Art. 13 – Codice di Procedura Penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

Connessione di procedimenti di competenza di giudici ordinari e speciali

Articolo 13 - Codice di Procedura Penale

1. Se alcuni dei procedimenti connessi appartengono alla competenza di un giudice ordinario e altri a quella della Corte costituzionale (134 Cost.), è competente per tutti quest’ultima.
2. Fra reati comuni e reati militari, la connessione di procedimenti opera soltanto quando il reato comune è più grave di quello militare, avuto riguardo ai criteri previsti dall’art. 16 comma 3. In tale caso, la competenza per tutti i reati è del giudice ordinario (264 c.p.m.p.).

Articolo 13 - Codice di Procedura Penale

1. Se alcuni dei procedimenti connessi appartengono alla competenza di un giudice ordinario e altri a quella della Corte costituzionale (134 Cost.), è competente per tutti quest’ultima.
2. Fra reati comuni e reati militari, la connessione di procedimenti opera soltanto quando il reato comune è più grave di quello militare, avuto riguardo ai criteri previsti dall’art. 16 comma 3. In tale caso, la competenza per tutti i reati è del giudice ordinario (264 c.p.m.p.).

Note

Massime

All’udienza in camera di consiglio davanti alla Corte di cassazione, regolatrice del conflitto di giurisdizione instaurato tra il giudice ordinario e il giudice militare, è legittimato a partecipare esclusivamente il Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di cassazione. Cass. pen. Sezioni Unite 14 aprile 2017, n. 18621

La norma di cui all’art. 13, comma secondo, cod. proc. pen. che prevede, in caso di concorso tra reato comune e reato militare, la giurisdizione dell’autorità giudiziaria ordinaria allorché il primo sia più grave del secondo, si applica, in virtù del principio della “perpetuatio iurisdictionis”, anche al caso in cui all’esito del giudizio di primo grado l’imputato sia stato prosciolto dal reato che aveva comportato la giurisdizione del giudice ordinario. Cass. pen. sez. I 23 marzo 2017, n. 14289

Il giudice militare ha giurisdizione per il reato militare, che pure sia connesso con un più grave reato comune, se per tale ultimo non ricorra una condizione di procedibilità e non sia stata esercitata l’azione al momento in cui per il primo sia stato già disposto il giudizio, e ciò per l’impossibilità di trattazione congiunta. Cass. pen. sez. I 7 aprile 2011, n. 14008

Nel caso in cui nel reato militare concorrano civili insieme con i militari, nonostante la connessione tra i procedimenti, le sfere di giurisdizione rimangono separate, sicché il giudice militare mantiene integra nei confronti dei concorrenti militari la propria giurisdizione e quello ordinario nei confronti dei concorrenti civili. Cass. pen. Sezioni Unite 10 febbraio 2006, n. 5135

L’art. 13 comma 2 c.p.p.che non ha abrogato l’art. 264 c.p.m.p. (c.p. mil. pace), si applica nella delimitazione della vis attractiva nella giurisdizione ordinaria di tutti i casi di connessione prefigurati dall’art. 264 cit. essendo stata la connessione a favore della giurisdizione ordinaria confermata nelle ipotesi in cui il reato comune sia più grave o di pari gravità rispetto a quello militare. L’art. 264 cit. pertanto non si applica quando il reato più grave è quello militare. Non si applica l’art. 13 comma 2 c.p.p. nell’ipotesi in cui il reato militare è commesso da un militare in concorso con un soggetto non appartenente alle Forze armate. Per escludere l’operatività dell’art. 13 è sufficiente osservare che la disposizione ha come indispensabile presupposto una pluralità di reati, comuni e militari, e che, invece, l’art. 110 c.p. configura una fattispecie plurisoggettiva unitaria. Nel sistema del c.p.p. la connessione costituisce un criterio autonomo e originario di attribuzione della competenza: pertanto deve escludersi la sopravvivenza della disposizione contenuta nella parte finale del comma 2 dell’art. 264 c.p.m.p.che prevede il potere della Corte di cassazione di separare i procedimenti con apprezzamento discrezionale delle ragioni di convenienza che suggeriscono di preservare la giurisdizione speciale nei confronti del militare, indipendentemente dal requisito della maggiore gravità del reato militare. Cass. pen. sez. I 8 febbraio 2005, n. 4527.

Il reato di collusione commesso dal militare della Guardia di .nanza e previsto dall’art. 3 della legge 9 dicembre 1941 n. 1383 è un reato oggettivamente militare, ma, se commesso in accordo con estranei e connesso con reati comuni, appartiene alla cognizione del giudice ordinario, anziché a quella del giudice militare. Cass. pen. sez. I 31 gennaio 2003, n. 4766

La norma di cui all’art. 13, secondo comma, c.p.p.che prevede, in caso di concorso tra reato comune e reato militare, la giurisdizione unica dell’autorità giudiziaria ordinaria allorché il primo sia più grave del secondo, non trova applicazione quando l’ipotesi criminosa che comporta la giurisdizione del giudice ordinario abbia trovato sbocco in un provvedimento di archiviazione. (Nella specie il Tribunale militare aveva dichiarato il proprio difetto di giurisdizione in relazione a concorso di reato tributario e truffa militare e il giudice ordinario, archiviato il procedimento quanto al primo reato, aveva trasmesso gli atti alla Procura militare per il seguito di competenza in ordine al reato militare; ma alla fine il Tribunale militare aveva erroneamente emesso sentenza di improcedibilità ex art. 649 c.p.p.sul rilievo della sua già intervenuta pronuncia di difetto di giurisdizione). (Non risultano precedenti). Cass. pen. sez. I 4 febbraio 2000, n. 1399

 

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici