Art. 586 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Trasferimento del bene espropriato

Articolo 586 - codice di procedura civile

Avvenuto il versamento del prezzo, il giudice dell’esecuzione (484) può sospendere la vendita quando ritiene che il prezzo offerto sia notevolmente inferiore a quello giusto, ovvero pronunciare decreto (135) col quale trasferisce (2919 c.c.) all’aggiudicatario il bene espropriato, ripetendo la descrizione contenuta nell’ordinanza che dispone la vendita (569, 576), e ordinando che si cancellino le trascrizioni dei pignoramenti (555; 2668 c.c.) e le iscrizioni ipotecarie (2878, 2884 c.c.), se queste ultime non si riferiscono ad obbligazioni assuntesi dall’aggiudicatario a norma dell’art. 508 (585; 2919 ss. c.c.). Il giudice con il decreto ordina anche la cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie successive alla trascrizione del pignoramento (1).
Il decreto contiene altresì l’ingiunzione al debitore (559) o al custode di rilasciare l’immobile venduto (164 att.).
Esso costituisce titolo per la trascrizione della vendita sui libri fondiari (2643, 2896 c.c.) e titolo esecutivo per il rilascio (474, 605 ss.; 164 att.; 664 c.n.).

Articolo 586 - Codice di Procedura Civile

Avvenuto il versamento del prezzo, il giudice dell’esecuzione (484) può sospendere la vendita quando ritiene che il prezzo offerto sia notevolmente inferiore a quello giusto, ovvero pronunciare decreto (135) col quale trasferisce (2919 c.c.) all’aggiudicatario il bene espropriato, ripetendo la descrizione contenuta nell’ordinanza che dispone la vendita (569, 576), e ordinando che si cancellino le trascrizioni dei pignoramenti (555; 2668 c.c.) e le iscrizioni ipotecarie (2878, 2884 c.c.), se queste ultime non si riferiscono ad obbligazioni assuntesi dall’aggiudicatario a norma dell’art. 508 (585; 2919 ss. c.c.). Il giudice con il decreto ordina anche la cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie successive alla trascrizione del pignoramento (1).
Il decreto contiene altresì l’ingiunzione al debitore (559) o al custode di rilasciare l’immobile venduto (164 att.).
Esso costituisce titolo per la trascrizione della vendita sui libri fondiari (2643, 2896 c.c.) e titolo esecutivo per il rilascio (474, 605 ss.; 164 att.; 664 c.n.).

Note

(1) L’ultimo periodo di questo comma è stato aggiunto dall’art. 2, comma 3, lett. e), n. 32), del D.L. 14 marzo 2005, n. 35, convertito, con modificazioni, nella L. 14 maggio 2005, n. 80.
A norma dell’art. 2, comma 3
sexies, dello stesso provvedimento, come sostituito dall’art. 1, comma 6, della L. 28 dicembre 2005, n. 263 e successivamente modificato dall’art. 39 quater del D.L. 30 dicembre 2005, n. 273, convertito, con modificazioni, nella L. 23 febbraio 2006, n. 51, questa disposizione entra in vigore il 1° marzo 2006 e si applica anche alle procedure esecutive pendenti a tale data di entrata in vigore. Quando tuttavia è già stata ordinata la vendita, la stessa ha luogo con l’osservanza delle norme precedentemente in vigore. L’intervento dei creditori non muniti di titolo esecutivo conserva efficacia se avvenuto prima del 1° marzo 2006.

Massime

Il decreto di trasferimento in base al quale sia iniziata l’esecuzione per rilascio è un titolo opponibile “erga omnes” e, dunque, non solo nei confronti del debitore esecutato, ma anche di chiunque si trovi nella detenzione o nel possesso del bene; pertanto, colui che intenda proporre opposizione non può limitarsi ad invocare la nullità del detto titolo, ma deve dimostrare di essere titolare di un diritto reale o di godimento su tale bene, che ne giustifichi il possesso o la detenzione, così esplicitando il proprio interesse ad agire. Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 12 giugno 2020, n. 11285

