Art. 815 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Ricusazione degli arbitri

Articolo 815 - codice di procedura civile

Un arbitro può essere ricusato:
1) se non ha le qualifiche espressamente convenute dalle parti;
2) se egli stesso, o un ente, associazione o società di cui sia amministratore, ha interesse nella causa;
3) se egli stesso o il coniuge è parente fino al quarto grado o è convivente o commensale abituale di una delle parti, di un rappresentante legale di una delle parti, o di alcuno dei difensori;
4) se egli stesso o il coniuge ha causa pendente o grave inimicizia con una delle parti, con un suo rappresentante legale, o con alcuno dei suoi difensori;
5) se è legato ad una delle parti, a una società da questa controllata, al soggetto che la controlla, o a società sottoposta a comune controllo, da un rapporto di lavoro subordinato o da un rapporto continuativo di consulenza o di prestazione d’opera retribuita, ovvero da altri rapporti di natura patrimoniale o associativa che ne compromettono l’indipendenza; inoltre, se è tutore o curatore di una delle parti;
6) se ha prestato consulenza, assistenza o difesa ad una delle parti in una precedente fase della vicenda o vi ha deposto come testimone.
Una parte non può ricusare l’arbitro che essa ha nominato o contribuito a nominare se non per motivi conosciuti dopo la nomina.
La ricusazione è proposta mediante ricorso al presidente del tribunale indicato nell’articolo 810, secondo comma, entro il termine perentorio di dieci giorni dalla notificazione della nomina o dalla sopravvenuta conoscenza della causa di ricusazione. Il presidente pronuncia con ordinanza non impugnabile, sentito l’arbitro ricusato e le parti e assunte, quando occorre, sommarie informazioni.
Con ordinanza il presidente provvede sulle spese. Nel caso di manifesta inammissibilità o manifesta infondatezza dell’istanza di ricusazione condanna la parte che l’ha proposta al pagamento, in favore dell’altra parte, di una somma equitativamente determinata non superiore al triplo del massimo del compenso spettante all’arbitro singolo in base alla tariffa forense.
La proposizione dell’istanza di ricusazione non sospende il procedimento arbitrale, salvo diversa determinazione degli arbitri. Tuttavia, se l’istanza è accolta, l’attività compiuta dall’arbitro ricusato o con il suo concorso è inefficace.

Articolo 815 - Codice di Procedura Civile

Un arbitro può essere ricusato:
1) se non ha le qualifiche espressamente convenute dalle parti;
2) se egli stesso, o un ente, associazione o società di cui sia amministratore, ha interesse nella causa;
3) se egli stesso o il coniuge è parente fino al quarto grado o è convivente o commensale abituale di una delle parti, di un rappresentante legale di una delle parti, o di alcuno dei difensori;
4) se egli stesso o il coniuge ha causa pendente o grave inimicizia con una delle parti, con un suo rappresentante legale, o con alcuno dei suoi difensori;
5) se è legato ad una delle parti, a una società da questa controllata, al soggetto che la controlla, o a società sottoposta a comune controllo, da un rapporto di lavoro subordinato o da un rapporto continuativo di consulenza o di prestazione d’opera retribuita, ovvero da altri rapporti di natura patrimoniale o associativa che ne compromettono l’indipendenza; inoltre, se è tutore o curatore di una delle parti;
6) se ha prestato consulenza, assistenza o difesa ad una delle parti in una precedente fase della vicenda o vi ha deposto come testimone.
Una parte non può ricusare l’arbitro che essa ha nominato o contribuito a nominare se non per motivi conosciuti dopo la nomina.
La ricusazione è proposta mediante ricorso al presidente del tribunale indicato nell’articolo 810, secondo comma, entro il termine perentorio di dieci giorni dalla notificazione della nomina o dalla sopravvenuta conoscenza della causa di ricusazione. Il presidente pronuncia con ordinanza non impugnabile, sentito l’arbitro ricusato e le parti e assunte, quando occorre, sommarie informazioni.
Con ordinanza il presidente provvede sulle spese. Nel caso di manifesta inammissibilità o manifesta infondatezza dell’istanza di ricusazione condanna la parte che l’ha proposta al pagamento, in favore dell’altra parte, di una somma equitativamente determinata non superiore al triplo del massimo del compenso spettante all’arbitro singolo in base alla tariffa forense.
La proposizione dell’istanza di ricusazione non sospende il procedimento arbitrale, salvo diversa determinazione degli arbitri. Tuttavia, se l’istanza è accolta, l’attività compiuta dall’arbitro ricusato o con il suo concorso è inefficace.

Massime

Nel procedimento arbitrale l’esistenza di situazioni di incompatibilità idonee a compromettere l’imparzialità dei componenti del collegio dev’essere fatta valere mediante istanza di ricusazione da proporsi a norma dell’art. 815 c.p.c. entro il termine perentorio di dieci giorni dalla notificazione della nomina o dalla sopravvenuta conoscenza della causa di ricusazione restando invece irrilevanti ai fini della validità del lodo le situazioni d’incompatibilità di cui la parte sia venuta a conoscenza dopo la decisione che ove non si traducano in una incapacità assoluta all’esercizio della funzione arbitrale e in genere della funzione giudiziaria non possono essere fatte valere mediante l’impugnazione per nullità attesa l’ormai acquisita efficacia vincolante del lodo e la lettera dell’art. 829 comma 1 n. 2 c.p.c. che circoscrive l’incapacità ad essere arbitro alle ipotesi tassativamente previste dall’art. 812 c.p.c Cass. civ. sez. I 13 ottobre 2015 n. 20558

L’ordinanza pronunciata dal presidente del tribunale sull’istanza di ricusazione di un arbitro non è impugnabile neanche con ricorso straordinario per cassazione ex art. 111 Cost. attesi l’espresso disposto dell’art. 815 terzo comma c.p.c. e la sua natura di provvedimento a contenuto ordinatorio in quanto tale non qualificabile come sentenza in senso sostanziale Cass. civ. sez. VI 21 giugno 2012 n. 10359 

L’ordinanza con cui il presidente del tribunale decidendo sull’istanza di ricusazione di un arbitro (nella specie con dichiarazione di cessazione della materia del contendere) provveda sulle spese processuali è impugnabile per cassazione ai sensi dell’art. 111 Cost. trattandosi di statuizione incidente sul corrispondente diritto patrimoniale con efficacia di giudicato non essendo previsto altro mezzo di impugnazione Cass. civ. sez. I 11 novembre 2011 n. 23638 

In tema di ricusazione dell’arbitro la formula contenuta nell’art. 51 numero 1 c.p.c. che (nel regime anteriore alla modifica dell’art. 815 c.p.c. operata dall’art. 21 del d.l.vo n. 40 del 2006) prevede tra le cause di astensione obbligatoria la situazione di “interesse nella causa o in altra vertente su identica questione di diritto” postula un legame attuale dell’arbitro nella più varia configurazione giuridica con una parte del processo per una coincidenza di interessi ad una determinata soluzione della causa e/o per un rapporto di consulenza ed assistenza con la stessa. (Nella fattispecie la Corte ne ha escluso la sussistenza in una fattispecie nella quale un arbitro aveva ricoperto in passato la carica di vicepresidente e componente del consiglio di amministrazione della società) Cass. civ. sez. I 15 novembre 2010 n. 23056

In tema di ricusazione dell’arbitro la formula contenuta nell’art. 51 numero 2 c.p.c. che prevede tra le cause di astensione obbligatoria la situazione di convivenza o di abituale commensalità con una delle parti o con taluno dei difensori non può essere estesa fino al punto di ricomprendere l’ipotesi dell’arbitro esercente l’attività di avvocato che condivida lo studio o comunque lo stesso ambiente con i difensori di una delle parti del procedimento arbitrale a meno che non risulti che la condivisione del medesimo ambiente di lavoro non si sia limitata all’utilizzazione di ambienti contigui ma abbia dato luogo ad una reciproca compenetrazione delle rispettive attività professionali dal punto di vista tecnico-organizzativo (come ad esempio si verifica con la abituale condivisione della difesa tecnica nei medesimi processi) ovvero anche solo dal punto di vista economico in misura tale da potersi assimilare alla confidenza ed alla reciproca fiducia che connotano i rapporti tra conviventi o tra commensali abituali Cass. civ. sez. I 28 agosto 2004 n. 17192

Nel procedimento arbitrale la ricusazione dell’arbitro deve essere proposta mediante ricorso al Presidente del tribunale così come prescrive l’art. 815 secondo comma c.p.c.; è pertanto assolutamente inidonea ad integrare tale atto di impulso processuale e a dar vita agli effetti che alla proposizione dello stesso si ricollegano l’istanza di ricusazione indirizzata con telegramma al Presidente del collegio arbitrale stante la radicale irritualità dello strumento formale utilizzato e l’improprietà nell’individuazione del destinatario Cass. civ. sez. I 22 luglio 2004 n. 13645 

Anche nel giudizio arbitrale vige il principio secondo cui la sola proposizione del ricorso per ricusazione non può determinare ipso iure la sospensione del procedimento e la devoluzione della questione al giudice competente a decidere della questione stessa in quanto spetta pur sempre al giudice a quo una sommaria delibazione della sua ammissibilità all’esito della quale ove risultino ictu oculi carenti i requisiti formali posti dalla legge per l’ammissibilità della stessa tale circostanza pur non potendo assumere valore ostativo della rimessione del ricorso a detto giudice competente esclude non di meno l’automatismo dell’effetto sospensivo risultando in tal guisa contemperate le contrapposte esigenze sottese all’istituto di assicurare alle parti l’imparzialità del giudizio nella specifica controversia di cui trattasi e di impedire nel contempo l’uso distorto dell’istituto medesimo Cass. civ. sez. I 16 maggio 2000 n. 6309

Nel procedimento arbitrale la ricusazione dell’arbitro può essere fatta valere oltre il termine perentorio di dieci giorni dalla notificazione della nomina nel caso in cui la conoscenza dei motivi di ricusazione sia sopravvenuta a detto termine (principio espressamente riprodotto dall’art. 815 secondo comma c.p.c. nel testo modificato dall’art. 7 legge n. 25 del 1994 ma già in precedenza affermato dalla giurisprudenza argomentando dall’art. 820 dello stesso codice che dispone la sospensione del termine per la pronuncia del lodo qualora sia stata presentata l’istanza di ricusazione) ma solo fino al momento in cui gli arbitri non abbiano ancora sottoscritto il lodo in quanto con la sottoscrizione il lodo viene ad esistenza ed acquista efficacia vincolante per le parti sicché non può avere alcuna efficacia l’istanza di ricusazione proposta oltre la data dell’indicata sottoscrizione Cass. civ. sez. I 22 giugno 1995 n. 7044

Il provvedimento con cui il presidente del tribunale rigetti nel merito un’istanza di ricusazione di un arbitro irrituale costituisce provvedimento abnorme perché emesso in assoluta carenza di potere stante la natura negoziale e non giurisdizionale dell’arbitrato irrituale e in quanto tale non determinando alcun mutamento nella situazione giuridica preesistente non è impugnabile con ricorso per cassazione Cass. civ. sez. I 10 settembre 1990 n. 9325

Istituti giuridici

Novità giuridiche