Art. 190 bis – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Requisiti della prova in casi particolari

Articolo 190 bis - codice di procedura penale

(1) 1. Nei procedimenti per taluno dei delitti indicati nell’articolo 51, comma 3 bis, quando è richiesto l’esame di un testimone o di una delle persone indicate nell’articolo 210 e queste hanno già reso dichiarazioni in sede di incidente probatorio o in dibattimento nel contraddittorio con la persona nei cui confronti le dichiarazioni medesime saranno utilizzate ovvero dichiarazioni i cui verbali sono stati acquisiti a norma dell’articolo 238, l’esame è ammesso solo se riguarda fatti o circostanze diversi da quelli oggetto delle precedenti dichiarazioni ovvero se il giudice o taluna delle parti lo ritengano necessario sulla base di specifiche esigenze (2).
1 bis. La stessa disposizione si applica quando si procede per uno dei reati previsti dagli articoli 600 bis, primo comma, 600 ter, 600 quater, anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600 quater1, (3) 600 quinquies, 609 bis, 609 ter, 609 quater, 609 quinquies e 609 octies del codice penale, se l’esame richiesto riguarda un testimone minore degli anni diciotto (4) e, in ogni caso, quando l’esame testimoniale richiesto riguarda una persona offesa in condizione di particolare vulnerabilità (5) (6).

Articolo 190 bis - Codice di Procedura Penale

(1) 1. Nei procedimenti per taluno dei delitti indicati nell’articolo 51, comma 3 bis, quando è richiesto l’esame di un testimone o di una delle persone indicate nell’articolo 210 e queste hanno già reso dichiarazioni in sede di incidente probatorio o in dibattimento nel contraddittorio con la persona nei cui confronti le dichiarazioni medesime saranno utilizzate ovvero dichiarazioni i cui verbali sono stati acquisiti a norma dell’articolo 238, l’esame è ammesso solo se riguarda fatti o circostanze diversi da quelli oggetto delle precedenti dichiarazioni ovvero se il giudice o taluna delle parti lo ritengano necessario sulla base di specifiche esigenze (2).
1 bis. La stessa disposizione si applica quando si procede per uno dei reati previsti dagli articoli 600 bis, primo comma, 600 ter, 600 quater, anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600 quater1, (3) 600 quinquies, 609 bis, 609 ter, 609 quater, 609 quinquies e 609 octies del codice penale, se l’esame richiesto riguarda un testimone minore degli anni diciotto (4) e, in ogni caso, quando l’esame testimoniale richiesto riguarda una persona offesa in condizione di particolare vulnerabilità (5) (6).

Note

(1) Articolo aggiunto dall’art. 3, comma 3, del D.L. 8 giugno 1992, n. 306, in tema di criminalità mafiosa, convertito, con modificazioni, nella L. 7 agosto 1992, n. 356.
(2) Questo comma è stato così sostituito dall’art. 3 della L. 1 marzo 2001, n. 63, sul giusto processo.
(3) Le parole: «anche se relativi al materiale pornografico di cui all’articolo 600 quater 1,» sono state inserite dall’art. 14, comma 1, della L. 6 febbraio 2006, n. 38.
(4) Le parole: «anni sedici» sono state così sostituite dalle attuali: «anni diciotto» dall’art. 14, comma 3, della L. 19 luglio 2019, n. 69.
(5) Le parole: «e, in ogni caso, quando l’esame testimoniale richiesto riguarda una persona offesa in condizione di particolare vulnerabilità» sono state inserite dall’art. 1, comma 1, lett. e), del D.L.vo 15 dicembre 2015, n. 212.
(6) Questo comma è stato aggiunto dall’art. 13, comma 2, della L. 3 agosto 1998

Massime

L’assunzione dell’esame di persone che abbiano già reso dichiarazioni nei casi previsti dall’art. 190 bis cod. proc. pen. non deve essere disposto solo perchè la parte interessata lo abbia richiesto, gravando su quest’ultima l’onere di prospettare le ragioni che rendano necessaria la reiterazione della prova e spettando comunque al giudice di apprezzarne il merito anche alla luce di elementi di fatto eventualmente sopravvenuti. Cass. pen. sez. V 26 marzo 2012, n. 11616

La disciplina di cui all’art. 190 bis c.p.p. è applicabile anche nell’ipotesi in cui debba procedersi a rinnovazione dell’istruzione dibattimentale per sopravvenuto mutamento della persona del giudice. Cass. pen. sez. VI 3 giugno 2010, n. 20810

La disciplina dell’art. 190 bis c.p.p.secondo cui, nei procedimenti per taluno dei delitti indicati dall’art. 51 comma terzo bis c.p.p. l’esame di un testimone o di un soggetto ex art. 210 c.p.p.che abbia già reso dichiarazioni « in dibattimento nel contraddittorio» è ammesso solo se il giudice lo ritenga necessario, si applica anche nell’ipotesi in cui debba procedersi a rinnovazione dell’istruzione dibattimentale per sopravvenuto mutamento della persona del giudice. Cass. pen. sez. VI 16 febbraio 2006, n. 6221

La disciplina di cui al comma primo dell’art. 190 bis c.p.p. per la quale, nei procedimenti di cui al comma terzo bis dell’art. 51 stesso codice, l’esame dei testimoni o delle persone indicate nell’art. 210 che abbiano già reso dichiarazioni in sede di incidente probatorio o in dibattimento (nel contraddittorio con la persona nei cui confronti dette dichiarazioni dovranno essere utilizzate) è ammissibile solo quando riguardi fatti diversi o sia necessario sulla base di specifiche esigenze – si applica anche nell’ipotesi in cui debba procedersi a rinnovazione dell’istruttoria per il sopravvenuto mutamento della persona del giudice. Cass. pen. sez. VI 18 giugno 2003, n. 26119

La disciplina dettata dall’art. 190 bis c.p.p. secondo la quale l’esame di soggetti i quali abbiano già reso dichiarazioni acquisite in sede di incidente probatorio o in dibattimento, ovvero acquisite ai sensi dell’art. 238 c.p.p. può aver luogo solo in presenza di determinate condizioni, trova applicazione – non trattandosi di norma quali.cabile come eccezionale – anche nel caso di dichiarazioni rese nell’ambito del medesimo procedimento dinanzi a giudice al quale sia poi subentrato altro giudice, con conseguente necessità di rinnovazione del dibattimento. (Nella specie, in applicazione di tale principio, la S.C. ha ritenuto che correttamente, in giudizio svoltosi prima della parziale riformulazione dell’art. 190 bis c.p.p. introdotta dall’art. 3 della legge 1 marzo 2001 n. 63, il giudice di merito, in sede di rinnovazione dell’istruzione dibattimentale, avesse disposto, nonostante l’opposizione di taluna delle parti, la semplice lettura delle dichiarazioni rese in precedenza da alcuni «collaboranti», non avendo ravvisato l’assoluta necessità che costoro venissero sottoposti a nuovo esame). Cass. pen. sez. V 9 agosto 2001, n. 31072

In tema di istruzione dibattimentale, allorché si proceda per un reato diverso da quelli espressamente previsti dall’art. 190-bis cod. proc. pen. è consentita la lettura delle dichiarazioni rese dal testimone nel corso dell’incidente probatorio solo successivamente alla rinnovazione del suo esame, ove richiesto dalle parti e possibile. Cass. pen. sez. I 17 maggio 2019, n. 21731

In materia di reati sessuali in danno di minori, non si applica la disposizione di cui al comma primo bis dell’art. 190 bis c.p.p. quando è richiesta la ripetizione in dibattimento dell’esame della persona offesa, già sentita in sede di incidente probatorio, divenuta nel frattempo maggiorenne. (In motivazione, la Corte ha precisato che, in applicazione delle disposizioni generali di cui all’art.190 c.p.p.il riascolto è comunque inammissibile per manifesta superfluità della prova quando le circostanze dedotte nella richiesta di esame coincidono con quelle oggetto della precedente escussione). Cass. pen. sez. III 10 febbraio 2014, n. 6095

La notifica del decreto di citazione (nella specie per il giudizio d’appello) in luogo diverso dal domicilio dichiarato dall’imputato integra, ove non inidonea a determinare la conoscenza effettiva dell’atto, una nullità solo relativa che resta sanata se non eccepita immediatamente dopo l’accertamento della costituzione delle parti. Cass. pen. sez. III 28 maggio 2010, n. 20349

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747