Non integra un prezzo ingiusto di aggiudicazione, idoneo a fondare la sospensione prevista dall’art. 586 c.p.c., quello che sia anche sensibilmente inferiore al valore posto originariamente a base della vendita, ove questa abbia avuto luogo in corretta applicazione delle norme di rito, né si deducano gli specifici elementi perturbatori della correttezza della relativa procedura elaborati dalla giurisprudenza, tra cui non si possono annoverare l’andamento o le crisi, sia pure di particolare gravità, del mercato immobiliare. Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 10 giugno 2020, n. 11116

In tema di espropriazione immobiliare, il termine per proporre opposizione agli atti esecutivi avverso il provvedimento del giudice dell’esecuzione che, su richiesta dell’aggiudicatario, abbia prorogato il termine per il versamento del prezzo decorre dall’adozione del provvedimento stesso ovvero dal rigetto dell’istanza per la sua revoca e non dall’emissione del decreto di trasferimento, in quanto non può essere invocata la nullità dell’atto susseguente se non è stato fatto valere il vizio dell’atto presupposto, salvo che l’opponente abbia incolpevolmente ignorato l’esistenza di quest’ultimo. Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 10 dicembre 2019, n. 32136

Nelle opposizioni agli atti esecutivi, la necessità di integrare il contraddittorio con tutti i soggetti controinteressati rispetto all’azione spiegata dall’opponente, nel rispetto della regola del litisconsorzio necessario, deve essere verificata con riferimento al momento della proposizione della domanda. Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 28 giugno 2019, n. 17441

In materia di esecuzione forzata, i beni trasferiti a conclusione di un’espropriazione immobiliare sono quelli di cui alle indicazioni del decreto di trasferimento emesso ex art. 586 c.p.c., cui vanno aggiunti quei beni ai quali gli effetti del pignoramento si estendono automaticamente, ai sensi dell’art. 2912 c.c., come accessori, pertinenze, frutti, miglioramenti ed addizioni, e quei beni che, pur non espressamente menzionati nel predetto decreto, siano uniti fisicamente alla cosa principale, sì da costituirne parte integrante, come le accessioni propriamente dette; sicché, il trasferimento di un terreno all’esito di procedura esecutiva comporta, in difetto di espressa previsione contraria, il trasferimento del fabbricato insistente su di esso, ancorché abusivo. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata che aveva rigettato la domanda di convalida di sfratto, risoluzione del contratto di locazione, rilascio dell’immobile e pagamento dei canoni, proposta dall’esecutato nei confronti dell’avente causa dell’aggiudicatario del terreno in forza di procedura esecutiva, in quanto l’acquisto del terreno aveva comportato, per accessione, anche il trasferimento del capannone abusivo non sanabile su di esso costruito, non rilevando l’omessa menzione del’immobile tanto nel bando di vendita quanto nel decreto di trasferimento del terreno). Cassazione civile, Sez. III, ordinanza n. 17041 del 28 giugno 2018

Il decreto di trasferimento ex art. 586 c.p.c. è atto esecutivo della procedura di espropriazione ma costituisce anche titolo esecutivo per il rilascio, sicché le censure riguardanti non il “modo” in cui si è svolta l’espropriazione (e, quindi, l’idoneità del decreto a determinare il trasferimento in favore dell’aggiudicatario), bensì l’efficacia del decreto come titolo per l’esecuzione ex art. 2930 c.c., costituiscono materia di opposizione a tale (diversa) esecuzione per rilascio, ove si discuta se il decreto di trasferimento abbia i requisiti per valere come provvedimento di questo tipo, ovvero se non sia giuridicamente inesistente, oppure se è proprio l’immobile di cui si chiede il rilascio ad essere stato trasferito con il decreto. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 12523 del 17 giugno 2016

Il principio secondo il quale i provvedimenti del giudice civile acquistano giuridica esistenza solo con il deposito in cancelleria si applica anche ai provvedimenti del giudice dell’esecuzione, sicchè è ammissibile l’istanza di sospensione della vendita e di revoca o annullamento dell’aggiudicazione, quando il decreto di trasferimento, pur sottoscritto, non sia stato ancora depositato in cancelleria. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 10251 del 20 maggio 2015

