Art. 412 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Avocazione delle indagini preliminari per mancato esercizio dell'azione penale

Articolo 412 - codice di procedura penale

1. Il procuratore generale presso la corte di appello, se il pubblico ministero non esercita l’azione penale o non richiede l’archiviazione nel termine previsto dall’articolo 407, comma 3 bis, dispone, con decreto motivato, l’avocazione delle indagini preliminari (1). Il procuratore generale svolge le indagini preliminari indispensabili e formula le sue richieste entro trenta giorni dal decreto di avocazione (258 trans.).
2. Il procuratore generale può altresì disporre l’avocazione a seguito della comunicazione prevista dall’art. 409 comma 3.

Articolo 412 - Codice di Procedura Penale

1. Il procuratore generale presso la corte di appello, se il pubblico ministero non esercita l’azione penale o non richiede l’archiviazione nel termine previsto dall’articolo 407, comma 3 bis, dispone, con decreto motivato, l’avocazione delle indagini preliminari (1). Il procuratore generale svolge le indagini preliminari indispensabili e formula le sue richieste entro trenta giorni dal decreto di avocazione (258 trans.).
2. Il procuratore generale può altresì disporre l’avocazione a seguito della comunicazione prevista dall’art. 409 comma 3.

Note

(1) Questo periodo è stato così sostituito dall’art. 1, comma 30, lett. b), della L. 23 giugno 2017, n. 103, a decorrere dal 3 agosto 2017. A norma dell’art. 1, comma 36, della L. 23 giugno 2017, n. 103, tali disposizioni si applicano ai procedimenti nei quali le notizie di reato sono iscritte nell’apposito registro di cui all’articolo 335 del codice di procedura penale successivamente alla data di entrata in vigore della predetta legge.

Massime

In tema di avocazione delle indagini preliminari, il procuratore generale può esercitare l’azione penale anche in relazione a reati emersi a seguito del provvedimento di avocazione. (In motivazione la Corte ha aggiunto che il principio enunciato è conforme alle esigenze di ragionevole durata del procedimento, in quanto consente di evitare la separazione di parte del procedimento e la sua rimessione al P.M. già rimasto inerme). Cass. pen. sez. II 6 giugno 2017, n. 27971

In tema di avocazione, il procuratore generale può esercitare il suo potere esclusivamente nei due casi tassativamente previsti dall’art. 412 c.p.p.e cioè nell’ipotesi di inerzia del pubblico ministero relativamente all’esercizio dell’azione penale, o, in alternativa, alla richiesta di archiviazione, e nell’ipotesi di fissazione dell’udienza di opposizione ai sensi dell’art. 409, comma 3 c.p.p.. Il potere di avocazione da parte del procuratore generale non è invece previsto nel caso di rifiuto del pubblico ministero di chiedere la riapertura delle indagini ai sensi dell’art. 414 c.p.p. su richiesta della persona offesa. Cass. pen. sez. VI 16 aprile 2003, n. 18175

In tema di archiviazione, in caso di revoca della richiesta avanzata dal pubblico ministero ad opera del procuratore generale avocante, non viene meno il potere del giudice delle indagini preliminari di disporre, all’esito dell’udienza in camera di consiglio, l’espletamento di ulteriori indagini, a norma dell’art. 409, comma 4 c.p.p.attraverso la fissazione del termine indispensabile per il compimento delle stesse. (Fattispecie in cui la Corte di cassazione ha escluso che l’esercizio del potere di “revoca” possa espropriare il giudice, ritualmente investito, del corrispondente potere decisorio). Cass. pen. sez. II 6 marzo 2003, n. 10575

In tema di avocazione delle indagini preliminari, il procuratore generale può esercitare tale potere in tutti i casi in cui il giudice non accoglie de plano la richiesta di archiviazione, fissando l’udienza camerale a norma sia dell’art. 409, comma secondo, c.p.p. sia dell’art. 410, comma terzo, c.p.p. Infatti, anche in caso di fissazione dell’udienza conseguente alla opposizione della persona offesa, il giudice ne deve dare comunicazione al procuratore generale (ex art. 410, comma terzo, che richiama l’art. 409, comma terzo, c.p.p.); e, in base all’art. 412, comma secondo, il procuratore generale può disporre l’avocazione “a seguito della comunicazione prevista dall’art. 409 comma 3”. Una volta intervenuta l’avocazione del procedimento, l’ufficio avocante assume tutti i poteri spettanti all’ufficio avocato in ordine all’esercizio dell’azione penale. Ne consegue che è in potere del procuratore generale avocante di revocare la richiesta di archiviazione, il che impedisce al giudice, a pena di abnormità del provvedimento, di decidere sulla originaria richiesta del pubblico ministero, superata dal contrarius actus dell’ufficio avocante. Cass. pen. sez. VI 21 marzo 2000, n. 1176

La mancata ottemperanza da parte del P.M. all’ordinanza del Gip di rigetto della richiesta di archiviazione si risolve sostanzialmente nel mancato esercizio dell’azione penale, per cui il procuratore generale a norma dell’art. 412 c.p.p.è tenuto ad esercitare il potere di avocazione. Cass. pen. sez. III 1 agosto 1990, n. 2420

Non è configurabile conflitto di competenza tra P.M. e Gip in ordine all’eventuale difforme opinamento della necessità o meno di ulteriori indagini, in quanto la situazione di stasi che potrebbe derivare dal contrasto tra giudice e pubblico ministero, è destinata a risolversi o con l’avocazione del procedimento da parte del procuratore generale che non ritenga di condividere le scelte del P.M. competente e compia le ulteriori indagini richieste dal G.I.P. o con la decisione di quest’ultimo, che imponga al P.M.fermo nel richiedere l’archiviazione, anche dopo l’espletamento delle indagini richieste o magari senza averle svolte, di formulare l’imputazione nel termine di dieci giorni. Cass. pen. sez. I 7 giugno 1990 

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747