Art. 697 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Provvedimenti in caso di eccezionale urgenza

Articolo 697 - codice di procedura civile

In caso di eccezionale urgenza, il presidente del tribunale, [il pretore] (1) o il giudice di pace può pronunciare i provvedimenti indicati negli artt. 694 e 695 con decreto (135), dispensando il ricorrente dalla notificazione (137) alle altre parti; in tal caso può nominare un procuratore, che intervenga per le parti non presenti all’assunzione della prova.
Non oltre il giorno successivo, a cura del cancelliere, deve essere fatta notificazione immediata del decreto alle parti non presenti all’assunzione.

Articolo 697 - Codice di Procedura Civile

In caso di eccezionale urgenza, il presidente del tribunale, [il pretore] (1) o il giudice di pace può pronunciare i provvedimenti indicati negli artt. 694 e 695 con decreto (135), dispensando il ricorrente dalla notificazione (137) alle altre parti; in tal caso può nominare un procuratore, che intervenga per le parti non presenti all’assunzione della prova.
Non oltre il giorno successivo, a cura del cancelliere, deve essere fatta notificazione immediata del decreto alle parti non presenti all’assunzione.

Note

(1) Le parole: «, il pretore» sono state soppresse dall’art. 104 del D.L.vo 19 febbraio 1998, n. 51, recante l’istituzione del giudice unico, a decorrere dal 2 giugno 1999.

Massime

Nel procedimento di istruzione preventiva che si svolga per ragioni d’urgenza inaudita altera parte l’onere delle spese anche con riguardo al procuratore che venga nominato d’ufficio a tutela della parte non presente (art. 697 c.p.c.) deve gravare sul richiedente quale soggetto interessato salvo restando il successivo regolamento delle spese medesime Cass. civ. sez. II 16 febbraio 1993 n. 1920

Istituti giuridici

Novità giuridiche