In materia di esecuzione forzata, il decreto di trasferimento di cui all’art. 586 cod. proc. civ., ancorché abbia avuto ad oggetto un bene in tutto o in parte diverso da quello pignorato, non è inesistente, ma solo affetto da invalidità, da far valere con il rimedio dell’opposizione agli atti esecutivi nei termini di cui all’art. 617 cod. proc. civ., ferma restando la possibilità per i terzi che siano stati lesi da tale errore nella loro sfera giuridica, di avvalersi, nel rispetto delle regole previste dall’art. 2929 cod. civ. a tutela dell’acquirente o assegnatario, dei rimedi, diversi dall’opposizione agli atti esecutivi, endoesecutivi o esterni al processo esecutivo loro riservati. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 5796 del 13 marzo 2014

In tema di esecuzioni immobiliari, la facoltà di sospendere la vendita ai sensi dell’art. 586 c.p.c., nel testo novellato dall’art. 19 bis della legge 12 luglio 1991, n. 203, persegue lo scopo di contrastare tutte le possibili interferenze illegittime nel procedimento di fissazione del prezzo. Ne consegue che l’individuazione di quest’ultimo quale giusto prezzo, oltre a presupporre una comparazione fra i dati costituiti da quello concretamente realizzato con l’aggiudicazione e quello che sarebbe stato conseguito in condizioni di non interferenza di fattori devianti, richiede, ai fini della sospensione, che la differenza tra le due valutazioni debba evidenziarsi in termini di notevole inferiorità, secondo criteri da adottarsi di volta in volta in relazione al caso concreto, nel quadro della esigenza di contrasto alla illegalità cui si ispira l’art. 19 bis sopra richiamato. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 1612 del 3 febbraio 2012

L’identificazione dei beni trasferiti a conclusione di un’espropriazione immobiliare deve essere compiuta in base alle indicazioni del decreto di trasferimento di cui all’art. 586 c.p.c., cui vanno aggiunti quei beni ai quali gli effetti del pignoramento si estendono automaticamente, ai sensi dell’art. 2912 c.c., come accessori, pertinenze, frutti ed anche i miglioramenti o le addizioni, ancorché non espressamente menzionati nel predetto decreto. Ne consegue che il prezzo di un fondo oggetto di vendita forzata include il valore di quanto è esistente sul bene medesimo e, dunque, anche quello delle opere su di esso realizzate (nella specie, un frutteto), con l’ulteriore conseguenza che l’aggiudicatario non è tenuto al pagamento dell’indennizzo di cui all’art. 936 c.c.. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 26841 del 14 dicembre 2011

In tema di espropriazione forzata immobiliare, il giudice dell’esecuzione può sempre revocare il decreto di trasferimento di sua iniziativa, anche dopo la scadenza del termine previsto dalla legge per la proposizione dell’opposizione di cui all’art. 617 c.p.c., a meno che il provvedimento non abbia abbia avuto definitiva esecuzione, momento, quest’ultimo, che si identifica non con quello dell’emanazione del decreto di trasferimento, ma con quello del compimento, da parte del cancelliere, delle operazioni indicate dall’art. 586 c.p.c.. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 24001 del 16 novembre 2011

In tema di opposizione agli atti esecutivi, qualora sia dedotta l’omessa comunicazione della vendita e la nullità del successivo svolgimento del processo esecutivo, postulandosi, di conseguenza, la sospensione della vendita ai sensi dell’art. 586 c.p.c. per le ragioni da tale norma supposte e non la mera necessità di rinnovazione delle operazioni funzionali alla vendita a far tempo dall’ordinanza dispositiva della stessa, il giudice dell’esecuzione, se ritenga insussistenti le nullità prospettate ovvero reputi inammissibile l’opposizione in relazione ad esse, può considerarsi investito immediatamente della questione della sospensione in virtù del citato art. 586 e, quindi, dopo aver adottato i provvedimenti previsti dall’art. 618, secondo comma, c.p.c., tra i quali si ricomprende la stessa sospensione di cui al menzionato art. 586 in via provvisoria, può, poi, esaminare, nella fase a cognizione piena, la fondatezza delle deduzioni giustificative della relativa istanza. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 6487 del 17 marzo 2010

In tema di vendita forzata, il trasferimento dell’immobile aggiudicato è l’effetto di una fattispecie complessa, costituita dall’aggiudicazione, dal successivo versamento del prezzo e dal decreto di trasferimento, quest’ultimo con funzione di verifica ed accertamento della sussistenza degli altri presupposti e, quindi, privo di autonoma efficacia traslativa in assenza delle altre condizioni. Pertanto, il mancato pagamento del prezzo di aggiudicazione dell’immobile pignorato legittima la revoca, anche d’ufficio, del decreto di trasferimento fino al momento in cui lo stesso venga portato ad esecuzione, che si identifica non con quello della sua emanazione, ma con quello del compimento da parte del cancelliere delle operazioni indicate dall’art. 586 c.p.c. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 23709 del 16 settembre 2008

Il decreto di trasferimento del bene immobile pignorato indicato dall’art. 586 c.p.c. costituisce un atto del procedimento esecutivo, il quale, assolvendo alla funzione di convertire in danaro l’immobile pignorato e venduto, è soggetto alla sola opposizione agli atti esecutivi indicata dall’art. 617 c.p.c. e non al ricorso per cassazione ai sensi dell’art. 360 dello stesso codice, nè a quello ai sensi dell’art. 111, secondo comma, della Costituzione. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 371 del 11 gennaio 2007

Non costituisce vizio di forma del decreto di trasferimento (pronunciato all’esito di una procedura di espropriazione forzata) di un immobile locato l’omessa menzione, nel titolo esecutivo, del locatore in qualità di possessore del bene, con la conseguenza che il decreto stesso deve ritenersi pienamente valido e legittimamente azionabile anche nei confronti dell’attuale possessore non proprietario dell’immobile espropriato. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 6986 del 8 maggio 2003

In tema di esecuzioni immobiliari, la facoltà di sospendere la vendita attribuita dall’art. 586 c.p.c., nel. testo novellato dall’art. 19 bis legge n. 203 del 1991, al giudice dell’esecuzione anche all’esito di aggiudicazione avvenuta al prezzo base indicato nell’ordinanza di cui al’art. 576 c.p.c., può essere esercitata, indipendentemente dalle interferenze illegittime nelle vendite immobiliari, allorché – per eventi sopravvenuti o per circostanze prima non note – il prezzo offerto sia risultato notevolmente inferiore a quello giusto, sicché l’ordinanza di sospensione, che non è preclusa dalla mancata revoca o impugnazione degli atti precedenti all’aggiudicazione, comportando l’impossibilità di pronunciare il decreto di trasferimento del bene, determina altresì la revoca dell’aggiudicazione e di tutti gli atti compiuti in conseguenza del disposto incanto, che andrà perciò rifissato. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 6269 del 18 aprile 2003

In tema di procedura concorsuale, il ricorso per cassazione proposto avverso il provvedimento col quale il tribunale fallimentare abbia rigettato il reclamo proposto avverso il decreto del giudice delegato disponente il trasferimento di un bene venduto all’incanto è inammissibile qualora venga proposto da soggetto che abbia partecipato all’incanto con un’offerta che sia stata superata da una o più altre successive, giacché in caso di nullità dell’aggiudicazione definitiva, non vi è reviviscenza delle offerte precedenti, onde l’offerta che abbia visto superata la propria offerta non è titolare di un interesse differenziato allo svolgimento di un nuovo incanto, bensì di una semplice aspettativa, analoga a quella di qualunque terzo interessato a partecipare ad una nuova asta. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 1653 del 7 febbraio 2002

In tema di esecuzione immobiliare l’art. 586 c.p.c., prevedente, nel testo modificato dall’art. 19 bis legge n. 203 del 1991, che il giudice dell’esecuzione può sospendere la vendita del bene espropriato quando ritiene che il prezzo offerto sia notevolmente inferiore a quello giusto, non compromette il principio di imparzialità per il fatto che il giudice che ha fissato il prezzo di vendita è lo stesso che poi provvede alla sospensione sulla base di un giudizio di congruità del prezzo offerto, giacché l’imparzialità del giudice viene compromessa solo quando questi, nel decidere, debba ripercorrere un itinerario logico identico a quello precedentemente seguito, cosa che non accade nell’ipotesi in esame, in quanto il prezzo nel provvedimento che dispone la vendita è fissato a norma dell’art. 568 c.p.c., con un’attività di mero impulso delle operazioni di vendita, cui è estranea la risoluzione di un contenzioso o di un contrasto sulle indicazioni del creditore procedente, mentre soltanto quando decide sull’istanza di sospensione ai sensi dell’art. 586 cit. il giudice compie una vera e propria valutazione, secondo percorsi logici diversi, onde è da escludersi ogni sovrapposizione di attività; ne consegue che non sussiste alcun contrasto tra la disciplina di cui all’art. 586 c.p.c. e l’art. 6 della Convenzione di salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali di cui alla legge n. 848 del 1955 e che deve ritenersi manifestamente infondata la questione di illegittimità costituzionale del citato art. 586 in rapporto agli artt. 3, 24 e 113 Cost. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 5073 del 19 aprile 2000

Il decreto di trasferimento emesso, ai sensi dell’art. 586 c.p.c., in favore dell’aggiudicatario, dal giudice dell’esecuzione (e tale è anche il giudice delegato al fallimento), costituisce titolo esecutivo per il rilascio dell’immobile espropriato sia nei confronti del proprietario esecutato – indipendentemente dalla posizione giuridica di eventuali terzi occupanti a qualsivoglia titolo, o senza titolo – sia nei confronti di chi si trovi nel possesso o nella detenzione dell’immobile stesso qualora il possesso o la detenzione non siano correlati ad una situazione di diritto soggettivo (reale o personale) già opponibile al creditore pignorante (o al fallimento) e quindi opponibile anche all’aggiudicatario. L’accertamento, da parte del giudice dell’esecuzione (o dell’ufficio fallimentare) di eventuali diritti di terzi non costituisce condizione di legittimità sostanziale del trasferimento, pur risultando ovviamente rilevante ai fini della determinazione del prezzo, né la menzione dell’esito di tale accertamento costituisce requisito di legittimità formale del decreto. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 12174 del 1 dicembre 1998

Poiché l’art. 2929 c.c. non esclude che la nullità di un atto esecutivo, precedente la vendita o l’assegnazione forzata, derivi dall’ingiustizia dell’esecuzione, anziché dalla violazione di norme del processo esecutivo, se il debitore esecutato, dopo la conclusione del processo esecutivo, scopre la collusione tra aggiudicatario e creditore procedente, purché la dimostri e abbia tempestivamente fatto valere il vizio dell’azione o del processo esecutivo, opponendosi ai sensi degli artt. 615 e 617 c.p.c., può impugnare, con azione di nullità in via ordinaria, il decreto di trasferimento del bene (art. 586 c.p.c.) al fine di rendere opponibile all’aggiudicatario di esso (art. 586 c.p.c.) l’accoglimento di tali opposizioni. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 9744 del 7 ottobre 1997

L’iscrizione ipotecaria e l’annotazione del pignoramento determinano, anche nel sistema tavolare, solo limitazioni rispettivamente alla circolazione giuridica ed alla disponibilità del bene che ne forma oggetto, ma non ne impediscono il trasferimento, i cui effetti, ove esso avvenga a favore dell’aggiudicatario nel procedimento di espropriazione, non risalgono al momento in cui i vincoli sono stati intavolati, bensì a quello successivo del decreto di aggiudicazione. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 2592 del 23 marzo 1996

La tutela di cui all’art. 1460 c.c., la quale consente di mantenere in vita il contratto e tuttavia nel sospendere l’adempimento quando ciò sia giustificato dall’inadempimento altrui, non è estendibile alla vendita forzata. Pertanto, non è valutabile la sussistenza degli estremi dell’art. 1460 c.c. (o eventualmente degli artt. 1481 e 1482 c.c.) al fine di escludere la decadenza dell’aggiudicatario e la confisca della cauzione o al solo fine di escludere quest’ultima nella ipotesi in cui l’aggiudicatario non versi il prezzo nel termine adducendo la sussistenza di una situazione che comporta l’applicabilità delle norme sopraindicate. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 6940 del 19 giugno 1995

Nella vendita forzata, pur non essendo ravvisabile un incontro di consensi, tra l’offerente ed il giudice, produttivo dell’effetto transattivo, essendo l’atto di autonomia privata incompatibile con l’esercizio della funzione giurisdizionale, l’offerta di acquisto del partecipante alla gara costituisce il presupposto negoziale dell’atto giurisdizionale di vendita; con la conseguente applicabilità delle norme del contratto di vendita non incompatibili con la natura dell’espropriazione forzata, quale l’art. 1477 c.c. concernente l’obbligo di consegna della cosa da parte del venditore. Ne deriva che, in relazione allo ius ad rem (pur condizionato al versamento del prezzo), che l’aggiudicato acquista all’esito dell’iter esecutivo, è configurabile un obbligo di diligenza e di buona fede dei soggetti tenuti alla custodia e conservazione del bene aggiudicatario, così da assicurare la corrispondenza tra quanto ha formato l’oggetto della volontà dell’aggiudicatario e quanto venduto. Pertanto, qualora l’aggiudicatario lamenti che l’immobile aggiudicato sia stato danneggiato prima del deposito del decreto di trasferimento, il giudice è tenuto a valutare la censura dell’aggiudicatario medesimo, diretta a prospettare la responsabilità del custode (nella specie, della curatela fallimentare che aveva proceduto alla vendita forzata), in base ai principi generali sull’adempimento delle obbligazioni (art. 1218 c.c.), per inadeguata custodia del bene posto in vendita, fino al trasferimento dello stesso. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 1730 del 17 febbraio 1995

Nell’espropriazione forzata mobiliare, la vendita forzata a norma dell’art. 586 c.p.c., che è applicabile anche al caso del pegno e del privilegio speciale, comporta la purgazione del bene espropriato dai privilegi, di cui risulta gravato, con la conseguenza che il creditore titolare di un privilegio, che non sia stato avvertito (art. 498 c.p.c.) o non sia intervenuto (art. 499 stesso codice), rimane escluso dai rimedi cosiddetti oppositivi all’esecuzione, non avendo egli conseguito in alcun modo la veste di parte del processo esecutivo, con la conseguenza che allo stesso possono essere riconosciuti soltanto rimedi risarcitori nei confronti del creditore esecutante. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 2023 del 1 marzo 1994

Le contestazioni sulla regolarità formale dei singoli atti del procedimento esecutivo, prospettabili con l’opposizione ex art. 617 c.p.c., ove non siano state tempestivamente dedotte nel termine di decadenza previsto per l’esperimento di tale rimedio, non possono più essere fatte valere attraverso l’impugnazione del decreto di trasferimento, adducendone una nullità riflessa o derivata da precedenti vizi del procedimento che non siano stati a suo tempo denunciati con la detta opposizione. Cassazione civile, Sez. Unite, sentenza n. 7289 del 3 luglio 1993

In tema di esecuzione forzata, ai fini dell’identificazione dell’immobile oggetto della vendita forzosa, sono rilevanti tutte le indicazioni contenute negli atti della procedura esecutiva e, particolarmente, quelle dell’avviso dell’asta, del verbale di vendita e del decreto di trasferimento. L’accertamento compiuto in proposito dal giudice del merito, involgendo un giudizio di fatto, non è censurabile in cassazione se informato ad esatti criteri giuridici ed immune da vizi logici. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 2693 del 16 marzo 1987

Nell’espropriazione forzata immobiliare, il decreto di trasferimento di cui all’art. 586 c.p.c. costituisce titolo esecutivo per il rilascio dell’immobile espropriato, in favore dell’aggiudicatario al quale l’immobile è stato trasferito, non solo nei riguardi del debitore esecutato ma anche nei confronti di chi si trovi nel possesso o nella detenzione dell’immobile medesimo, senza che vi corrisponda una situazione di diritto soggettivo (reale o personale) già opponibile al creditore pignorante ed ai creditori intervenuti e in quanto tale opponibile anche all’aggiudicatario cui l’immobile è stato trasferito iussu iudicis. (Nella specie, l’esecutato era nel possesso dell’immobile oggetto dell’espropriazione in forza di un preliminare di compravendita dal quale, a seguito di fallimento del promissario alienante, la curatela aveva dichiarato di recedere, ai sensi dell’art. 72 della l. fall. La Suprema Corte, in applicazione dell’enunciato principio, ha reputato che il predetto non era titolare di una situazione di diritto soggettivo, bensì di mero fatto). Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 3024 del 6 maggio 1986

Nel processo esecutivo per espropriazione forzata immobiliare, la ordinanza di aggiudicazione, resa in esito alla vendita con incanto, non determina il trasferimento del diritto di proprietà sul bene pignorato in favore dell’aggiudicatario, rendendosi a tal fine necessaria l’emissione del decreto contemplato dall’art. 586 c.p.c. Pertanto, quando tale decreto manchi, ovvero sia affetto da vizi che non ne comportino soltanto nullità (deducibile con opposizione agli atti esecutivi), bensì giuridica inesistenza, come nel caso di difetto della sottoscrizione del giudice (requisito essenziale, il quale non può trovare equipollente nella firma del cancelliere), deve riconoscersi al debitore, tuttora proprietario dell’immobile, la facoltà di proporre domanda di rivendicazione nei confronti dell’aggiudicatario che di quel bene ha il possesso senza titolo. Questo principio non resta escluso dal fatto che il processo esecutivo sia ancora in corso, ancorché in stato di quiescenza, trattandosi di circostanza che non interferisce sulla legittimazione del debitore alla suddetta rivendicazione, e che può spiegare rilievo solo al diverso fine di un’eventuale riattivazione del processo stesso su iniziativa dell’aggiudicatario (ove ancora consentita), per ottenere un provvedimento ex art. 586 c.p.c. che produca a suo favore il trasferimento del bene. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 3447 del 8 giugno 1985

La vendita forzata, nella quale rientra ogni tipo di vendita fallimentare mobiliare e immobiliare, non può equipararsi alla vendita volontaria, attuando essa un trasferimento coattivo in virtù di un provvedimento giurisdizionale, rispetto al quale la domanda dell’aggiudicatario si pone soltanto come presupposto, ed alla stessa, pertanto, sono inapplicabili le regole giuridiche riguardanti non solo la garanzia per vizi della cosa o mancanza di qualità, ma anche quelle sulla risoluzione del contratto per inadempimento, con particolare riferimento all’ipotesi di vendita di aliud pro alio. Quando, tuttavia, la cosa oggetto della vendita risulta, successivamente al trasferimento, essere diversa da quella sulla quale è caduta l’offerta dell’aggiudicatario nonché da quella indicata negli atti del procedimento, viene meno il nucleo essenziale e l’oggetto stesso della vendita forzata, quale risulta specificato e determinato dall’offerta dell’aggiudicatario e dalla stessa volontà dell’organo giurisdizionale, conseguendone la sostanziale nullità della vendita ed il diritto dell’aggiudicatario a ripetere quanto indebitamente versato. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 7233 del 3 dicembre 1983

La qualificazione – così enunciata, in sede di espropriazione forzata, nel decreto di trasferimento di un immobile – di un rapporto (agrario) intercorrente fra colui che, quale proprietario del bene è soggetto all’esecuzione forzata, ed un terzo, titolare di un diritto sul bene in virtù di un rapporto personale con l’esecutato medesimo, non è vincolante per il terzo acquirente, che è pertanto legittimato a provarne l’inesistenza ovvero a provare l’esistenza di un diverso rapporto giuridico. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 917 del 2 febbraio 1983

Poiché oggetto della vendita forzata è il bene che è stato assoggettato a pignoramento, il principio secondo cui l’identificazione di tale bene va effettuata in base agli elementi obiettivi contenuti nel decreto di trasferimento di cui all’art. 586 c.p.c., non esclude l’applicabilità dell’art. 2912 c.c. – in base al quale il pignoramento comprende gli accessori, le pertinenze e i frutti della cosa pignorata – qualora la descrizione del bene stesso nel decreto di trasferimento non contenga elementi tali da far ritenere che, in sede di vendita, si sia inteso escludere l’applicazione dell’anzidetta estensione. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 3453 del 7 giugno 1982

Nelle controversie relative alla identificazione dell’immobile aggiudicato in sede di esecuzione forzata deve aversi riguardo anzitutto al decreto nel quale il giudice, trasferendo all’aggiudicatario il bene espropriato, ripete la descrizione contenuta nell’ordinanza che dispone la vendita, senza alcuna variante; ed è insindacabile in cassazione — se sorretta da motivazione adeguata e scevra di errori di logica e di diritto — la valutazione del giudice del merito che, sulla base degli anzidetti provvedimenti, sia pervenuto all’identificazione del bene. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 4665 del 18 luglio 1981

La vendita forzata costituisce un’autonoma fattispecie complessa che si riporta allo schema dei trasferimenti coattivi che si completa e si perfeziona col provvedimento giudiziale di assegnazione. Pertanto, l’acquisto dell’immobile espropriato da parte dell’aggiudicatario non rientra nello schema degli acquisti derivativi e l’aggiudicatario non può considerarsi avente causa dal debitore espropriato. Cassazione civile, Sez. Lavoro, sentenza n. 4899 del 30 luglio 1980

L’identificazione dell’immobile espropriato al fine di stabilire se una porzione dello stesso sia o meno compresa nelle aggiudicazioni, dev’essere compiuta alla stregua degli elementi obiettivi contenuti negli atti del procedimento esecutivo, particolarmente nel bando di vendita e nel provvedimento di aggiudicazione, e al riguardo, mentre possono avere rilievo i confini dell’immobile ed i relativi dati catastali, non può tenersi conto dell’essere la vendita a corpo e non a misura, attenendo tale distinzione alla determinazione del prezzo e non alla sua individuazione. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 1518 del 6 marzo 1980

La particolare efficacia probatoria, che assiste, fino a querela di falso, l’atto pubblico, è limitata alle affermazioni concernenti la provenienza del documento dal pubblico ufficiale che lo ha formato nonché le dichiarazioni delle parti o gli altri fatti che il pubblico ufficiale attesta avvenuti in sua presenza o da lui compiuti e non si estende ad affermazioni relative ad attività o fatti diversi da quelli predetti. Pertanto, l’affermazione, contenuta nel decreto di trasferimento emesso ai sensi dell’art. 586 c.p.c., dell’avvenuto deposito (non nelle mani del giudice dell’esecuzione né in presenza del medesimo) del prezzo del bene espropriato non costituisce una falsa attestazione contestabile mediante la proposizione della querela di falso, ma un errore nell’attività accertativa del giudice dell’esecuzione, avverso cui è esperibile il rimedio dell’opposizione agli atti esecutivi. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 443 del 19 gennaio 1980

Tra gli atti giurisdizionali decisori e definitivi contro i quali il ricorso per cassazione, a norma dell’art. 111 Cost., è ammesso, non rientra il decreto di trasferimento dell’immobile espropriato, pronunciato dal giudice dell’esecuzione ai sensi dell’art. 586 c.p.c. Infatti tale decreto non è decisorio, non essendo emesso al fine della composizione di contrapposte situazioni soggettive e sul presupposto di un contraddittorio, bensì nell’esercizio della funzione, di natura esecutiva, di convertire in denaro l’immobile espropriato e venduto; né definitivo, essendo impugnabile con l’opposizione agli atti esecutivi sia per vizi formali che per vizi sostanziali (quali l’esistenza di posizioni soggettive sostanziali escludenti la validità o l’efficacia dell’atto). Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 5466 del 22 novembre 1978

In sede di trasferimento all’aggiudicatario del bene immobile espropriato, in esito ad esecuzione individuale o concorsuale, il giudice ha il potere di disporre la cancellazione delle trascrizioni dei pignoramenti e delle iscrizioni ipotecarie (art. 586 c.p.c.), ma non anche della trascrizione della domanda giudiziale, con la quale un terzo abbia preteso la proprietà od altro diritto reale sul bene medesimo. Pertanto, l’aggiudicatario, ove tenuto alla restituzione del bene in favore di quel terzo, non può ritenersi necessariamente in buona fede, ai sensi ed agli effetti di cui agli artt. 1147 e ss. c.c., per il solo fatto di aver acquistato in sede di procedimento espropriativo, atteso che, in relazione alla presenza di detta trascrizione, è configurabile una sua situazione di ragionevole dubbio o sospetto sull’esistenza del diritto altrui, idonea ad escludere l’ignoranza di ledere il diritto stesso, e, quindi, la buona fede. Tale principio non trova limitazioni o deroghe nell’art. 2921 c.c., sui diritti verso il debitore od i creditori spettanti all’aggiudicatario che subisca l’evizione, perché questa norma, diretta ad evitare un indebito arricchimento dei predetti soggetti, prescinde dallo stato di buona o mala fede dell’aggiudicatario stesso, e della sua incidenza nei rapporti con il terzo che abbia vittoriosamente rivendicato il bene. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 5121 del 9 novembre 1978

Istituti giuridici

Novità giuridiche