999 n. 479 (attuativa dei principi del «giusto processo» di cui al novellato art. 111 della Costituzione), per cui è da ritenere che l’udienza camerale di discussione del suddetto giudizio d’appello continui ad essere soggetta alla regola secondo la quale essa può essere rinviata solo se sussiste un legittimo impedimento dell’imputato che abbia chiesto di essere sentito personalmente ovvero abbia manifestato la volontà di comparire, giusta quanto previsto, rispettivamente, dall’art. 127, comma 4, e dall’art. 599, comma 2, c.p.p.; il che, manifestamente, non dà luogo ad alcuna disparità di trattamento suscettibile di costituire violazione dell’art. 3 della Costituzione. Cass. pen. sez. I 21 novembre 2001, n. 41687

In tema di rinvio del processo per adesione del difensore all’astensione proclamata dalla categoria professionale di appartenenza, l’art. 4, comma 1, lett. a), del Codice di autoregolamentazione – secondo cui non è consentita l’astensione dalle udienze penali da parte del difensore in relazione ai procedimenti relativi a reati di imminente prescrizione e cioè, quanto ai procedimenti pendenti in sede di legittimità, in relazione ai giudizi per i quali la prescrizione è destinata a maturare entro il termine di novanta giorni – dev’essere interpretato nel senso che l’adesione del difensore non è permessa solo se tutti i reati per i quali si procede si prescrivono in detto termine. Cass. pen. sez. III 6 maggio 2019, n. 18844

Nei procedimenti di esecuzione e di sorveglianza, non si applica l’art. 420-ter, comma 5, cod. proc. pen. relativo al rinvio dell’udienza per legittimo impedimento del difensore, di talché, anche in tale ipotesi, la partecipazione necessaria del medesimo è assicurata dalla nomina di un difensore d’ufficio. Cass. pen. sez. I 4 settembre 2018, n. 39808

Il legittimo impedimento addotto dal difensore a fondamento della richiesta di rinvio per un concomitante impegno professionale deve essere documentato mediante allegazione di copia conforme, con attestazione della cancelleria, di uno degli atti del diverso procedimento pregiudicante idoneo a dimostrare la coincidenza della data di celebrazione del processo. (Nella specie la S.C. ha escluso che la mera produzione dell’istanza di rinvio sulla quale era stata apposta l’attestazione ” visto per la verità” da parte della cancelleria dell’ufficio presso il quale pendeva il procedimento concomitante, fosse idonea a documentare l’impegno professionale addotto a giustificazione dell’istanza di rinvio). Cass. pen. sez. III 22 febbraio 2018, n. 8537

Non costituisce legittimo impedimento del difensore, idoneo a dar luogo ad un rinvio dell’udienza ai sensi dell’art. 420-ter cod. proc. pen. il contemporaneo impegno assunto dal difensore in attività di docenza presso una scuola di specializzazione per le professioni legali, dovendo escludersi che tale tipologia di impegno possa essere ricondotta ad un impedimento di natura professionale. Cass. pen. sez. II 7 giugno 2017, n. 28363

Nel giudizio abbreviato di appello, soggetto al rito camerale, si applica l’art. 420-ter, comma quinto, cod. proc. pen. che impone il rinvio del procedimento in caso di dedotto legittimo impedimento del difensore, fermo restando che, ove il difensore non comparso non abbia dedotto legittimo impedimento, il procedimento può proseguire senza necessità di provvedere alla sua sostituzione ex art. 97, comma quarto, cod. proc. pen. Cass. pen. sez. II 2 gennaio 2017, n. 8

L’impedimento del difensore a comparire in udienza dovuto a serie, imprevedibili e attuali ragioni di salute, debitamente documentate e tempestivamente comunicate, non comporta l’obbligo di nominare un sostituto processuale o di indicare le ragioni della mancata nomina. (Fattispecie in cui la S.C. ha censurato il provvedimento con cui il giudice di merito ha rigettato l’istanza di rinvio dell’udienza motivandola esclusivamente sulla mancata designazione, da parte del difensore impedito, del sostituto processuale). Cass. pen. Sezioni Unite 3 ottobre 2016, n. 41432

Il disposto di cui all’art. 420 ter c.p.p.secondo cui il legittimo impedimento del difensore può costituire causa di rinvio dell’udienza preliminare, non trova applicazione con riguardo agli altri procedimenti camerali, ivi compresi quelli per i quali la presenza del difensore è prevista come necessaria, soccorrendo, in tali ipotesi, la regola dettata dall’art. 97, comma quarto, c.p.p.. (Fattispecie relativa a rinnovazione dell’istruttoria disposta dal giudice di appello ai sensi dell’art. 599, comma terzo, c.p.p. nella quale la Corte di cassazione ha giudicato illegittima la decisione di procedere alla assunzione di una testimonianza in assenza del difensore dell’imputato e senza provvedere alla necessaria nomina di un difensore di ufficio). Cass. pen. sez. V 17 giugno 2015, n. 25501

L’impegno professionale del difensore in altro procedimento costituisce legittimo impedimento che dà luogo ad assoluta impossibilità a comparire, ai sensi dell’art. 420 ter, comma quinto, c.p.p.a condizione che il difensore: a) prospetti l’impedimento non appena conosciuta la contemporaneità dei diversi impegni; b) indichi specificamente le ragioni che rendono essenziale l’espletamento della sua funzione nel diverso processo; c) rappresenti l’assenza in detto procedimento di altro codifensore che possa validamente difendere l’imputato; d) rappresenti l’impossibilità di avvalersi di un sostituto ai sensi dell’art. 102 c.p.p. sia nel processo a cui intende partecipare sia in quello di cui chiede il rinvio. (Nella specie, la S.C. ha escluso che l’impossibilità di nominare un sostituto potesse desumersi dalla deduzione del difensore secondo cui gli assistiti intendevano avvalersi della sua opera professionale, e non di quella di sostituti). Cass. pen. sez. VI 14 maggio 2015, n. 20130

L’istanza di rinvio per legittimo impedimento del difensore, inviata a mezzo telefax in cancelleria, non è nulla o inesistente e, pertanto, il giudice è tenuto ad esaminarla, ma l’utilizzo di tale irregolare modalità di trasmissione espone il richiedente al rischio della intempestività, nell’ipotesi in cui detta istanza non venga portata a conoscenza del giudice procedente. Cass. pen. sez. V 19 febbraio 2015, n. 7706

L’impegno professionale del difensore in altro procedimento costituisce legittimo impedimento che dà luogo ad assoluta impossibilità a comparire, ai sensi dell’art. 420 ter, comma quinto, cod. proc. pen.a condizione che il difensore: a) prospetti l’impedimento non appena conosciuta la contemporaneità dei diversi impegni; b) indichi specificamente le ragioni che rendono essenziale l’espletamento della sua funzione nel diverso processo; c) rappresenti l’assenza in detto procedimento di altro codifensore che possa validamente difendere l’imputato; d) rappresenti l’impossibilità di avvalersi di un sostituto ai sensi dell’art. 102 cod. proc. pen. sia nel processo a cui intende partecipare sia in quello di cui chiede il rinvio. Cass. pen. Sezioni Unite 2 febbraio 2015, n. 4909

Nel caso di istanza di rinvio per impedimento professionale del difensore, a questi già noto all’atto della nomina finalizzata all’espletamento dell’incarico in relazione al quale si richiede il rinvio, non può ritenersi operante la disposizione dell’art. 420 ter, comma quinto, cod. proc. pen. perché la formulazione della norma intende dare rilevanza ed apprestare tutela solo agli impedimenti che sopravvengono all’atto di nomina ed all’accettazione del mandato difensivo, e non anche a quelli preesistenti al conferimento dell’incarico. Cass. pen. sez. V 2 ottobre 2014, n. 41000

In tema di adesione del difensore all’astensione proclamata dagli organismi rappresentativi della categoria, la relativa dichiarazione può essere trasmessa a mezzo telefax alla cancelleria del giudice procedente, dovendo applicarsi la norma speciale contenuta nell’art. 3, comma secondo, del vigente codice di autoregolamentazione, secondo la quale l’atto contenente la dichiarazione di astensione può essere “trasmesso o depositato nella cancelleria del giudice o nella segreteria del pubblico ministero”. (In motivazione, la S.C. ha precisato che tale soluzione appare imposta non solo da un’interpretazione letterale della norma, che non richiede l’adozione di forme particolari per la comunicazione o il deposito, ma anche da un’interpretazione adeguatrice e sistematica, più rispondente all’evoluzione del sistema di comunicazioni e noti.che, oltre che alle esigenze di semplificazione e celerità richieste dal principio della ragionevole durata del processo). Cass. pen. Sezioni Unite 29 settembre 2014, n. 40187

