(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

ARTICOLO ABROGATO - Deposito per il caso di soccombenza

Articolo 364 - Codice di Procedura Civile

(1) [Il ricorso deve essere preceduto dal deposito, per il caso di soccombenza, di lire cinquecento se la sentenza impugnata è del pretore, di lire millecinquecento se la sentenza impugnata è del tribunale, di lire tremila in ogni altro caso.
E sufficiente un solo deposito quando più parti ricorrono con lo stesso atto contro una o più parti, anche se per motivi diversi.
Non è richiesto deposito:
1. per i ricorsi di cui ai nn. 1 e 2 dell’articolo 362;
2. per i ricorsi nell’interesse dello Stato e per quelli proposti a norma dell’articolo 368;
3. per i ricorsi, nell’interesse delle persone ammesse al beneficio del gratuito patrocinio per il giudizio di cassazione;
4. per i ricorsi relativi a controversie del lavoro e della previdenza e assistenza obbligatorie;
5. negli altri casi indicati dalla legge.]

Articolo 364 - Codice di Procedura Civile

(1) [Il ricorso deve essere preceduto dal deposito, per il caso di soccombenza, di lire cinquecento se la sentenza impugnata è del pretore, di lire millecinquecento se la sentenza impugnata è del tribunale, di lire tremila in ogni altro caso.
E sufficiente un solo deposito quando più parti ricorrono con lo stesso atto contro una o più parti, anche se per motivi diversi.
Non è richiesto deposito:
1. per i ricorsi di cui ai nn. 1 e 2 dell’articolo 362;
2. per i ricorsi nell’interesse dello Stato e per quelli proposti a norma dell’articolo 368;
3. per i ricorsi, nell’interesse delle persone ammesse al beneficio del gratuito patrocinio per il giudizio di cassazione;
4. per i ricorsi relativi a controversie del lavoro e della previdenza e assistenza obbligatorie;
5. negli altri casi indicati dalla legge.]

Note

(1) Articolo abrogato dall’art. 1 della L. 18 ottobre 1977, n. 793.

Massime

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati