Art. 417 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Costituzione e difesa personali delle parti

Articolo 417 - codice di procedura civile

In primo grado la parte può stare in giudizio personalmente (82) quando il valore della causa non eccede gli € 129,11 (10).
La parte che sta in giudizio personalmente propone la domanda nelle forme di cui all’art. 414 o si costituisce nelle forme di cui all’art. 416 con elezione di domicilio nell’ambito del territorio della Repubblica.
Può proporre la domanda anche verbalmente davanti al giudice (1) che ne fa redigere processo verbale (126).
Il ricorso o il processo verbale con il decreto di fissazione dell’udienza devono essere notificati (137 ss.) al convenuto e allo stesso attore a cura della cancelleria entro i termini di cui all’art. 415.
Alle parti che stanno in giudizio personalmente ogni ulteriore atto o memoria deve essere notificato (137 ss., 170) dalla cancelleria.

Articolo 417 - Codice di Procedura Civile

In primo grado la parte può stare in giudizio personalmente (82) quando il valore della causa non eccede gli € 129,11 (10).
La parte che sta in giudizio personalmente propone la domanda nelle forme di cui all’art. 414 o si costituisce nelle forme di cui all’art. 416 con elezione di domicilio nell’ambito del territorio della Repubblica.
Può proporre la domanda anche verbalmente davanti al giudice (1) che ne fa redigere processo verbale (126).
Il ricorso o il processo verbale con il decreto di fissazione dell’udienza devono essere notificati (137 ss.) al convenuto e allo stesso attore a cura della cancelleria entro i termini di cui all’art. 415.
Alle parti che stanno in giudizio personalmente ogni ulteriore atto o memoria deve essere notificato (137 ss., 170) dalla cancelleria.

Note

(1) La parola: «pretore» è stata sostituita dalla parola: «giudice» a norma dell’art. 83 del D.L.vo 19 febbraio 1998, n. 51, recante l’istituzione del giudice unico, a decorrere dal 2 giugno 1999.

Massime

Al fine di determinare il valore della causa la quantificazione della perdita pecuniaria conseguente ad una sanzione pecuniaria irrogata dal datore di lavoro ad un suo dipendente costituisce criterio del tutto insufficiente allorquando, ponendosi in discussione la legittimità della sanzione stessa e quindi censurandosi il comportamento del datore di lavoro, viene in discussione l’esistenza di un diritto non già limitato alle conseguenze economiche bensì esteso a tutti i riflessi ulteriori, quali la recidiva, la graduazione di successive sanzioni, la preclusione a progressioni di carriera, riflessi questi che, non essendo quantificabili, rendono la causa di valore indeterminabile. Ne discende che in tale evenienza la parte non può stare in giudizio personalmente (ex art. 417 c.p.c.) mancando il presupposto del valore della causa non superiore a lire 250.000. Cassazione civile, Sez. Lavoro, sentenza n. 3385 del 21 maggio 1986

Ancorché non menzionato né dall’art. 414 c.p.c. né dall’art. 434 c.p.c. (che prescrivono le indicazioni che deve contenere il ricorso nel giudizio di primo grado e di appello), il rilascio della procura alle liti — previsto dalla disposizione generale di cui all’art. 163 n. 6 c.p.c., applicabile anche nel nuovo rito del lavoro — integra il presupposto per la valida costituzione del rapporto processuale anche secondo il sistema del nuovo processo del lavoro, salvo che (art. 417 c.p.c.) la parte possa stare personalmente in giudizio (in primo grado e quando il valore della causa non ecceda le lire 250.000). Pertanto, costituendo la procura alle liti un requisito essenziale dell’atto di appello, la mancanza di detto requisito comporta l’inesistenza giuridica dell’atto di impugnazione, la quale non può ritenersi sanata dal rilascio della procura da parte dell’appellante in un momento successivo al deposito del ricorso, atteso che nel processo del lavoro non può trovare applicazione — senza determinarsi contrasto con i precetti costituzionali — la disposizione dell’art. 125, comma secondo, c.p.c. — la quale stabilisce che la procura al difensore dell’attore può essere rilasciata in data posteriore alla notifica dell’atto di citazione, purché anteriormente alla costituzione della parte rappresentata — realizzandosi la costituzione dell’attore nel giudizio (di primo grado come di secondo grado) mediante il deposito del ricorso in cancelleria. Cassazione civile, Sez. Lavoro, sentenza n. 1750 del 14 marzo 1986

Istituti giuridici

Novità giuridiche