È illegittimo il provvedimento di rigetto dell’istanza di rinvio dell’udienza, presentata per l’impedimento del difensore di fiducia a parteciparvi a causa di malattia, se motivata in relazione alla mancata nomina da parte del difensore impedito di un sostituto processuale o dell’omessa documentazione circa l’impossibilità di procedere a detta nomina, giacché la legge processuale non impone al medesimo alcun obbligo in tal senso. Cass. pen. sez. VI 23 luglio 2014, n. 32699

Nei procedimenti relativi a misure cautelari personali non è consentita l’astensione dalle udienze da parte del difensore che aderisca ad una protesta di categoria, in quanto l’art. 4 del Codice di “Autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli avvocati”, adottato il 4 aprile 2007 e ritenuto idoneo dalla Commissione di garanzia dell’attuazione della legge sullo sciopero nei servizi essenziali con delibera del 13 dicembre 2007, avente valore di normativa secondaria, esclude espressamente che l’astensione possa riguardare le udienze penali “afferenti misure cautelari”. (In applicazione di tale principio è stata rigettata l’istanza di rinvio avanzata dal difensore dell’imputato nel giudizio di cassazione proposto ai sensi dell’art. 311 c.p.p.). Cass. pen. Sezioni Unite 19 giugno 2013, n. 26711

In tema di impedimento a comparire del difensore, va considerato come “prontamente comunicato” quell’impedimento che sia reso noto al giudice non appena conosciuta la contestualità degli impegni professionali. (Nella specie, la Corte ha ritenuto non tempestiva la comunicazione dell’impegno di un difensore che, non avendo partecipato all’udienza in quanto sostituito da difensore di ufficio, aveva depositato l’istanza di differimento dopo dieci giorni, a decorrere da detta udienza in relazione ad un’udienza di poco successiva, fondando la richiesta sulla sussistenza di impegni professionali da tempo preesistenti). Cass. pen. sez. VI 20 dicembre 2012, n. 49759

Al procedimento camerale del giudizio abbreviato di appello non si applica l’art. 420 ter, comma quinto, c.p.p.che impone il rinvio del procedimento in caso di impedimento del difensore. (In motivazione la Corte ha chiarito che, nella menzionata udienza camerale, la presenza delle parti è facoltativa e solo per l’imputato è espressamente previsto, dall’art. 599 comma secondo, c.p.p.che, ove abbia manifestato la volontà di presenziare alla udienza, questa deve essere rinviata in caso di suo legittimo impedimento). Cass. pen. sez. I 22 febbraio 2012, n. 6907

La regola stabilita dall’art. 420 ter, comma 5, c.p.p.secondo la quale l’udienza preliminare è rinviata in caso di legittimo impedimento del difensore, trova applicazione, per identità di ratio, anche con riguardo al procedimento camerale d’appello disciplinato dall’art. 599 c.p.p. (Fattispecie in tema di giudizio abbreviato). Cass. pen. sez. II 14 dicembre 2000, n. 13033

L’impedimento a comparire del difensore per contemporaneo impegno professionale si considera prontamente comunicato, e quindi costituisce causa di rinvio a nuova udienza, quando è posto alla cognizione del giudice con congruo anticipo e, cioè, in prossimità della conoscenza da parte del difensore della contemporaneità degli impegni. (Fattispecie nella quale è stata ritenuta intempestiva l’istanza di rinvio presentata soltanto il giorno precedente quello d’udienza, pur se la notificazione dell’avviso concernente l’impegno professionale concorrente risaliva a diversi giorni prima). Cass. pen. sez. II 1 giugno 2010, n. 20693

È affetta da nullità assoluta, insanabile e rilevabile anche d’ufficio in ogni stato e grado del processo, la sentenza emessa dal giudice d’appello che, investito dal difensore di una richiesta di rinvio per legittimo impedimento a comparire, documentato e dedotto a mezzo fax trasmesso in data antecedente all’udienza, ometta di pronunciarsi sulla stessa. (In motivazione la Corte ha precisato che alla luce dell’evoluzione del sistema di comunicazioni e noti.che, è da ritenere consentita la trasmissione di istanze e richieste anche a mezzo fax, non ostandovi il dato letterale dell’art. 420 ter, comma quinto, c.p.p.il quale si limita a richiedere che l’impedimento sia “prontamente comunicato”, senza indicare le modalità). Cass. pen. sez. III 18 marzo 2010, n. 10637

Nel giudizio di cassazione, l’adesione del difensore dell’imputato ad astensione collettiva dalle udienze non opera in riferimento a reati il cui termine di prescrizione maturi entro 90 giorni, come individuati dal codice di autoregolamentazione dell’Avvocatura. Cass. pen. sez. III 25 febbraio 2010, n. 7620

Nel caso di istanza di rinvio per concomitante impegno professionale del difensore, spetta al giudice effettuare una valutazione comparativa dei diversi impegni al fine di contemperare le esigenze della difesa e quelle della giurisdizione, accertando se sia effettivamente prevalente l’impegno privilegiato dal difensore per le ragioni rappresentate nell’istanza e da riferire alla particolare natura dell’attività cui occorre presenziare, alla mancanza o assenza di un codifensore nonché all’impossibilità di avvalersi di un sostituto a norma dell’art. 102 c.p.p. Cass. pen. Sezioni Unite 17 luglio 2009, n. 29529

La tempestività della comunicazione dell’impedimento a comparire del difensore, per concorrente impegno professionale, deve essere valutata, ai fini della decisione sulla richiesta di rinvio, in riferimento al momento in cui il difensore stesso ha avuto cognizione dell’impedimento. Cass. pen. sez. VI 16 aprile 2009, n. 16054

Il legittimo impedimento di uno solo dei due difensori di fiducia dell’imputato, non consentendo il rinvio dell’udienza ex art. 420 ter, comma quinto, c.p.p. non comporta in caso di erroneo accoglimento dell’istanza da parte del giudice la sospensione del corso della prescrizione ai sensi dell’art. 159, comma primo, lett. c), c.p. Cass. pen. sez. III 12 marzo 2009, n. 10822

L’impedimento del difensore per contemporaneo impegno professionale, quantunque tutelato dall’ordinamento con il riconoscimento del diritto al rinvio dell’udienza, non costituisce un’ipotesi d’impossibilità assoluta a partecipare all’attività difensiva e non dà luogo pertanto a un caso in cui vengono in applicazione i limiti di durata della sospensione del corso della prescrizione previsti dall’art. 159, comma primo, n. 3, c.p. nel testo introdotto dall’art. 6 della L. 5 dicembre 2005 n. 251. Cass. pen. sez. I 1 dicembre 2008, n. 44609

La richiesta di differimento dell’udienza per concomitante impegno professionale del difensore deve essere corredata anche dalla giustificazione della mancata nomina di un sostituto, come è desumibile, oltreché da ragioni d’ordine sistematico, dall’ultimo periodo dell’art. 420 ter comma quinto c.p.p. Cass. pen. sez. V 27 novembre 2008, n. 44299

Il disposto di cui all’art. 420 ter c.p.p.secondo cui il legittimo impedimento del difensore può costituire causa di rinvio dell’udienza preliminare, non trova applicazione con riguardo agli altri procedimenti camerali, ivi compresi quelli per i quali la presenza del difensore è prevista come necessaria, soccorrendo, in tali ipotesi, la regola dettata dall’art. 97, comma quarto, c.p.p. Cass. pen. Sezioni Unite 22 settembre 2006, n. 31461

L’istituto dell’impedimento a comparire del difensore, previsto dall’art. 420 ter c.p.p. in relazione all’udienza preliminare, non è applicabile al giudizio camerale di appello che sul punto resta disciplinato dall’art. 127 c.p.p.espressamente richiamato dall’art. 599 comma 1, nonché dallo stesso comma 2 dell’articolo da ultimo citato, secondo i quali il rinvio dell’udienza camerale è possibile solo se sussiste un legittimo impedimento dell’imputato che abbia chiesto di essere sentito personalmente ovvero quando abbia manifestato la volontà di comparire. Cass. pen. sez. IV 28 gennaio 2003, n. 1256

La disciplina relativa all’impedimento del difensore, già prevista dal comma 5 dell’abrogato art. 486 c.p.p.e ora riprodotta nell’art. 420 ter, comma 5, stesso codice, non trova applicazione nel procedimento di esecuzione e di sorveglianza, ove la partecipazione necessaria del difensore, in caso di mancanza, anche giustificata, di quello di fiducia, viene assicurata dalla nomina di un difensore d’ufficio. Cass. pen. sez. I 20 giugno 2000, n. 3529

La disposizione già contenuta nell’art. 486, comma 5, c.p.p. ed ora trasfusa nell’art. 420 ter, comma 5, stesso codice, secondo cui il giudice deve sospendere o rinviare l’udienza in caso di assoluto e giustificato impedimento del difensore a comparire, non può trovare applicazione nei procedimenti camerali diversi dall’udienza preliminare (con specifico riferimento alla quale, nella sua nuova funzione, il citato art. 420 bis è stato introdotto), valendo tale principio anche quando trattisi di procedimenti per i quali (come nel caso previsto dall’art. 666, comma 4, c.p.p.), sia prescritta la presenza necessaria del difensore; prescrizione, questa, per la cui osservanza è sufficiente che si provveda, ove manchi il difensore di fiducia, alla sostituzione del medesimo con un difensore d’ufficio. Cass. pen. sez. I 25 maggio 2000, n. 2405

Non costituisce legittimo impedimento dell’imputato straniero l’avvenuta espulsione del medesimo dal territorio dello Stato, atteso che l’art.17 d.lgs. 25 luglio 1998 n. 286 gli conferisce la facoltà di rientrare temporaneamente in Italia per l’esercizio del diritto di difesa. Cass. pen. sez. VI 9 aprile 2018, n. 15739

Qualora il giudice, su richiesta del difensore, accordi un rinvio della udienza, pur in mancanza delle condizioni che integrano un legittimo impedimento per concorrente impegno professionale del difensore, il corso della prescrizione è sospeso per tutta la durata del differimento, discrezionalmente determinato dal giudice avuto riguardo alle esigenze organizzative dell’ufficio giudiziario, ai diritti e alle facoltà delle parti coinvolte nel processo e ai principi costituzionali di ragionevole durata del processo e di efficienza della giurisdizione. Cass. pen. Sezioni Unite 2 febbraio 2015, n. 4909

È inammissibile l’istanza di rinvio dell’udienza – giustificata da impedimento dell’imputato, documentato da certificato medico – inoltrata a mezzo fax, stante la previsione di cui all’art. 121 c.p.p. che statuisce l’obbligo per le parti di presentare le memorie e le richieste rivolte al giudice mediante deposito in cancelleria; mentre il ricorso al telefax, quale forma particolare di notificazione, è riservato dall’art. 150 del codice di rito ai funzionari di cancelleria. Cass. pen. sez. V 24 marzo 2011, n. 11787

Nei procedimenti di esecuzione e di sorveglianza, perché acquisti rilevanza il legittimo impedimento dell’interessato, la sua preventiva richiesta di essere sentito personalmente è necessaria solo quando si tratti di detenuto e non anche quando il condannato si trovi in stato di libertà. Cass. pen. sez. I 9 dicembre 2008, n. 45475

È illegittimo il provvedimento di rigetto della richiesta di rinvio dell’udienza proposta dall’imputato per un impedimento che non sia riconosciuto meritevole di considerazione in esito ad accertamenti disposti dal giudice, che si siano conclusi con l’acquisizione di informazioni erronee rilasciate dalla struttura ospedaliera presso la quale l’imputato era ricoverato. Cass. pen. sez. V 22 gennaio 2008, n. 3435

In tema di impedimento a comparire, può legittimamente procedersi in contumacia dell’imputato – detenuto per altra causa – allorché tale condizione non risulti dagli atti, sia sconosciuta al giudice e l’imputato, pur potendo, non si sia attivato, con un minimo di diligenza, per comunicarla, posto che l’impossibilità oggettiva a comparire, per essere rilevante, implica l’irresistibilità dell’ostacolo e la prova che l’interessato ha tenuto un comportamento adeguato all’intenzione di superarlo. Cass. pen. sez. IV 7 dicembre 2006, n. 40292

Nel caso di assenza in dibattimento sia dell’imputato che del difensore, risulta preliminare la decisione sull’effettiva rilevanza dell’impedimento a comparire eventualmente prospettato dall’imputato e comunque l’eventuale dichiarazione della sua contumacia, cui il giudice deve provvedere sentito il pubblico ministero e il sostituto designato per il difensore assente. Solo dopo avere deciso sulla posizione dell’imputato, quindi, il giudice può prendere in esame la richiesta di rinvio per impedimento del difensore. Di conseguenza, non è viziata da nullità ai sensi dell’articolo 178 lettera c) c.p.p. la dichiarazione di contumacia dell’imputato, allorché il giudice, a tal fine, abbia nominato d’ufficio un sostituto del difensore assente, che sia stato poi ritenuto legittimamente impedito. Il difensore che abbia ottenuto la sospensione o il rinvio del dibattimento per legittimo impedimento a comparire ha diritto all’avviso della nuova udienza solo quando non ne sia stabilita la data già nell’ordinanza di rinvio, poiché, nel diverso caso di rinvio a udienza fissa, la lettura dell’ordinanza sostituisce la citazione e gli avvisi sia per l’imputato contumace che per il difensore impedito. (Mass. redaz.). Cass. pen. Sezioni Unite 9 marzo 2006, n. 8285

