Art. 287 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Condizioni di applicabilità delle misure interdittive

Articolo 287 - Codice di Procedura Penale

1. Salvo quanto previsto da disposizioni particolari, le misure previste in questo capo possono essere applicate solo quando si procede per delitti per i quali la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a tre anni (288, 289, 290, 308).

Articolo 287 - Codice di Procedura Penale

1. Salvo quanto previsto da disposizioni particolari, le misure previste in questo capo possono essere applicate solo quando si procede per delitti per i quali la legge stabilisce la pena dell’ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a tre anni (288, 289, 290, 308).

Note

Massime

In tema di responsabilità per gli illeciti dipendenti da reato, nei confronti dell’ente possono essere applicate in sede cautelare, sempre che ricorrano i presupposti del fumus delicti e del periculum in mora, soltanto le sanzioni interdittive che siano irrogabili all’esito del giudizio di merito in quanto previste dalla legge in relazione al tipo di reato a cui si ricollega la responsabilità dell’ente. (Mass. redaz.). Cass. pen. sez. II 12 marzo 2007, n. 10500

È inammissibile, per carenza d’interesse, l’impugnazione del P.M. in relazione alla sola gravità del quadro indiziario, allorquando il Gip abbia rigettato la richiesta di applicazione della misura cautelare personale interdittiva ritenendo insussistenti anche le esigenze cautelari. Cass. pen. sez. II 4 aprile 2005, n. 12499

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche