Art. 161 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Domicilio dichiarato, eletto o determinato per le notificazioni

Articolo 161 - codice di procedura penale

1. Il giudice, il pubblico ministero o la polizia giudiziaria, nel primo atto compiuto con l’intervento della persona sottoposta alle indagini o dell’imputato non detenuto né internato, lo invitano a dichiarare uno dei luoghi indicati nell’art. 157 comma 1 ovvero a eleggere domicilio per le notificazioni (349), avvertendolo che, nella sua qualità di persona sottoposta alle indagini o di imputato, ha l’obbligo di comunicare ogni mutamento del domicilio dichiarato o eletto e che in mancanza di tale comunicazione o nel caso di rifiuto di dichiarare o eleggere domicilio, le notificazioni verranno eseguite mediante consegna al difensore (485). Della dichiarazione o della elezione di domicilio, ovvero del rifiuto di compierla, è fatta menzione nel verbale (134 ss., 171, lett. e).
2. Fuori del caso previsto dal comma 1, l’invito a dichiarare o eleggere domicilio è formulato con l’informazione di garanzia (369) o con il primo atto notificato per disposizione dell’autorità giudiziaria. L’imputato è avvertito che deve comunicare ogni mutamento del domicilio dichiarato o eletto e che in caso di mancanza, di insufficienza o di inidoneità della dichiarazione o della elezione, le successive notificazioni verranno eseguite nel luogo in cui l’atto è stato notificato (171, lett. e).
3. L’imputato detenuto che deve essere scarcerato per causa diversa dal proscioglimento definitivo e l’imputato che deve essere dimesso da un istituto per l’esecuzione di misure di sicurezza, all’atto della scarcerazione, o della dimissione ha l’obbligo di fare la dichiarazione o l’elezione di domicilio con atto ricevuto a verbale dal direttore dell’istituto. Questi lo avverte a norma del comma 1, iscrive la dichiarazione o elezione nell’apposito registro e trasmette immediatamente il verbale all’autorità che ha disposto la scarcerazione o la dimissione (171, lett. e).
4. Se la notificazione nel domicilio determinato a norma del comma 2 diviene impossibile, le notificazioni sono eseguite mediante consegna al difensore (485). Nello stesso modo si procede quando, nei casi previsti dai commi 1 e 3, la dichiarazione o l’elezione di domicilio mancano o sono insufficienti o inidonee. Tuttavia, quando risulta che, per caso fortuito o forza maggiore, l’imputato non è stato nella condizione di comunicare il mutamento del luogo dichiarato o eletto, si applicano le disposizioni degli artt. 157 e 159.

Articolo 161 - Codice di Procedura Penale

1. Il giudice, il pubblico ministero o la polizia giudiziaria, nel primo atto compiuto con l’intervento della persona sottoposta alle indagini o dell’imputato non detenuto né internato, lo invitano a dichiarare uno dei luoghi indicati nell’art. 157 comma 1 ovvero a eleggere domicilio per le notificazioni (349), avvertendolo che, nella sua qualità di persona sottoposta alle indagini o di imputato, ha l’obbligo di comunicare ogni mutamento del domicilio dichiarato o eletto e che in mancanza di tale comunicazione o nel caso di rifiuto di dichiarare o eleggere domicilio, le notificazioni verranno eseguite mediante consegna al difensore (485). Della dichiarazione o della elezione di domicilio, ovvero del rifiuto di compierla, è fatta menzione nel verbale (134 ss., 171, lett. e).
2. Fuori del caso previsto dal comma 1, l’invito a dichiarare o eleggere domicilio è formulato con l’informazione di garanzia (369) o con il primo atto notificato per disposizione dell’autorità giudiziaria. L’imputato è avvertito che deve comunicare ogni mutamento del domicilio dichiarato o eletto e che in caso di mancanza, di insufficienza o di inidoneità della dichiarazione o della elezione, le successive notificazioni verranno eseguite nel luogo in cui l’atto è stato notificato (171, lett. e).
3. L’imputato detenuto che deve essere scarcerato per causa diversa dal proscioglimento definitivo e l’imputato che deve essere dimesso da un istituto per l’esecuzione di misure di sicurezza, all’atto della scarcerazione, o della dimissione ha l’obbligo di fare la dichiarazione o l’elezione di domicilio con atto ricevuto a verbale dal direttore dell’istituto. Questi lo avverte a norma del comma 1, iscrive la dichiarazione o elezione nell’apposito registro e trasmette immediatamente il verbale all’autorità che ha disposto la scarcerazione o la dimissione (171, lett. e).
4. Se la notificazione nel domicilio determinato a norma del comma 2 diviene impossibile, le notificazioni sono eseguite mediante consegna al difensore (485). Nello stesso modo si procede quando, nei casi previsti dai commi 1 e 3, la dichiarazione o l’elezione di domicilio mancano o sono insufficienti o inidonee. Tuttavia, quando risulta che, per caso fortuito o forza maggiore, l’imputato non è stato nella condizione di comunicare il mutamento del luogo dichiarato o eletto, si applicano le disposizioni degli artt. 157 e 159.

Massime

La dichiarazione o elezione di domicilio effettuata dall’indagato in relazione ad un procedimento non perde di validità nel caso in cui, nel prosieguo delle indagini, intervengano modi.che relative alla esatta identificazione del “tempus” e del “locus commissi delicti”, in quanto l’elezione di domicilio risponde all’esigenza di semplificare i rapporti tra persona sottoposta alle indagini ed autorità procedente e non anche a quella di informare il soggetto sulla specifica imputazione elevata a suo carico. Cass. pen. sez. V 19 settembre 2019, n. 38732   D. B.

L’impossibilità della notificazione al domicilio dichiarato o eletto, che ne legittima l’esecuzione presso il difensore secondo la procedura prevista dall’art. 161, comma quarto, cod. proc. pen.può essere integrata anche dalla temporanea assenza dell’imputato al momento dell’accesso dell’ufficiale notificatore, senza che sia necessario procedere ad una verifica di vera e propria irreperibilità, così da quali.care come definitiva l’impossibilità di ricezione degli atti nel luogo dichiarato o eletto dall’imputato, considerati gli oneri imposti dalla legge a quest’ultimo – ove avvisato della pendenza di un procedimento a suo carico -e segnatamente l’obbligo di comunicare ogni variazione intervenuta successivamente alla dichiarazione o elezione di domicilio, resa all’avvio della vicenda processuale. Cass. pen. sez. VI 18 maggio 2017, n. 24864

È valida la notifica eseguita presso il domicilio eletto dall’imputato detenuto e non presso il luogo di detenzione, atteso che anche l’imputato detenuto ha facoltà di dichiarare o eleggere domicilio ai sensi dell’art. 161, comma primo, cod. proc. pen. (In motivazione la S.C. ha, altresì, precisato che l’elezione di domicilio, avendo natura di dichiarazione di volontà a carattere negozial-processuale – necessitante, ai fini della sua validità, del rispetto di determinate formalità – può essere superata, solo in forza di un atto formale di revoca e non in ragione di elementi fattuali). Cass. pen. sez. II 27 marzo 2017, n. 15102

La notificazione all’imputato è legittimamente eseguita al domicilio precedente quando la comunicazione della modifica di questo è intervenuta in data successiva a quella in cui l’atto è stato inoltrato all’ufficiale giudiziario, poiché, a norma dell’art, 162, comma quarto, cod. proc. pen.la dichiarazione o l’elezione di domicilio hanno efficacia dalla data in cui pervengono all’autorità procedente. Cass. pen. sez. V 13 novembre 2014, n. 47096

La notificazione all’imputato del decreto di citazione per il giudizio di appello presso lo studio del difensore di fiducia, invece che presso il domicilio eletto, in quanto eseguita in forme diverse da quelle prescritte, ma in concreto idonea a determinare una conoscenza effettiva dell’atto, dà luogo ad una nullità di ordine generale a regime intermedio, che, quindi, non può essere dedotta per la prima volta in sede di legittimità. Cass. pen. sez. VI 13 ottobre 2014, n. 42755

Quando vi è stata elezione di domicilio, la dichiarazione del domiciliatario che, pur non essendosi rifiutato di ricevere l’atto, abbia indicato un diverso recapito dell’imputato non legittima l’esecuzione della notifica mediante consegna al difensore a norma dell’art. 161 comma quarto cod. proc. pen. (In applicazione del principio, la Corte ha annullato con rinvio la sentenza impugnata per nullità del giudizio di appello derivante da nullità della notificazione del relativo decreto di citazione conseguente alla consegna dell’atto presso il difensore invece che presso il domicilio eletto). Cass. pen. sez. VI 13 maggio 2014, n. 19673

La dichiarazione e l’elezione di domicilio hanno nella dichiarazione di volontà espressa a verbale e nell’autenticazione della sottoscrizione dell’atto telegramma o lettera raccomandata-, in cui sono trasfuse, gli elementi di forma necessari alla loro validità. (La Corte ha precisato che l’indicazione normativa del telegramma e della lettera raccomandata non costituisce una tassativa prescrizione di forma ed attiene soltanto alle forme della comunicazione a distanza, che ben possono essere sostituite dalla presentazione diretta ). Cass. pen. sez. II 11 settembre 2008, n. 35191

In tema di notificazioni, la dichiarazione di domicilio prevale su una precedente elezione di domicilio, pur non espressamente revocata. (Fattispecie in cui l’indagato, al momento della scarcerazione per applicazione degli arresti domiciliari, aveva dichiarato il domicilio nel luogo di abitazione, senza revocare la precedente elezione di domicilio presso il difensore). Cass. pen. Sezioni Unite 18 dicembre 2006, n. 41280

L’elezione di domicilio non è validamente comunicata se è contenuta in un atto allegato all’atto di appello ed in quest’ultimo non specificamente indicato. Cass. pen. sez. II 4 dicembre 2006, n. 39919  .

In tema di notificazioni all’imputato, il domicilio eletto si distingue dal domicilio dichiarato perché, mentre in questo è indicato solo il luogo in cui gli atti debbono essere notificati, nel domicilio eletto viene indicata anche la persona (cosiddetto domiciliatario) presso la quale la notificazione deve eseguirsi e presuppone l’esistenza di un rapporto fiduciario fra il domiciliatario e l’imputato, rapporto fiduciario in virtù del quale il primo si impegna, nei confronti del secondo, a ricevere gli atti a questo destinati e a tenerli a sua disposizione. La dichiarazione e l’elezione di domicilio sono, pertanto, istituti che si differenziano per natura e funzione; la prima, corrispondendo a una dichiarazione reale, in quanto implica l’effettiva esistenza di una relazione fisica tra l’imputato e il luogo dichiarato, ha carattere di mera dichiarazione, la seconda, invece, rappresentando la manifestazione di un potere di autonomia dell’imputato di stabilire un luogo (diverso da quello della residenza, della dimora o del domicilio) e la persona (o l’ufficio) presso i quali intende che siano eseguite le notificazioni, ha carattere negoziale costitutivo recettizio. Ne consegue necessariamente che l’indicazione di un luogo per le notificazioni coincidente con l’abitazione dell’imputato deve essere intesa come dichiarazione di domicilio, anche se in essa sia stato fatto uso improprio del termine “elezione”, e che la revoca di una precedente elezione di domicilio deve essere espressamente rappresentata in una contraria manifestazione di volontà. (Fattispecie nella quale l’imputato lamentava la mancata notificazione, del decreto di citazione per il giudizio di secondo grado, presso il domicilio eletto, ossia presso l’indirizzo, pur diverso da quello coincidente con la residenza, indicato nel verbale di interrogatorio in epoca successiva alla “elezione” di domicilio, che era stata effettuata presso il difensore e non revocata; la S.C nell’enunciare il principio di cui in massima, ha ritenuto corretta la notificazione eseguita presso lo studio del difensore, anche per la mancata indicazione delle generalità del domiciliatario). Cass. pen. sez. III 23 maggio 2003, n. 22844  .

In presenza di una valida elezione di domicilio, ogni mutamento che sia ritualmente comunicato all’autorità procedente, comporta revoca dell’elezione precedente, potendosi ammettere la possibilità di una plurima elezione di domicilio, da parte dell’imputato, solo se essa venga operata con unico atto contenente una espressa, inequivoca manifestazione di volontà in tal senso. Cass. pen. sez. V 16 ottobre 2002, n. 34614

L’elezione o dichiarazione di domicilio sono valide ed efficaci unicamente nell’ambito del procedimento nel quale sono state effettuate, mentre non spiegano alcun effetto nell’ambito di altri procedimenti, sia pure geneticamente collegati a quello originario. (Nella fattispecie, l’elezione di domicilio era avvenuta nell’ambito di un procedimento per ricettazione, per il quale l’imputato era stato tratto in arresto e poi scarcerato; da detto procedimento aveva tratto origine altro, separato procedimento per il reato di falsa dichiarazione a p.u. sulla identità personale e, con riferimento a tale secondo procedimento, il giudice di merito aveva disposto notificarsi decreto di citazione a giudizio ed estratto contumaciale della sentenza di primo grado al domicilio eletto nel primo procedimento. La Suprema Corte, in applicazione del principio sopra enunciato, ha annullato l’ordinanza del giudice di appello che aveva dichiarato inammissibile il gravame dell’imputato, il quale aveva eccepito la nullità della notificazione della sentenza contumaciale di primo grado). Cass. pen. sez. V 4 luglio 2000, n. 3330

Nell’ipotesi in cui l’imputato indichi soltanto il luogo in cui devono essergli notificati gli atti processuali si ha dichiarazione di domicilio e non elezione di domicilio, la quale necessita altresì dell’indicazione del c.d. domiciliatario, e cioè della persona presso la quale la notifica deve eseguirsi. Quest’ultima, tuttavia può essere individuata anche con la denominazione del suo ufficio, essendo comunque sufficiente ad identificarla il nome, anche senza il prenome, sempre che nello stesso ufficio, nella stessa abitazione o nello stesso luogo indicati non risiedano più persone aventi tutti lo stesso nome. Cass. pen. sez. III 15 ottobre 1999, n. 11815

Ogni mutamento della dichiarazione o elezione di domicilio, ritualmente comunicato all’autorità procedente, comporta revoca della precedente dichiarazione o elezione, senza possibilità di elezione plurima, che sarebbe in contrasto con lo spirito, la lettera e le finalità della norma. L’istituto della elezione di domicilio è stato, infatti, introdotto nell’ordinamento per consentire all’autorità giudiziaria di individuare un recapito certo del destinatario degli atti giudiziari, ed a quest’ultimo di assicurarsi una sicura e tempestiva ricezione di essi. Cass. pen. sez. III 13 novembre 1998, n. 11775

L’elezione di domicilio prescinde dalla situazione di fatto, cioè dal rapporto reale tra l’imputato e un determinato luogo, e ha natura negoziale e valore costitutivo, in quanto consiste nella manifestazione di volontà di designare un luogo diverso da quello dell’abitazione effettiva e una persona fiduciariamente scelta ai fini della notificazione degli atti processuali. Tale elezione di domicilio, pur se efficace soltanto per il procedimento nel quale è stata fatta, si estende, tuttavia ad ogni stato e grado del medesimo, finché non intervenga una revoca espressa ovvero una nuova elezione di domicilio che implicitamente revochi la precedente. Ne consegue che l’indicazione, nella dichiarazione di appello, della propria casa di abitazione senza alcun’altra particolare specificazione, ancorché espressa come elezione di domicilio, non produce l’effetto di revocare l’elezione precedentemente effettuata, perché costituisce una semplice dichiarazione di domicilio che determina soltanto una più precisa identificazione dell’imputato, non una manifestazione di volontà da cui possa desumersi l’intendimento che gli atti riferentisi al dichiarante siano notificati al nuovo domicilio. Cass. pen. sez. I 15 maggio 1996, n. 4870  .

Non è affetta da nullità la notificazione del decreto di citazione in appello eseguita, nel caso di impossibilità della notificazione nel domicilio determinato a norma dell’art. 161, comma secondo, c.p.p.ad uno solo dei due difensori di fiducia dell’imputato. Cass. pen. sez. III 8 agosto 2007, n. 32259

Nei procedimenti relativi a giudizi di impugnazione, è onere dell’imputato, ai sensi dell’art. 161 c.p.p. e non diversamente dal mutamento di residenza o della diversa elezione di domicilio, comunicare al giudice del gravame il proprio stato di detenzione per altra causa ai fini delle occorrende notificazioni. In difetto di tale comunicazione, la notificazione a mani di persona capace e convivente nella residenza risultante dagli atti del processo o comunque dichiarata, così come nel domicilio eletto, è validamente eseguita; ciò tenuto conto che il legame di convivenza ed il connesso dovere di informazione non vengono meno per il temporaneo stato di detenzione, con conseguente idoneità di tale notificazione a mettere l’imputato in condizione di conoscere la data del giudizio. Cass. pen. sez. III 21 febbraio 2000, n. 1894  .

Ove non vi sia stata elezione o dichiarazione di domicilio, l’imputato che, prima dell’udienza dibattimentale, venga ristretto in stato di detenzione per altra causa non è tenuto a comunicare all’autorità giudiziaria procedente la situazione sopravvenuta. (Affermando siffatto principio la Cassazione ha ritenuto la nullità assoluta della notifica del decreto di citazione operata, nella situazione di cui sopra, non nel luogo di detenzione, ma con deposito nella casa comunale). Cass. pen. sez. VI 18 luglio 1995, n. 7978  .

Nell’ipotesi in cui dopo la prima notificazione, essendo stata omessa la dichiarazione o l’elezione di domicilio, nonché l’avvertimento prescritto dall’art. 161, comma 2, c.p.p.manca un domicilio «dichiarato, eletto o determinato», le successive notificazioni vanno compiute ai sensi dell’art. 157 dello stesso codice, che è norma generale, applicabile ove non derogata da una norma speciale. (Nella fattispecie, essendo stati omessi una rituale dichiarazione o elezione di domicilio, nonché l’avvertimento di cui all’art. 161, comma 2, la Corte ha ritenuto esattamente effettuata la notificazione alla persona imputata, a norma dell’art. 157 c.p.p. nel luogo dove essa risultava risiedere secondo una sua espressa dichiarazione in atti ed era andata a buon fine una precedente notificazione effettuata a mani proprie, senza che successivamente l’ufficiale giudiziario avesse accertato che la detta persona in quel luogo non avesse piné l’abitazione, né la dimora, né il lavoro abituale e senza che da parte del soggetto interessato fosse stata fornita la prova del contrario). Cass. pen. sez. VI 20 agosto 1994, n. 1778

La notifica all’imputato effettuata presso il domicilio eletto, ai sensi dell’art. 161 cod.proc.pen. è valida anche in caso di mutamento della toponomastica stradale, se tale variazione era già intervenuta all’atto di elezione del domicilio. Cass. pen. sez. I 26 settembre 2014, n. 39959

È affetta da vizio di nullità assoluta la notifica al difensore ai sensi dell’art. 161, comma quarto, cod. proc. pen non preceduta dal tentativo di eseguire l’adempimento nei confronti dell’imputato che ha eletto o dichiarato domicilio anche ove l’incombente sia stato successivamente effettuato con esito negativo. (Fattispecie relativa a rinnovazione di notifica del decreto di citazione per il giudizio di appello). Cass. pen. sez. VI 19 giugno 2014, n. 26498

È abnorme, e come tale immediatamente ricorribile per cassazione, la revoca del decreto penale di condanna adottata dal G.i.p. per la mancata trasmissione, da parte dell’ufficiale notificatore, della prova dell’avvenuta consegna del predetto decreto nel domicilio eletto o dichiarato dall’imputato. Cass. pen. sez. VI 10 dicembre 2008, n. 45684

L’elezione di domicilio effettuata dall’imputato, ai sensi dell’art. 161 c.p.p. nel procedimento originariamente condotto a suo carico conserva validità, se non revocata, per l’intera durata del procedimento ed estende i suoi effetti anche al diverso procedimento successivamente riunito al primo. Cass. pen. sez. VI 13 giugno 2001, n. 24083

In tema di notificazioni, la elezione di domicilio è una dichiarazione di volontà consistente nella scelta di una persona investita del potere di ricevere le notificazioni degli atti del procedimento in un luogo diverso da quello cui l’imputato è realmente legato. La persona presso la quale si elegge domicilio è liberamente scelta dall’imputato, senza che vi sia la necessità di un rapporto giuridico tra i due soggetti. Sovente il domiciliatario coincide con la figura del difensore, ma la legge non pone nessun obbligo consentendo all’imputato ampia e libera scelta in proposito. Ne consegue che il domiciliatario eletto non deve possedere alcuna quali.ca professionale e, quindi, non necessariamente deve essere un avvocato ne tantomeno il difensore dell’imputato. Cass. pen. sez. V 25 febbraio 1999, n. 2493 .

Quando vi sia stata elezione di domicilio, la notifica eseguita, non a mani proprie, in luogo diverso da quello indicato al momento dell’elezione è affetta da nullità assoluta, anche se effettuata al domicilio reale e di effettiva abitazione del soggetto. Cass. pen. sez. VI 2 maggio 1997, n. 1167  .

Il meccanismo di elezione di domicilio ope legis previsto dall’art. 33 del D.L.vo 28 luglio 1989, n. 271, secondo il quale il domicilio della persona offesa dal reato che abbia nominato un difensore si intende eletto presso quest’ultimo, trova ragione nel soddisfacimento di esigenze di speditezza e di economia processuale, e non già nello scopo di creare un assetto di garanzie, in tema di notifiche, a tutela della persona offesa, che risulterebbe di più ampio spessore rispetto a quello delineato dal legislatore nei confronti dello stesso imputato. Essendo la ratio della norma di carattere eminentemente pratico, deve ritenersi che la notifica effettuata a mani della persona offesa, anziché presso il difensore, sia valida, in quanto idonea a garantire la conoscenza dell’atto. D’altro canto, dai principi enucleati dalla giurisprudenza in tema di notifiche può desumersi, induttivamente, quello di carattere generale, secondo il quale alla certezza legale è pariordinata la certezza storica della conoscenza dell’atto. (Nella fattispecie il Gip presso il tribunale aveva dichiarato non luogo a provvedere sull’opposizione della persona offesa alla richiesta di archiviazione, in quanto tardiva, ritenendo rituale la notifica della predetta richiesta a mani della stessa persona offesa). Cass. pen. sez. V 7 aprile 1993, n. 351

Anche in caso di elezione di domicilio, ex art. 161 c.p.p.la notificazione eseguita personalmente all’imputato, mediante consegna di copia, può essere operata in qualsiasi luogo, così come, particolarmente – nella specie – nel luogo di sua residenza, sicché il rifiuto di riceverla non ha rilevanza alcuna e la notificazione si ha per eseguita. Cass. pen. sez. V 1 febbraio 1993, n. 829

È valida la notifica del decreto di citazione per il giudizio di primo grado effettuata mediante consegna ad una collaboratrice di studio di un avvocato domiciliatario, diverso dal difensore di fiducia, atteso che non sussiste un obbligo di elezione di domicilio esclusivamente presso quest’ultimo, mentre non rileva che l’avvocato domiciliatario non abbia prestato il proprio consenso, il quale non è richiesto (ed è, comunque, implicito nell’accettazione della notificazione), né che la consegna sia avvenuta a mani della collaboratrice, trattandosi di persona legittimata a riceverla ai sensi dell’art. 157 c.p.p. Cass. pen. sez. V ord. 21 marzo 2000, n. 5725

L’avvenuta dichiarazione o elezione di domicilio in sede di udienza di convalida dell’arresto, siccome proveniente da soggetto in stato di detenzione, non può valere agli effetti di cui all’art. 161, comma 1, c.p.p.trovando tale norma applicazione soltanto nel caso di soggetti non detenuti. Su detta dichiarazione o elezione, quindi, prevale quella che sia stata poi effettuata all’atto della dimissione dal carcere. Cass. pen. sez. IV 19 giugno 2003, n. 26437

