Art. 581 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Modalità dell'incanto

Articolo 581 - codice di procedura civile

L’incanto ha luogo davanti al giudice dell’esecuzione (484), nella sala delle udienze pubbliche.
Le offerte non sono efficaci se non superano il prezzo base o l’offerta precedente nella misura indicata nelle condizioni di vendita (576 n. 6).
Allorché siano trascorsi tre minuti dall’ultima offerta senza che ne segua un’altra maggiore, l’immobile è aggiudicato all’ultimo offerente (584).
Ogni offerente cessa di essere tenuto per la sua offerta quando essa è superata da un’altra, anche se poi questa è dichiarata nulla.

Articolo 581 - Codice di Procedura Civile

L’incanto ha luogo davanti al giudice dell’esecuzione (484), nella sala delle udienze pubbliche.
Le offerte non sono efficaci se non superano il prezzo base o l’offerta precedente nella misura indicata nelle condizioni di vendita (576 n. 6).
Allorché siano trascorsi tre minuti dall’ultima offerta senza che ne segua un’altra maggiore, l’immobile è aggiudicato all’ultimo offerente (584).
Ogni offerente cessa di essere tenuto per la sua offerta quando essa è superata da un’altra, anche se poi questa è dichiarata nulla.

Massime

Nelle opposizioni agli atti esecutivi, la necessità di integrare il contraddittorio con tutti i soggetti controinteressati rispetto all’azione spiegata dall’opponente, nel rispetto della regola del litisconsorzio necessario, deve essere verificata con riferimento al momento della proposizione della domanda Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 28 giugno 2019, n. 17441

In tema di espropriazione forzata, il sistema della vendita all’incanto postula che il prezzo di aggiudicazione sia determinato oggettivamente dalla gara, e quindi che le offerte siano formulate nel corso della stessa: pertanto, nel caso in cui l’offerta formulata in udienza dall’unico partecipante alla gara superi il prezzo base di un importo pari almeno all’aumento minimo prescritto dalle condizioni di vendita, è irrilevante, ai fini della sua efficacia, la circostanza che nell’istanza di partecipazione sia stato erroneamente indicato un prezzo base inferiore; l’offerta precedente, al cui superamento nella misura indicata dalle condizioni di vendita l’art. 581, secondo comma, cod. proc. civ. subordina l’efficacia di ulteriori offerte, è infatti quella formulata da altro offerente nel corso di una gara alla quale abbiano partecipato più concorrenti; laddove invece sia stata presentata un’unica offerta, il parametro di riferimento ai fini dell’aumento è costituito dal prezzo base fissato nelle condizioni di vendita. Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 15 maggio 2009, n. 11328

In tema di esecuzione forzata, il provvedimento con il quale il giudice dell’esecuzione, nel corso di un processo di espropriazione forzata immobiliare, dispone l’aggiudicazione dei beni pignorati, trova il suo momento esecutivo (art.487 cod. proc. civ.) nella conseguita definitività dell’aggiudicazione, con la conseguenza che, finché questa non si sia realizzata, l’ordinanza può sempre essere revocata dal giudice che l’ha emessa. Cass. Civ. Sez. III, sentenza del 20 aprile 2007, n. 9490

Istituti giuridici

Novità giuridiche