Non è causa di nullità l’omessa notifica all’imputato, già dichiarato contumace all’udienza preliminare, dell’avviso di fissazione dell’incidente probatorio ammesso nel corso della medesima udienza, atteso che questi, ai sensi dell’art. 420 quater, comma secondo, c.p.p. è rappresentato a tutti gli effetti dal difensore. (Fattispecie relativa ad incidente probatorio ammesso nell’udienza preliminare in epoca antecedente alle modi.che introdotte dalla legge 28 aprile 2014, n. 67). Cass. pen. sez. III 8 maggio 2015, n. 19192

L’imputato già dichiarato contumace, successivamente espulso coattivamente dal territorio nazionale, è in stato di legittimo impedimento quando tale condizione emerge dagli atti ovvero quando egli, o il suo difensore, si sono diligentemente attivati per darne comunicazione all’autorità giudiziaria procedente, anche nel medesimo giorno dell’udienza. Cass. pen. sez. III 3 marzo 2015, n. 9229

La mancata comparizione in udienza dell’imputato detenuto, che abbia rinunciato ad essere presente, non dà luogo a contumacia, ma a mera assenza, con la conseguenza che, in tal caso, non sussiste alcun obbligo di notifica dell’avviso di deposito della sentenza, previsto solo per l’imputato contumace. (Fattispecie in cui la Corte ha escluso il diritto alla notifica dell’estratto della sentenza in capo ad imputato che, originariamente dichiarato contumace, aveva rinunciato a comparire alle successive udienze). Cass. pen. sez. VI 29 gennaio 2015, n. 4318

La restrizione dell’imputato agli arresti domiciliari per altra causa, sopravvenuta nel corso del processo e comunicata solo in udienza, integra un’ipotesi di legittimo impedimento a comparire e preclude la celebrazione del giudizio in contumacia, anche quando risulti che l’imputato medesimo avrebbe potuto informare il giudice del sopravvenuto stato di detenzione in tempo utile per la traduzione, in quanto non è configurabile a suo carico, a differenza di quanto accade per il difensore, alcun onere di tempestiva comunicazione dell’impedimento. Cass. pen. sez. IV 5 maggio 2014, n. 18455

In tema di giudizio contumaciale, qualora, in presenza di una rituale “vocatio in ius” e non risultando addotta l’esistenza di alcun legittimo impedimento, venga tuttavia omessa la formale declaratoria di contumacia dell’imputato, questi deve comunque ritenersi rappresentato, a tutti gli effetti, dal difensore presente e non ha, pertanto, diritto a essere avvisato della data della successiva udienza alla quale il processo venga eventualmente, per altra ragione, rinviato, valendo anche per lui l’avviso che, all’atto del rinvio, venga dato al suddetto difensore. Cass. pen. sez. IV 15 gennaio 2014, n. 1497

L’omissione della dichiarazione di contumacia non è causa di nullità della sentenza, in quanto si tratta di nullità non prevista dalla legge e dalla quale non deriva alcun pregiudizio alla difesa dell’imputato. Cass. pen. sez. V 24 settembre 2008, n. 36651

In tema di contumacia dell’imputato, il limite processuale alla possibilità di revoca della dichiarazione di contumacia, su istanza o d’ufficio, non è più riferibile alla decisione come provvedimento, ma alla chiusura della discussione e quindi alla decisione come fase immediatamente successiva, allorché il collegio si ritira in camera di consiglio per la decisione. Cass. pen. sez. II 18 settembre 2003, n. 35761

In caso di mancata, ingiustificata comparizione dell’imputato e di ritenuto, legittimo impedimento del difensore di fiducia, parimenti non comparso, deve ritenersi legittima la dichiarazione di contumacia dell’imputato, pronunciata previa nomina di un difensore d’ufficio, cui abbia fatto seguito il rinvio dell’udienza ad altra data per l’impedimento del difensore di fiducia, con avviso solo a quest’ultimo e non anche all’imputato, in quanto rappresentato, quest’ultimo, ex lege, dal suo difensore. Cass. pen. sez. III 2 agosto 2004, n. 33183

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche