Art. 146 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Notificazione a militari in attività di servizio

Articolo 146 - codice di procedura civile

Se il destinatario è militare in attività di servizio e la notificazione non è eseguita in mani proprie (138), osservate le disposizioni di cui agli articoli 139 e seguenti, si consegna una copia al pubblico ministero, che ne cura l’invio al comandante del corpo al quale il militare appartiene.


Articolo 146 - Codice di Procedura Civile

Se il destinatario è militare in attività di servizio e la notificazione non è eseguita in mani proprie (138), osservate le disposizioni di cui agli articoli 139 e seguenti, si consegna una copia al pubblico ministero, che ne cura l’invio al comandante del corpo al quale il militare appartiene.


Massime

La notificazione a militare in attività di servizio può eseguirsi anche a mezzo del servizio postale, in quanto l’art. 146 c.p.c. – secondo cui quando destinatario della notifica sia il militare, essa deve avvenire a mani proprie, osservate le norme di cui agli artt. 139 ss. del codice di rito e, altrimenti, mercè invio di copia dell’atto al comandante del corpo di appartenenza, per il tramite del P.M. – non contiene l’espresso divieto normativo che è il solo idoneo ad essere di ostacolo all’ipotesi di notificazione a mezzo posta a norma dell’art. 149, primo comma, c.p.c. Cass. civ. sez. II 16 febbraio 1996, n. 1202

Quando la notificazione di un atto di citazione a militare in servizio non è eseguita in mani proprie, osservate le disposizioni di cui agli artt. 139 e seguenti c.p.c., la formalità della consegna di una copia al pubblico ministero per l’invio al comandante del corpo al quale il militare appartiene – secondo le modalità stabilite nell’art. 49 disp. att. c.p.c. – espressamente richieste dal successivo art. 146 c.p.c. costituisce un adempimento necessario, la cui omissione importa la nullità della notificazione, senza che sia consentita alcuna distinzione fra militari di carriera e militari in servizio di leva o richiamati alle armi ed indipendentemente dalla conoscenza che di tale particolare stato abbia potuto avere colui su istanza del quale la notifica viene effettuata. Tale adempimento è, infatti, posto a tutela del destinatario della notificazione, in considerazione degli imprevedibili, improvvisi e più frequenti spostamenti a cui possono essere soggetti gli appartenenti ai corpi militari – indipendentemente dalla circostanza che essi siano o meno militari di carriera – le cui destinazioni debbono talvolta essere mantenute segrete per motivi di sicurezza connessi alla più efficiente realizzazione dei compiti loro affidati. Cass. Sez. III 11 gennaio 2007, n. 372.

Istituti giuridici

Novità giuridiche