Art. 558 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Limitazione dell'espropriazione

Articolo 558 - codice di procedura civile

Se un creditore ipotecario (2808 ss. c.c.) estende il pignoramento a immobili non ipotecati a suo favore, il giudice dell’esecuzione (484) può applicare il disposto dell’art. 496, oppure può sospenderne la vendita fino al compimento di quella relativa agli immobili ipotecati (2911 c.c.).

Articolo 558 - Codice di Procedura Civile

Se un creditore ipotecario (2808 ss. c.c.) estende il pignoramento a immobili non ipotecati a suo favore, il giudice dell’esecuzione (484) può applicare il disposto dell’art. 496, oppure può sospenderne la vendita fino al compimento di quella relativa agli immobili ipotecati (2911 c.c.).

Massime

L’art. 558 c.p.c. costituisce una limitazione del potere conferito al giudice dell’esecuzione con l’art. 496 c.p.c., in quanto, disponendo che il giudice dell’esecuzione può applicare il disposto del detto art. 496 nell’ipotesi in cui il creditore ipotecario estenda il pignoramento a immobili non ipotecati a suo favore, esclude che il giudice dell’esecuzione abbia lo stesso potere nell’ipotesi in cui il creditore limiti, invece, il pignoramento ai soli beni ipotecati. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 1488 del 22 giugno 1967

Istituti giuridici

Novità giuridiche