Art. 737 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Forma della domanda e del provvedimento

Articolo 737 - Codice di Procedura Civile

I provvedimenti, che debbono essere pronunciati in camera di consiglio, si chiedono con ricorso (125) al giudice competente e hanno forma di decreto motivato (135), salvo che la legge disponga altrimenti.

Articolo 737 - Codice di Procedura Civile

I provvedimenti, che debbono essere pronunciati in camera di consiglio, si chiedono con ricorso (125) al giudice competente e hanno forma di decreto motivato (135), salvo che la legge disponga altrimenti.

Note

Massime

E’ manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’articolo 21 comma 1 del d.l. n. 13 del 2017 conv. con modifiche in legge n. 46 del 2017 per difetto dei requisiti della straordinaria necessità ed urgenza poiché la disposizione transitoria – che differisce di 180 giorni dall’emanazione del decreto l’entrata in vigore del nuovo rito – è connaturata all’esigenza di predisporre un congruo intervallo temporale per consentire alla complessa riforma processuale di entrare a regime Cass. civ. sez. I 5 luglio 2018 n. 17717

In tema di procedimento camerale per equa riparazione ai sensi della legge n.89 del 2001 la mancata comparizione delle parti non può essere considerata in assenza di un’indicazione in tal senso da parte dell’art. 737 c.p.c. una tacita rinunzia al ricorso e non consente quindi la declaratoria d’improcedibilità. Una sanzione di tal tipo cagionerebbe infatti conseguenze ben pirigorose di quelle previste per l’appellante nel procedimento di cognizione in ordine al quale ai sensi dell’art. 348 secondo comma c.p.c. l’improcedibilità viene dichiarata quando l’appellante ometta di comparire non solo alla prima udienza ma pure a quella successiva fissata dal giudice Cass. civ. sez. I 19 luglio 2010 n. 16821

Qualora una controversia sia stata trattata in primo grado con rito camerale nonostante la previsione legislativa imponesse il rito ordinario l’impugnazione per il principio di ultrattività del rito deve seguire le forme del giudizio camerale. Ne consegue l’ammissibilità del reclamo proposto con ricorso nei confronti del decreto di improcedibilità della domanda di riduzione del contributo per il mantenimento di figlio naturale ove il relativo giudizio di primo grado si sia svolto nelle forme del rito camerale anziché dell’ordinario giudizio di cognizione Cass. civ. sez. I 18 agosto 2006 n. 18201

In tutti i procedimenti riguardanti le pretese del coniuge divorziato sulla pensione di reversibilità si applica il rito camerale; tuttavia l’adozione del rito ordinario non costituisce motivo di nullità sia perchè questa non è sancita da alcuna norma sia – in osservanza del principio di conservazione degli atti – perchè il rito ordinario consente di raggiungere il medesimo risultato con maggiori garanzie per la difesa e per il contraddittorio Cass. civ. sez. I 30 marzo 2004 n. 6272

La domanda di risarcimento ai sensi della legge 13 aprile 1988 n. 117 sulla responsabilità civile dei magistrati va proposta con ricorso e non con citazione atteso che dalle caratteristiche della fase iniziale del processo regolata dall’art. 5 legge cit. e relativa al giudizio di ammissibilità della domanda si desume che detta fase è improntata alla sommarietà e caratterizzata dalle forme del procedimento camerale il che lascia trasparire all’evidenza che intenzione del legislatore era quella di prevedere anche senza espressa indicazione l’uso del ricorso come è confermato altresì dal principio generale contenuto nell’art. 737 c.p.c. che espressamente stabilisce che i provvedimenti che debbono essere pronunziati in camera di consiglio (come quello che definisce il giudizio di ammissibilità ex art. 5 cit.) si chiedono con ricorso al giudice competente che pronunzia con decreto Cass. civ. sez. I 29 novembre 2002 n. 16935

Il giudizio di merito relativo alla dichiarazione di paternità o maternità naturale di minori innanzi al tribunale a norma dell’art. 38 att. c.c. (come modificato dall’art. 221 della legge 18 maggio 1975 e dall’art. 68 della legge 4 maggio 1983 n. 184) ove attivato con citazione invece che con ricorso (a mezzo del quale deve essere introdotto a norma dell’art. 737 c.p.c. trattandosi di giudizio soggetto al rito camerale anziché al rito contenzioso ordinario) non è viziato da nullità quando l’atto introduttivo contenga tutti gli elementi necessari a farlo considerare come ricorso e siano stati adottati dal giudice i conseguenti provvedimenti di legge ai fini della instaurazione del contraddittorio Cass. civ. sez. I 21 febbraio 1997 n. 1608

Il provvedimento emesso dal tribunale nella forma del decreto alla stregua di quanto previsto per i procedimenti in camera di consiglio anche se di natura contenziosa (nella specie rigetto del ricorso per la revisione della sentenza di divorzio relativamente all’obbligo di corresponsione di assegno per il mantenimento di figlio divenuto maggiorenne) legittimamente è sottoscritto dal solo presidente non essendo necessaria la firma del relatore Cass. civ. sez. I 3 marzo 2000 n. 2381

La motivazione del decreto che conclude il procedimento camerale è necessaria ai sensi dell’art. 737 c.p.c. e dell’art. 111 Cost. affinchè possano essere individuati il thema decidendum e le ragioni della decisione ma può essere sommaria e qualora il decreto sia inserito nel processo verbale d’udienza – come consente l’art. 135 c.p.c. – può desumersi dal complesso di quanto è stato verbalizzato sotto la direzione del giudice e dal dispositivo che conclude il verbale stesso (fattispecie in tema di decreto emesso all’esito di procedimento di opposizione a provvedimento prefettizio di espulsione di straniero ex art. 13 del D.L.vo 25 luglio 1998 n. 286) Cass. civ. sez. I 13 febbraio 2004 n. 2776 

In tema di espulsione dello straniero dal teritorio dello Stato il decreto del Tribunale emesso a seguito di opposizione al decreto prefettizio essendo provvedimento giurisdizionale di natura decisoria deve essere ai sensi dell’art. 111 Cost. e dell’art. 737 c.p.c. (richiamato dall’art. 13 nono comma D.L.vo n. 286 del 1998 sia nella formulazione originaria che in quella novellata con l’art. 3 del D.L.vo n. 113 del 1999) motivato e contenere una sufficiente esposizione delle circostanze di fatto che hanno dato luogo all’adozione del provvedimento amministrativo nonché l’indicazione delle norme che si ritengono violate onde permettere alla parte la possibilità di predisporre un’adeguata difesa in sede di impugnazione ed alla Corte di cassazione giudice competente per l’impugnazione di individuare a quale delle ipotesi previste dal citato art. 13 il Prefetto ha fatto riferimento nel disporre l’espulsione e di valutare le ragioni della decisione Cass. civ. sez. I 14 giugno 2002 n. 8513

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche