Art. 138 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477 - aggiornato al D.Lgs. 08.11.2021, n. 188)

Trascrizione del verbale redatto con il mezzo della stenotipia

Articolo 138 - codice di procedura penale

1. Salvo quanto previsto dall’art. 483 comma 2, i nastri impressi con i caratteri della stenotipia (134, 135) sono trascritti in caratteri comuni non oltre il giorno successivo a quello in cui sono stati formati. Essi sono uniti agli atti del processo, insieme con la trascrizione.
2. Se la persona che ha impresso i nastri è impedita, il giudice dispone che la trascrizione sia affidata a persona idonea anche estranea all’amministrazione dello Stato (att. 51).

Articolo 138 - Codice di Procedura Penale

1. Salvo quanto previsto dall’art. 483 comma 2, i nastri impressi con i caratteri della stenotipia (134, 135) sono trascritti in caratteri comuni non oltre il giorno successivo a quello in cui sono stati formati. Essi sono uniti agli atti del processo, insieme con la trascrizione.
2. Se la persona che ha impresso i nastri è impedita, il giudice dispone che la trascrizione sia affidata a persona idonea anche estranea all’amministrazione dello Stato (att. 51).

Massime

In tema di documentazione degli atti, non determina nullità la mancanza di sottoscrizione da parte del tecnico sulle trascrizioni stenotipiche delle udienze o nel testo delle relative registrazioni. Cass. pen. sez. V 9 dicembre 2008, n. 45506

La trascrizione delle registrazioni, non soltanto non costituisce mezzo di prova, ma non può neppure identificarsi come una tipica attività di documentazione, fornita di una propria autonomia conoscitiva, rappresentando esclusivamente un’operazione di secondo grado volta a trasporre con segni grafici il contenuto delle registrazioni. Donde l’ontologica insussistenza, in relazione alle trascrizioni, di un problema di utilizzazione, potendo semmai denunciarsi la mancata corrispondenza fra il contenuto delle registrazioni e quello risultante dalle trascrizioni effettuate. D’altro canto, sarebbe del tutto ultroneo il richiamo alle norme relative alla perizia; non soltanto per il carattere di mera operazione dell’attività di trascrizione, comunque da distinguere dalla struttura gnoseologica dei mezzi di prova, dei quali può semmai, costituire una mera rappresentazione, ma per la fungibilità, che è propria dell’attività meramente riproduttiva, non in grado di poter essere qualificata alla stregua di un documento e, conseguentemente, di un mezzo di prova. Cass. pen. sez. VI 12 dicembre 1992, n. 11914

Istituti giuridici

Novità giuridiche