È legittima la notificazione eseguita mediante consegna al difensore, in assenza dell’invito, al destinatario dell’atto, a dichiarare o eleggere domicilio al momento della scarcerazione, qualora egli vi abbia già provveduto in precedenza (nella specie, in sede di convalida dell’arresto), indicandolo nello studio del difensore medesimo. (Fattispecie nella quale il ricorrente aveva chiesto la restituzione in termine per proporre impugnazione avverso sentenza contumaciale divenuta irrevocabile, lamentando la nullità, ai sensi dell’art. 171, lett. e), c.p.p.della notificazione del relativo estratto in mancanza dell’avvertimento previsto dal precedente art. 161, comma 3). Cass. pen. sez. I 8 gennaio 2003, n. 114

È nulla la notificazione del decreto di fissazione dell’udienza preliminare, con conseguente nullità del decreto e di tutti gli atti successivi, eseguita presso il difensore, quale domicilio eletto dall’imputato, qualora quest’ultimo, all’atto di lasciare la casa circondariale per concessione degli arresti domiciliari, abbia dichiarato quale domicilio la propria dimora, in adempimento dell’obbligo di cui all’art. 161, comma 3, c.p.p.in quanto detta dichiarazione pone nel nulla la precedente elezione, senza che sia necessaria un’esplicita revoca della stessa. Cass. pen. sez. V 3 dicembre 2002, n. 40579

Nell’ipotesi in cui il detenuto liberando dichiari di non avere .ssa dimora, declinando l’invito di indicare o eleggere domicilio ai fini delle successive modificazioni, non è necessario che il direttore della struttura di custodia provveda agli avvertimenti ed alle informative di cui all’art. 161, primo e terzo comma, c.p.p.i quali hanno senso solo in relazione all’esercizio della facoltà-onere di domiciliazione. Cass. pen. sez. III 13 novembre 1993, n. 1867

La notificazione ai sensi dell’art. 161, comma quarto, cod. proc. pen. mediante consegna al difensore di un’unica copia dell’atto da notificare dà luogo ad una mera irregolarità, non produttiva di nullità, qualora risulti esplicitato, o sia comunque desumibile dall’atto, che la notificazione stessa è stata eseguita al medesimo sia in proprio che nella veste di consegnatario. (Nella fattispecie, relativa ad un decreto di citazione a giudizio in primo grado notificato al difensore di fiducia dell’imputato mediante consegna di una sola copia “nella qualità”, la Corte ha ritenuto che detta locuzione – da intendersi riferita all’esecuzione della notifica ex art. 161, comma quarto, cit.poiché l’imputato si era trasferito dal domicilio dichiarato – non avesse comunque impedito anche al professionista “in proprio” di conoscere la data del processo). Cass. pen. sez. II 21 aprile 2017, n. 19277

È inammissibile, per difetto di specificità del motivo, il ricorso per cassazione con cui si deduca la nullità assoluta della notificazione del decreto di citazione per il giudizio di appello effettuata presso lo studio del difensore di fiducia, anziché nel domicilio dichiarato o eletto dall’imputato, ove il ricorrente non alleghi elementi idonei a dimostrare credibilmente che, nonostante l’esistenza del rapporto fiduciario, l’imputato sia rimasto all’oscuro della “vocatio in ius”. (Fattispecie in cui la Corte ha escluso l’idoneità di una dichiarazione del difensore nella quale si affermava che l’imputato si era negato per mesi al telefono ed al portalettere, ma non si prospettava alcuna spiegazione di tale atteggiamento rispetto ai tentativi di contattarlo). Cass. pen. sez. VI 16 luglio 2015, n. 30897

In tema di notificazioni, l’omesso avvertimento all’imputato dell’obbligo di comunicare ogni variazione del domicilio precedentemente dichiarato o eletto è causa di nullità della notifica esclusivamente nel caso in cui la stessa sia avvenuta con consegna al difensore a causa dell’impossibilità di esecuzione presso tale domicilio e non anche nel caso in cui l’atto sia stato notificato al difensore nella qualità di domiciliatario dell’imputato. Cass. pen. sez. I 23 luglio 2014, n. 32880

È affetta da vizio di nullità assoluta la notifica al difensore ai sensi dell’art. 161, comma quarto, cod. proc. penfinon preceduta dal tentativo di eseguire l’adempimento nei confronti dell’imputato che ha eletto o dichiarato domicilio anche ove l’incombente sia stato successivamente effettuato con esito negativo. (Fattispecie relativa a rinnovazione di notifica del decreto di citazione per il giudizio di appello). Cass. pen. sez. VI 19 giugno 2014, n. 26498

In ipotesi di revoca espressa della elezione di domicilio presso il difensore di fiducia contestualmente revocato, deve ritenersi valida la notifica effettuata presso l’effettiva residenza dell’imputato risultante dagli atti e non presso il difensore ai sensi dell’art. 161, comma quarto, c.p.p.. (In motivazione, la Corte ha affermato che non devono essere privilegiate le modalità di notificazione dell’atto che assicurano soltanto una presunzione di conoscenza quando sia possibile ricorrere, senza difficoltà, ad un sistema che garantisca una conoscenza effettiva). Cass. pen. sez. I 30 maggio 2014, n. 22645

È legittima la notifica del decreto di citazione a giudizio effettuata ai sensi dell’art. 161 comma quarto c.p.p. mediante consegna al difensore che ha rinunciato al mandato, ma che non é stato ancora sostituito da uno nuovo. Cass. pen. sez. III 17 settembre 2013, n. 38039 ( 20 giugno 2013)

Istituti giuridici

Novità giuridiche

Codici e leggi

Codice Ambiente

Codice Antimafia

Codice Antiriciclaggio

Codice Civile

Codice Crisi d’Impresa

Codice dei Beni Culturali

Codice dei Contratti Pubblici

Codice del Consumo

Codice del Terzo Settore

Codice del Turismo

Codice dell’Amministrazione Digitale

Codice della Navigazione

Codice della Privacy

Codice della Protezione Civile

Codice della Strada

Codice delle Assicurazioni

Codice delle Comunicazioni Elettroniche

Codice delle Pari Opportunità

Codice di Procedura Civile

Codice di Procedura Penale

Codice Giustizia Contabile

Codice Penale

Codice Processo Amministrativo

Codice Processo Tributario

Codice Proprietà Industriale

Codice Rosso

Costituzione

Decreto Cura Italia

Decreto Legge Balduzzi

Disposizioni attuazione Codice Civile e disposizioni transitorie

Disposizioni di attuazione del Codice di Procedura Civile

Disposizioni di attuazione del Codice Penale

DPR 445 – 2000

Legge 104

Legge 23 agosto 1988 n 400

Legge 68 del 1999 (Norme per il diritto al lavoro dei disabili)

Legge Basaglia

Legge Bassanini

Legge Bassanini Bis

Legge Cambiaria

Legge Cure Palliative

Legge Di Bella

Legge Diritto d’Autore

Legge Equo Canone

Legge Fallimentare

Legge Gelli-Bianco

Legge Mediazione

Legge Pinto

Legge Severino

Legge Sovraindebitamento

Legge sul Divorzio

Legge sul Procedimento Amministrativo

Legge sulle Locazioni Abitative

Legge Testamento Biologico

Legge Unioni Civili

Norme di attuazione del Codice di Procedura Penale

Ordinamento Penitenziario

Preleggi

Statuto dei Lavoratori

Statuto del Contribuente

Testo Unico Bancario

Testo Unico Edilizia

Testo Unico Enti Locali

Testo Unico Espropri

Testo Unico Imposte sui Redditi

Testo Unico Iva

Testo Unico Leggi Pubblica Sicurezza

Testo Unico Sicurezza Lavoro

Testo Unico Stupefacenti

Testo Unico Successioni e Donazioni

Testo Unico sul Pubblico Impiego

Testo Unico sull’Immigrazione

Altre leggi

Codice Deontologico Forense

Codici Deontologici

Disciplina comunitaria e internazionale

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati – P.IVA 02542740747