Art. 165 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Notificazioni all'imputato latitante o evaso

Articolo 165 - codice di procedura penale

1. Le notificazioni all’imputato latitante o evaso (296; 385 c.p.) sono eseguite mediante consegna di copia al difensore (170).
2. Se l’imputato è privo di difensore, l’autorità giudiziaria designa un difensore di ufficio (97).
3. L’imputato latitante o evaso è rappresentato a ogni effetto dal difensore.

Articolo 165 - Codice di Procedura Penale

1. Le notificazioni all’imputato latitante o evaso (296; 385 c.p.) sono eseguite mediante consegna di copia al difensore (170).
2. Se l’imputato è privo di difensore, l’autorità giudiziaria designa un difensore di ufficio (97).
3. L’imputato latitante o evaso è rappresentato a ogni effetto dal difensore.

Massime

L’eventuale erronea dichiarazione di latitanza non determina una nullità assoluta per omessa citazione dell’imputato, bensì una nullità a regime intermedio da dedurre prima della pronuncia della sentenza di primo grado. (Nella specie, la Corte ha ritenuto sanata la nullità del decreto di latitanza per carente contenuto del verbale di vane ricerche, in quanto la stessa, verificatasi anteriormente alla decisione di primo grado, era stata dedotta solo nel ricorso per cassazione proposto avverso la sentenza d’appello). Cass. pen. sez. VI 13 marzo 2015, n. 10957

La notifica nei confronti dell’imputato latitante o evaso, successivamente arrestato all’estero, deve essere effettuata, ai sensi dell’art. 165 cod. proc. pen. mediante la consegna dell’atto al difensore, non potendo trovare applicazione la speciale procedura prevista dall’art. 169 cod. proc. pen. riguardante l’imputato dimorante o residente all’estero. Cass. pen. sez. III 23 ottobre 2014, n. 44065

La cessazione dello stato di latitanza, a seguito di arresto avvenuto all’estero in relazione ad altro procedimento penale, non implica la illegittimità delle successive notificazioni, eseguite nelle forme previste per l’imputato latitante, fino a quando il giudice procedente non abbia avuto notizia dell’arresto. A tal fine, è compito della polizia giudiziaria, deputata alle ricerche del latitante, di procedere alla costante verifica di tutte le informazioni, desumibili, tra l’altro, dai sistemi informativi nazionali ed internazionali e di comunicare prontamente alla autorità giudiziaria procedente l’eventuale arresto della persona ricercata. Cass. pen. Sezioni Unite 7 maggio 2014, n. 18822

Le notifiche all’imputato latitante sono effettuate in base alle stesse regole previste per l’imputato contumace, salvo espresse eccezioni indicate dalla legge. (Nella specie, la Corte ha ritenuto corretta la notifica del solo estratto contumaciale della sentenza di primo grado all’imputato rimasto latitante, respingendo il ricorso dell’imputato che riteneva necessaria la notifica dell’intera sentenza). Cass. pen. sez. II 20 giugno 2013, n. 26846

È legittima l’emissione del decreto di latitanza all’esito di ricerche svolte dalla polizia giudiziaria nei luoghi che risultano nella disponibilità dell’indagato sulla base delle risultanze in atti e non estese all’estero risultando la presenza dello stesso sul territorio nazionale nel periodo di adozione del provvedimento cautelare in ragione del rilascio in Italia di plurimi atti di nomina di difensori di fiducia dei quali gli stessi hanno provveduto ad autenticare la sottoscrizione. Cass. pen. sez. V 13 marzo 2012, n. 9637

Il provvedimento che dichiara la latitanza presuppone il verbale di vane ricerche, che la polizia redige a seguito della mancata esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare, indicando in modo specifico le indagini svolte nei luoghi in cui si presume l’imputato possa trovarsi, senza essere vincolata quanto ai luoghi di ricerca, dai criteri indicati in tema di irreperibilità. Né tale situazione postula necessariamente la conoscenza dell’interessato in ordine alla avvenuta emissione a suo carico del provvedimento restrittivo della libertà personale, essendo semplicemente sufficiente che egli sappia che un ordine o un mandato può essere emesso nei suoi confronti, evenienza che, una volta positivamente apprezzata con provvedimento del giudice, legittima alle notificazioni mediante consegna al difensore. Cass. pen. sez. V 1 febbraio 2010, n. 4114

In tema di latitanza, presupposto per le notificazioni da eseguirsi ai sensi dell’art. 165 c.p.p. è l’esistenza del relativo stato, che consegue non alla redazione del verbale di vane ricerche di cui all’art. 295 dello stesso codice ad opera della polizia giudiziaria, bensì al provvedimento del giudice il quale, pur avendo natura dichiarativa, è il risultato di una valutazione di merito in ordine al carattere sufficientemente completo ed esauriente delle ricerche svolte; in mancanza di tale provvedimento, pertanto, non può parlarsi di latitanza nell’accezione giuridico-processuale del termine e non possono conseguentemente verificarsi gli effetti che le norme del codice di rito a tale stato attribuiscono, ivi compreso quello delle modalità di notifica degli atti ai sensi dell’art. 165 anziché dell’art. 157 c.p.p. (In applicazione di tale principio la Corte ha dichiarato la nullità della procedura di riesame in quanto, pur in assenza del decreto dichiarativo della latitanza, l’avviso di fissazione dell’udienza camerale era stato notificato all’indagato istante mediante consegna di copia al difensore). Cass. pen. sez. II 25 settembre 1997, n. 4802

A differenza di quanto si verifica con riguardo agli avvisi destinati al difensore, la notificazione di atti diretti al latitante il quale sia assistito da due difensori può validatamente essere effettuata mediante consegna anche ad un solo soltanto di essi, dal momento che l’adempimento in questione non inerisce a diritto specifico dei difensori ma è soltanto finalizzato a realizzare una forma di conoscenza legale, da parte del latitante, dell’atto a lui destinato. Cass. pen. sez. VI 10 aprile 2001, n. 14712

In tema di notifica all’indagato latitante, nel caso in cui siano stati nominati due difensori fiduciari la notifica ex art. 165 c.p.p. non deve necessariamente essere effettuata presso entrambi i difensori poiché essa costituisce una forma di conoscenza legale dell’atto da parte del latitante ma non inerisce ai diritti specifici dei difensori. Cass. pen. sez. VI 10 aprile 2001, n. 14712

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747