(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Estensione della nullità

Articolo 159 - Codice di Procedura Civile

La nullità di un atto non importa quella degli atti precedenti, né di quelli successivi che ne sono indipendenti (336).
La nullità di una parte dell’atto non colpisce le altre parti che ne sono indipendenti.
Se il vizio impedisce un determinato effetto, l’atto può tuttavia produrre gli altri effetti ai quali è idoneo (121).

Articolo 159 - Codice di Procedura Civile

La nullità di un atto non importa quella degli atti precedenti, né di quelli successivi che ne sono indipendenti (336).
La nullità di una parte dell’atto non colpisce le altre parti che ne sono indipendenti.
Se il vizio impedisce un determinato effetto, l’atto può tuttavia produrre gli altri effetti ai quali è idoneo (121).

Note

Massime

Nei procedimenti contenziosi che iniziano con ricorso, il compimento della formalità del deposito coincide con la proposizione della domanda e sulla validità di quest’ultima non possono riflettersi, ostandovi il disposto dell’art. 159 c.p.c., i vizi incidenti sulla successiva fase della “vocatio in ius”, da attuare mediante la notifica dell’atto introduttivo e del correlativo decreto di fissazione dell’udienza. Ne consegue che il rinnovo della notifica del ricorso sana con effetto “ex tunc” i vizi dell’originaria notifica, non rilevando che alla rinnovazione si provveda posteriormente alla scadenza del termine originariamente fissato dal giudice, se non ancora scaduto al momento della notifica nulla, qualora sia rispettato il nuovo termine assegnato, ovvero siano rispettati i termini a comparire nell’ipotesi in cui non vi sia stata fissazione della nuova udienza. (Principio affermato in tema di opposizione all’esecuzione). Cass. civ. sez. III 18 ottobre 2011, n. 21487

E’ ammissibile il reclamo avverso il decreto, avente natura sostanziale di sentenza, con cui il tribunale abbia negato l’approvazione del conto della gestione dell’amministratore giudiziario, nominato ex art. 2409 c.c. e poi revocato, se comunque il mezzo sia stato proposto dinanzi alla corte di appello, potendo il reclamo convertirsi in appello, in applicazione del principio di conservazione dettato dall’art. 159, terzo comma, c.p.c. Tale principio – per il quale, ove il vizio di nullità impedisca un determinato effetto, l’atto può produrre gli altri effetti ai quali è idoneo – opera, infatti, allorché l’atto non solo abbia i requisiti di forma e di sostanza dell’atto in cui viene convertito, ma sia stato proposto,come nella specie, dinanzi al giudice competente per il grado di giudizio, dovendosi escludere la conversione dell’atto solo se dall’esame del contenuto del mezzo utilizzato risulti inequivocabilmente la volontà della parte di utilizzare soltanto un mezzo diverso, ancorché inammissibile. Cass. civ. sez. I 4 agosto 2009, n. 17939

In base al principio contenuto nell’art. 159 c.p.c., la nullità del singolo atto processuale dà luogo alla nullità della sentenza solo se posta in rapporto di dipendenza con l’atto nullo; in particolare, l’eventuale nullità di una prova non comporta la nullità della sentenza adottata a definizione della controversia nella quale è stata assunta se la decisione finale della controversia non è in alcun modo fondata su detta prova.  Cass. civ. sez. III 18 marzo 2003, n. 3989

La nullità di un atto processuale si estende a quello successivo soltanto nel caso in cui quest’ultimo sia dipendente dall’atto nullo, nel senso che il primo atto sia non solo cronologicamente anteriore, ma anche indispensabile per la realizzazione di quello che segue, non essendo sufficiente, ai fini della propagazione del vizio, che il primo provvedimento, affetto da nullità, abbia creato soltanto l’occasione per l’emissione di altro provvedimento, in tal caso essendo configurabile esclusivamente una ingiustizia nel merito del provvedimento successivo, perché fondato su una valutazione di fatto condizionata da un provvedimento nullo. (Sulla base dell’enunciato principio, la S.C. ha escluso che l’eventuale nullità dell’impugnato provvedimento del giudice delegato, assunto nell’ambito di una vendita immobiliare senza incanto di beni immobili, di annullamento della gara tra gli offerenti colpisca, in via di estensione, anche il successivo provvedimento, emesso dallo stesso giudice, di sospensione della vendita ex art. 108, comma terzo, legge fall., e ciò sul rilievo che detta sospensione ha carattere meramente eventuale, può intervenire in qualsiasi momento tra l’ordinanza di vendita ed il trasferimento del bene e può prescindere dall’annullamento dell’aggiudicazione; ed ha pertanto dichiarato inammissibile il ricorso per cassazione per carenza di interesse del ricorrente a far valere una nullità non suscettibile di estendersi ad un provvedimento indipendente da quello impugnato ed idoneo, da solo, a travolgere l’aggiudicazione). Cass. civ. sez. I 12 luglio 2001, n. 9419
Il difetto di sottoscrizione del verbale di udienza di discussione della causa, da parte del giudice e del cancelliere, non determina la nullità della sentenza se la mancanza di tali firme non ha pregiudicato o influito in alcun modo su quest’ultima, trovando applicazione anche in questo caso l’art. 159 c.p.c. a norma del quale la nullità di un atto non comporta quella dei successivi che ne sono indipendenti. Cass. civ. sez. III 25 marzo 1999, n. 2820

Il principio della limitazione oggettiva della nullità dell’atto, contenuto nell’art. 159, secondo comma, c.p.c., è applicabile anche quando si è in presenza di un atto finale che costituisce la risultante di una serie di atti distinti l’uno dall’altro, cioè di attività continuativa nel tempo e frazionabile in momenti autonomi. In particolare, se una parte dell’attività di accertamento e rilevazione dei dati compiuta dal consulente tecnico sia invalida, perché svolta in violazione del principio del contraddittorio e al di fuori del necessario controllo delle parti, qualora quella frazione di attività non si sia riverberata sull’atto conclusivo, consistente nella relazione di consulenza (che pertanto non può dirsi direttamente influenzata da essa), la rilevata indipendenza impedisce che il vizio si comunichi e costituisce causa giustificativa della limitazione della rilevanza della nullità. L’affermazione o la esclusione di tale nesso di dipendenza forma oggetto di un apprezzamento riservato al giudice di merito, essendo intimamente connesso con la valutazione delle risultanze della relazione peritale, ed è perciò insindacabile in sede di legittimità. Cass. civ. Sezioni Unite 24 marzo 1976, n. 1035

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati