Art. 718 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Legittimazione all'impugnazione

Articolo 718 - codice di procedura civile

La sentenza che provvede sulla domanda d’interdizione o d’inabilitazione può essere impugnata (323 ss., 719) da tutti coloro che avrebbero avuto diritto di proporre la domanda (417 c.c.), anche se non parteciparono al giudizio, e dal tutore o curatore nominato con la stessa sentenza (423, 424 c.c.).

Articolo 718 - Codice di Procedura Civile

La sentenza che provvede sulla domanda d’interdizione o d’inabilitazione può essere impugnata (323 ss., 719) da tutti coloro che avrebbero avuto diritto di proporre la domanda (417 c.c.), anche se non parteciparono al giudizio, e dal tutore o curatore nominato con la stessa sentenza (423, 424 c.c.).

Massime

Le sentenze in materia di interdizione o di inabilitazione possono essere impugnate da tutti coloro che avrebbero avuto diritto di proporre la domanda anche se non parteciparono al giudizio. A maggior ragione quindi la sentenza può essere impugnata da una delle persone legittimate a chiedere l’interdizione o l’inabilitazione ai sensi dell’art. 417 c.c. la quale sia intervenuta nel relativo giudizio Cass. civ. sez. I 8 ottobre 1974 n. 2692.

Istituti giuridici

Novità giuridiche