Art. 405 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Termini per la conclusione delle indagini preliminari

Articolo 405 - codice di procedura penale

(4)[1. Il pubblico ministero, quando non deve richiedere l’archiviazione, esercita l’azione penale, formulando l’imputazione, nei casi previsti nei titoli II, III, IV e V del libro VI ovvero con richiesta di rinvio a giudizio.] (5)
1 bis. Il pubblico ministero, al termine delle indagini, formula richiesta di archiviazione quando la Corte di cassazione si è pronunciata in ordine alla insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, ai sensi dell’articolo 273, e non sono stati acquisiti, successivamente, ulteriori elementi a carico della persona sottoposta alle indagini. (2) (3) 
2. Salvo quanto previsto dagli articoli 406 e 415-bis, il pubblico ministero conclude le indagini preliminari entro il termine di un anno dalla data in cui il nome della persona alla quale è attribuito il reato è iscritto nel registro delle notizie di reato. Il termine è di sei mesi, se si procede per una contravvenzione, e di un anno e sei mesi, se si procede per taluno dei delitti indicati nell’articolo 407, comma 2. (1)
3. Se è necessaria la querela, l’istanza o la richiesta di procedimento, il termine decorre dal momento in cui queste pervengono al pubblico ministero.
4. Se è necessaria l’autorizzazione a procedere, il decorso del termine è sospeso dal momento della richiesta a quello in cui l’autorizzazione perviene al pubblico ministero.

Articolo 405 - Codice di Procedura Penale

(4)[1. Il pubblico ministero, quando non deve richiedere l’archiviazione, esercita l’azione penale, formulando l’imputazione, nei casi previsti nei titoli II, III, IV e V del libro VI ovvero con richiesta di rinvio a giudizio.] (5)
1 bis. Il pubblico ministero, al termine delle indagini, formula richiesta di archiviazione quando la Corte di cassazione si è pronunciata in ordine alla insussistenza dei gravi indizi di colpevolezza, ai sensi dell’articolo 273, e non sono stati acquisiti, successivamente, ulteriori elementi a carico della persona sottoposta alle indagini. (2) (3) 
2. Salvo quanto previsto dagli articoli 406 e 415-bis, il pubblico ministero conclude le indagini preliminari entro il termine di un anno dalla data in cui il nome della persona alla quale è attribuito il reato è iscritto nel registro delle notizie di reato. Il termine è di sei mesi, se si procede per una contravvenzione, e di un anno e sei mesi, se si procede per taluno dei delitti indicati nell’articolo 407, comma 2. (1)
3. Se è necessaria la querela, l’istanza o la richiesta di procedimento, il termine decorre dal momento in cui queste pervengono al pubblico ministero.
4. Se è necessaria l’autorizzazione a procedere, il decorso del termine è sospeso dal momento della richiesta a quello in cui l’autorizzazione perviene al pubblico ministero.

Note

1) Il presente comma prima modificato dall’art. 6, D.L. 08.06.1992, n. 306 (G.U. 08.06.1992, n. 133) con decorrenza dal 08.08.1992 e dall’art. 17, L. 16.12.1999, n. 479 (G.U. 18.12.1999, n. 296) con decorrenza dal 02.01.2000, è stato da ultimo così sostituito dall’art. 22, comma 1, lett. a), D.Lgs. 10.10.2022, n. 150 con decorrenza dal 30.12.2022.
(2) Il presente comma è stato inserito dall’art. 3 L. 20.02.2006, n. 46, con decorrenza dal 09.03.2006.
(3) È costituzionalmente illegittimo l’art. 405, comma 1-bis (C. cost. 24.04.2009, n. 121).
(4) La rubrica del presente articolo è stata così sostituita dall’art. 22, comma 1, lett. a), D.Lgs. 10.10.2022, n. 150 con decorrenza dal 30.12.2022.
(5) Il presente comma è stato abrogato dall’art. 98, comma 1, lett. a), D.Lgs. 10.10.2022, n. 150 con decorrenza dal 30.12.2022.

Massime

L’attribuzione dei procedimenti alla cognizione del giudice collegiale, determinata da ragioni di connessione, diviene definitiva ed irrevocabile per effetto dell’esercizio dell’azione penale mediante deposito della richiesta di rinvio a giudizio nella cancelleria del giudice, in applicazione del principio di “perpetuatio iurisdictionis”. (Fattispecie in cui la Corte ha dichiarato la competenza del tribunale in composizione collegiale in riferimento a reato di per sé attribuito alla cognizione del medesimo ufficio in composizione monocratica ritenendo irrilevante che per il reato commesso, rientrante nelle attribuzioni del giudice collegiale, fosse stata pronunciata sentenza di non luogo a procedere). Cass. pen. sez. I 2 gennaio 2014, n. 69

In tema di riparazione per l’ingiusta detenzione, la pronuncia di incostituzionalità dell’art. 405, comma primo bis c.p.p. emessa dalla Corte costituzionalità con sentenza n. 129 del 2009, non ha fatto venir meno il presupposto dell’istanza di equa riparazione basata su un provvedimento di archiviazione adottato in base a quella norma. Cass. pen. sez. IV 8 aprile 2010, n. 13258

Ai fini della previsione di cui all’art. 405 cod. proc. pen.il termine delle indagini preliminari decorre dalla data del provvedimento con cui il pubblico ministero dispone l’iscrizione della notizia di reato e non da quella in cui l’iscrizione viene materialmente eseguita dal personale di segreteria. Cass. pen. sez. V 28 settembre 2017, n. 44909

Ai fini del computo della durata massima delle indagini preliminari, l’iscrizione per un nuovo reato a carico del medesimo indagato, individua il “dies a quo” da cui decorre il termine, ferma restando l’utilizzabilità degli elementi emersi prima della nuova iscrizione nel corso di accertamenti relativi ad altri fatti, attesa l’assenza di preclusioni derivanti dall’art. 407 cod. proc. pen. Cass. pen. sez. II 4 gennaio 2013, n. 150

La natura permanente del reato autorizza l’esecuzione delle indagini preliminari per tutta la sua durata. (Fattispecie, relativa ad associazione di stampo mafioso, nella quale la Corte ha rigettato l’eccezione di inutilizzabilità dei risultati delle intercettazioni, secondo il ricorrente compiute dopo la scadenza del termine per le indagini preliminari stabilito dall’art. 405 cod. proc. pen. perchè al momento del loro svolgimento il reato associativo era ancora in atto). Cass. pen. sez. VI 15 ottobre 2008, n. 38865

La fissazione, da parte del giudice per le indagini preliminari, nel provvedimento di autorizzazione alla prosecuzione delle indagini contro ignoti oltre il termine di sei mesi, di un nuovo termine per il completamento di dette indagini, è da considerare illegittima, senza che ciò possa tuttavia valere a rendere abnorme, e quindi ricorribile per cassazione, il medesimo provvedimento, dovendosi invece ritenere che il nuovo termine sia da considerare tamquam non esset e non pregiudichi, quindi, il potere-dovere del pubblico ministero di proseguire le indagini anche dopo la sua scadenza. Cass. pen. sez. IV 19 agosto 2005, n. 31355

I termini indicati dagli artt. 405 e 407 c.p.p. (rispettivamente per l’esercizio dell’azione penale e per la durata delle indagini preliminari) attengono soltanto al compimento delle indagini autonomamente svolte dal pubblico ministero e non anche al compimento delle ulteriori indagini da svolgere, ai sensi dell’art. 409, comma 4, c.p.p.su indicazione del giudice per le indagini preliminari. Questi può quindi provvedere a tale indicazione pur quando i suddetti termini siano scaduti e la scadenza abbia preceduto la stessa richiesta di archiviazione. Cianche in adesione a quanto ritenuto dalla Corte costituzionale nell’ordinanza n. 436 del 1991, secondo cui il decorso del termine per le indagini preliminari non comporta la decadenza del pubblico ministero dal potere di formulare le sue richieste, a seguito delle quali la disciplina stabilita in materia di termini dagli artt. 405, 406 e 407 c.p.p. non ha più modo di operare, poiché al rigoroso meccanismo legale che predetermina la durata delle indagini preliminari viene a sostituirsi una «flessibile» delibazione giurisdizionale, volta a calibrare il termine in funzione delle ulteriori indagini indicate come necessarie dal giudice. Cass. pen. sez. I 7 giugno 2000, n. 3191

A seguito della dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’art. 405, comma primo ­bis, c.p.p. (per effetto della pronuncia Corte costituzionale n. 121 del 2009), non sussiste l’interesse dell’indagato a ricorrere per l’annullamento di provvedimenti cautelari interdittivi che nelle more del giudizio d’impugnazione siano stati revocati o siano divenuti inefficaci, atteso che alle misure interdittive non si estende l’istituto della riparazione per ingiusta detenzione di cui all’art. 314 c.p.p.il quale giustifica la persistenza di uno specifico e concreto interesse all’impugnazione in caso di cessazione dell’operatività della misura. (Fattispecie in cui era stata revocata la misura della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio).Cass. pen. sez. VI 10 marzo 2010, n. 9479

Nel caso in cui la misura cautelare personale sia revocata nelle more del procedimento incidentale di impugnazione, l’interesse al gravame non può radicarsi in funzione del conseguimento della pronuncia della Corte di Cassazione sulla insussistenza degli indizi di colpevolezza ex art. 405 comma primo bis, c.p.p.in quanto il giudice di legittimità non si pronuncia sulla mancanza di indizi, bensì il suo sindacato riguarda di regola il difetto di motivazione sul fumus commissi delicti con la conseguenza che la disposizione citata, meccanicamente interpretata, determinerebbe un rapporto di dipendenza del procedimento principale da quello incidentale. (Nella fattispecie la Corte ha peraltro ritenuto meramente teorico il presupposto applicativo della norma circa l’esclusione dell’acquisizione di ulteriori elementi a carico dell’indagato ). Cass. pen. sez. II 3 settembre 2008, n. 34605

L’interesse dell’indagato a coltivare il ricorso per cassazione, nonostante la misura cautelare personale impugnata sia stata revocata o abbia perso efficacia, può permanere in concreto, in relazione alla disposizione dell’art. 405, comma primo bis, c.p.p.in quanto la decisione della Corte di cassazione in ordine all’insussistenza del quadro indiziario condiziona, se non seguita da un’ulteriore attività di acquisizione probatoria, la scelta del P.M. di iniziare o meno l’azione penale. (In motivazione la S.C. ha osservato che al di fuori dei casi in cui la verifica investa direttamente la sussistenza dei gravi indizi di colpevolezza – ad es. nelle ipotesi della pronuncia che rigetti il ricorso del P.M. avverso l’ordinanza del tribunale in sede di riesame o di appello cautelare, che abbia revocato la misura coercitiva applicata dal G.i.p.ovvero della sentenza di annullamento senza rinvio dell’ordinanza coercitiva impugnata con ricorso per saltum in cassazione – deve escludersi l’operatività del meccanismo di cui all’art. 405, comma primo bis, c.p.p.in quanto la Cassazione non interviene sulla insussistenza degli indizi di colpevolezza). Cass. pen. sez. VI 15 gennaio 2008, n. 2210

Ai fini dell’esercizio dell’azione penale, la norma di cui all’art. 405, comma primo bis, c.p.p.trova applicazione nell’ipotesi in cui la Corte di cassazione conosca direttamente dell’indizio di colpevolezza e pervenga, in ragione dell’assenza o dell’inidoneità degli elementi di prova raccolti, ad una decisione di annullamento senza rinvio del provvedimento oggetto di controllo (annullamento destinato a precludere l’esercizio dell’azione penale), non invece allorquando il sindacato di legittimità verta sulla sufficienza o sulla congruità logica dell’argomentazione in materia di indizi. Cass. pen. sez. VI 26 luglio 2007, n. 30534

Istituti giuridici

Novità giuridiche