Art. 310 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Effetti dell'estinzione del processo

Articolo 310 - codice di procedura civile

L’estinzione del processo non estingue l’azione (186 bis, 186 ter, 338, 632; 2945 c.c.).
L’estinzione rende inefficaci gli atti compiuti, ma non le sentenze di merito (277) pronunciate nel corso del processo e le pronunce che regolano la competenza (1).
Le prove raccolte sono valutate dal giudice a norma dell’art. 116 secondo comma.
Le spese del processo estinto (306) stanno a carico delle parti che le hanno anticipate (90, 632).

Articolo 310 - Codice di Procedura Civile

L’estinzione del processo non estingue l’azione (186 bis, 186 ter, 338, 632; 2945 c.c.).
L’estinzione rende inefficaci gli atti compiuti, ma non le sentenze di merito (277) pronunciate nel corso del processo e le pronunce che regolano la competenza (1).
Le prove raccolte sono valutate dal giudice a norma dell’art. 116 secondo comma.
Le spese del processo estinto (306) stanno a carico delle parti che le hanno anticipate (90, 632).

Note

(1) Le parole: «e quelle che regolano la competenza» sono state così sostituite dall’art. 46, comma 16, della L. 18 giugno 2009, n. 69, a decorrere dal 4 luglio 2009. Ai sensi dell’art. 58, comma 1, della predetta legge, tale disposizione si applica ai giudizi instaurati dopo la data della sua entrata in vigore.

Massime

La domanda giudiziale è un evento idoneo ad impedire la decadenza di un diritto, non in quanto costituisca la manifestazione di una volontà sostanziale, ma perché instaura un rapporto processuale diretto ad ottenere l’effettivo intervento del giudice, sicché l’esercizio dell’azione giudiziaria non vale a sottrarre il diritto alla decadenza, qualora il giudizio si estingua, facendo venire meno il rapporto processuale; infatti, l’inefficacia degli atti compiuti nel giudizio estinto, prevista dall’art. 310, comma 2, c.p.c., non può essere arbitrariamente limitata ai soli aspetti processuali, dovendo estendersi anche a quelli sostanziali, fatte salve le specifiche deroghe normative. La non estensione alla decadenza dell’effetto interruttivo della domanda giudiziale previsto dalle norme sulla prescrizione, secondo quanto stabilito dall’art. 2964 c.c., è giustificata dalla non omogeneità della natura e della funzione dei due istituti, trovando la prescrizione fondamento nell’inerzia del titolare del diritto, sintomatica per il protrarsi del tempo, del venir meno di un concreto interesse alla tutela, e, la decadenza nel fatto oggettivo del mancato esercizio del diritto entro un termine stabilito, nell’interesse generale o individuale, alla certezza di una determinata situazione giuridica. Cassazione civile, Sez. VI-lav., ordinanza n. 26309 del 7 novembre 2017

In base al disposto dell’art. 310, secondo comma, cod. proc. civ., la pronuncia della Corte della cassazione che regola la competenza continua a spiegare i suoi effetti per il futuro, nonostante l’estinzione per mancata riassunzione del processo nel corso del quale la medesima statuizione sulla competenza sia stata emessa. Cassazione civile, Sez. VI-2, ordinanza n. 13975 del 3 giugno 2013

L’estinzione del processo (sia o meno dichiarata dal giudice) elimina l’effetto permanente dell’interruzione della prescrizione prodotto dalla domanda giudiziale ai sensi dell’art. 2945, comma 2, c.c., ma non incide sull’effetto interruttivo istantaneo della medesima, con la conseguenza che la prescrizione ricomincia a decorrere dalla data di detta domanda. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 8720 del 13 aprile 2010

In conformità alla regola generale dettata dall’art. 310, ultimo comma, c.p.c., nel processo di esecuzione e, quindi, anche in quello di espropriazione forzata presso terzi, in mancanza di diverso accordo tra le parti, qualora il processo si estingue, le spese restano a carico delle parti che le hanno anticipate; pertanto quelle sostenute dal creditore procedente restano a suo carico se, a seguito della dichiarazione negativa del terzo e in assenza di contestazioni, il processo è dichiarato estinto e, conseguentemente, l’ordinanza con la quale il giudice dell’esecuzione, dichiarata l’estinzione del processo, provvede alla liquidazione ponendole a carico del debitore esecutato, avendo contenuto decisorio su diritti e non essendo altrimenti impugnabile, è ricorribile per cassazione ex art. 111 Cost. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 23408 del 9 novembre 2007

In tema di risarcimento del danno conseguente a reato, fermo restando che l’azione legittimamente esercitata in sede civile può essere proseguita e decisa in tale sede, l’estinzione del giudizio, derivante dal trasferimento dell’azione civile nel processo penale ex art. 75 c.p.p., non si produce automaticamente, ma intanto opera in quanto l’effetto estintivo sia eccepito ai sensi dell’art. 307 c.p.c. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 17172 del 6 agosto 2007

Nel sistema delineato dall’art. 2945 c.c., l’instaurazione del giudizio interrompe la prescrizione e ne sospende il decorso fino al passaggio in giudicato della sentenza (anche di rito) che definisce il giudizio. Quando il processo si estingue, invece, la prescrizione decorre dalla data dell’atto interruttivo. Non può, pertanto, prodursi l’effetto interruttivo sospensivo enunciato nel citato art. 2945, comma secondo, quando un processo, all’esito di una pronuncia declinatoria della competenza, non sia tempestivamente riassunto, non potendo più ravvisarsi l’unicità del processo. Tuttavia, nel diverso caso in cui prima della declaratoria d’incompetenza la stessa domanda con le stesse parti venga proposta davanti al giudice competente (e non venga dichiarata la litispendenza), l’assoluta identità del secondo giudizio consente di ritenere unico il processo e, conseguentemente, prodotto l’effetto interruttivo permanente dalla data dell’atto introduttivo del primo giudizio. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 17156 del 6 agosto 2007

La domanda giudiziale è un evento idoneo ad impedire la decadenza di un diritto, non in quanto costituisca la manifestazione di una volontà sostanziale, ma perché instaura un rapporto processuale diretto ad ottenere l’effettivo intervento del giudice, sicché l’esercizio dell’azione giudiziaria non vale a sottrarre il diritto alla decadenza qualora il giudizio si estingua, facendo venire meno il rapporto processuale; infatti, l’inefficacia degli atti compiuti nel giudizio estinto, prevista dall’art. 310 secondo comma c.p.c., non può essere arbitrariamente limitata ai soli aspetti processuali, dovendo estendersi anche a quelli sostanziali, fatte salve le specifiche deroghe normative (come ad es. quella di cui all’art. 2954 terzo comma c.c.).D’altra parte, la non estensione alla decadenza dell’effetto interruttivo della domanda giudiziale previsto dalle norme sulla prescrizione, secondo quanto stabilito dall’art. 2964 cod. civ, è giustificata dalla non omogeneità della natura e della funzione dei due istituti, trovando la prescrizione fondamento nell’inerzia del titolare del diritto, sintomatica per il protrarsi del tempo, del venir meno di un concreto interesse alla tutela, e, la decadenza nel fatto oggettivo del mancato esercizio del diritto entro un termine stabilito, nell’interesse generale o individuale, alla certezza di una determinata situazione giuridica. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 1090 del 18 gennaio 2007

Le sentenze che, ai sensi dell’art. 310 c.p.c., non vengono travolte dalla pronuncia di estinzione del giudizio sono soltanto le sentenze non definitive (oltre che quelle sulla competenza) pronunziate prima che si perfezionasse la fattispecie estintiva. Tra queste non rientra pertanto la sentenza di appello, successivamente cassata, con la quale sia stata riformata la sentenza di estinzione pronunciata in primo grado. Ne consegue che qualora l’estinzione del processo sia affermata in primo grado, negata in grado di appello, e confermata nel giudizio di cassazione, la sentenza di appello non ha alcuna efficacia interruttiva della prescrizione, la quale ricomincia a decorrere dalla data della notifica dell’atto introduttivo del giudizio di primo grado, ai sensi dell’art. 2945, comma terzo, c.c. Cassazione civile, Sez. III, sentenza n. 10760 del 29 settembre 1999

La sentenza con la quale il giudice abbia dichiarato la propria incompetenza (chiudendo perciò il processo innanzi a sé) ed abbia rimesso la regolamentazione delle spese, in violazione dell’art. 91 comma primo c.p.c., al giudice dichiarato competente, può essere impugnata dalla parte che intenda dolersi della mancata pronuncia sulle spese esclusivamente con l’appello. Tuttavia, intervenuta l’estinzione del processo per mancata costituzione di entrambe le parti nel termine loro rispettivamente assegnato nella causa riassunta davanti al giudice dichiarato competente e divenuta, pertanto, inefficace la sentenza pronunciata in prime cure (art. 310 c.p.c.), l’appello deve essere dichiarato improcedibile, restando le spese del processo estinto a carico delle parti che le hanno anticipate (art. 310 cit., comma quarto). Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 11845 del 29 novembre 1993

Il principio fissato dall’art. 310, ultimo comma, c.p.c. (secondo cui le spese del processo stanno a carico delle parti che le hanno anticipate) non trova applicazione quando insorga controversia in ordine alla estinzione del processo e tale controversia venga decisa con sentenza. In quest’ultima ipotesi riprendono vigore i principi posti dagli artt. 91 e 92 c.p.c., e quindi innanzitutto il criterio della soccombenza, limitatamente però alle spese causate dalla trattazione della questione relativa alla estinzione, non potendo detti principi estendersi anche alle spese della fase processuale precedente al verificarsi dell’estinzione. Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 10173 del 14 ottobre 1993

L’estinzione del processo dopo la sentenza non definitiva di accertamento del diritto al risarcimento del danno non preclude la proposizione di una nuova azione per la liquidazione di tale danno, atteso che, a meno che si siano verificate ipotesi di decadenza o di prescrizione, essa, ai sensi dell’art. 310 c.p.c., non estingue il diritto o l’azione, né quest’ultima si esaurisce solo perché è stata esercitata in un processo ove non abbia condotto ad un provvedimento sul merito. Cassazione civile, Sez. II, sentenza n. 5063 del 29 aprile 1993

L’estinzione del processo non rende inefficaci, a norma dell’art. 310, secondo comma, c.p.c., le sentenze che siano state in precedenza rese su questioni di merito, e che siano quindi idonee ad acquistare autorità di giudicato. Pertanto, qualora il giudice di secondo grado, con sentenza non definitiva, pronunci la separazione personale dei coniugi, e disponga ulteriore istruttoria in ordine al riconoscimento ed alla quantificazione dell’assegno di mantenimento, il successivo verificarsi dell’estinzione del processo non travolge tale sentenza, la quale resta impugnabile con ricorso per cassazione, indipendentemente dal fatto che sia stata oggetto di riserva di impugnazione differita unitamente alla sentenza definitiva (che non può più essere pronunciata). Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 4113 del 11 luglio 1985

Le sentenze che regolano la competenza, alle quali fa riferimento il secondo comma dell’art. 310 c.p.c. per conservarne l’efficacia pur dopo l’estinzione del processo durante il quale sono state pronunciate, sono soltanto quelle di cassazione emesse ai sensi degli artt. 42 e seguenti dello stesso codice, mentre le pronunce sulla competenza rese dal giudice del merito, anche se passate in cosa giudicata, perdono efficacia ove sopravvenga l’estinzione, con la conseguenza che il giudice successivamente adito può decidere autonomamente sulla propria competenza. Cassazione civile, Sez. Lavoro, sentenza n. 6206 del 18 novembre 1982

L’art. 310 c.p.c., secondo cui l’estinzione del processo rende inefficace gli atti compiuti, si riferisce agli atti del giudizio di cognizione ordinaria, ma non estende la sua efficacia al decreto ingiuntivo opposto. Quest’ultimo, infatti, acquista efficacia esecutiva, a norma dell’art. 653 c.p.c., qualora con ordinanza sia dichiarata l’estinzione del giudizio di opposizione. Cassazione civile, Sez. Lavoro, sentenza n. 5021 del 16 novembre 1977

Mentre per la disposizione, contenuta nell’art. 310 c.p.c., relativa ad una fase del procedimento, l’estinzione del processo rende inefficaci gli atti compiuti, ma non le sentenze di merito pronunciate nel corso del processo, per l’art. 393 c.p.c., relativo al giudizio di rinvio, per effetto della mancata riassunzione nel termine di legge, tutta l’attività processuale svolta è travolta, onde cadono nel nulla anche le sentenze emesse nel corso del giudizio. Peraltro, il travolgimento di tutta l’attività processuale svolta trova un limite invalicabile nell’autorità di cosa giudicata che sia stata acquistata dalle pronunce emanate nel corso del giudizio. Su queste, siano esse definitive o non definitive e non impugnate, la estinzione non può avere alcun effetto, per la efficacia irrevocabile del giudicato. Inoltre, poiché la pronuncia di annullamento produce i suoi effetti soltanto sulle parti della sentenza impugnata in relazione alle quali essa è operante ossia soltanto sulle parti cassate, i capi di pronuncia non cassati non sono travolti ed acquistano autorità di cosa giudicata, tranne che siano dipendenti dai capi cassati. I capi della sentenza impugnata, non cassati e indipendenti dai capi cassati, non sono travolti, quindi, dalla estinzione del giudizio di rinvio. L’estinzione copre, cioè, tutta l’attività processuale relativa ai capi cassati della pronuncia impugnati ed a quelli da essa dipendenti, con la particolarità, connessa alla funzione istituzionale regolatrice della Corte di cassazione, che in caso di riproposizione della domanda (l’estinzione non impedisce la riproposizione, perché opera sul processo e non sull’azione) il principio di diritto, enunciato nella sentenza di annullamento, conserva la sua efficacia vincolante. Cassazione civile, sentenza n. 766 del 11 aprile 1960

Benché l’art. 310, terzo comma, c.p.c. autorizzi il giudice a valutare le prove raccolte in un altro processo solo in caso di estinzione del processo in cui le prove vennero raccolte, non può tuttavia equipararsi ad una estensione dell’efficacia degli atti istruttori e non è pertanto vietato l’esame da parte del collegio di un semplice documento prodotto in un altro contemporaneo giudizio, che verta tra le stesse parti davanti al medesimo collegio nella stessa composizione, e per di più quando ciò sia avvenuto quasi nello stesso contestato, essendo le due cause deliberate nella stessa data. Cassazione civile, sentenza n. 1867 del 19 luglio 1949

Istituti giuridici

Novità giuridiche