Art. 10 – Codice di Procedura Civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Determinazione del valore

Articolo 10 - codice di procedura civile

Il valore della causa, ai fini della competenza, si determina dalla domanda a norma delle disposizioni seguenti.
A tale effetto le domande proposte nello stesso processo contro la medesima persona si sommano tra loro, e gli interessi scaduti (1282 c.c., 1284 c.c.), le spese e i danni (1223 e ss c.c., 2043 ss c.c.) anteriori alla proposizione si sommano col capitale (31, 104).

Articolo 10 - Codice di Procedura Civile

Il valore della causa, ai fini della competenza, si determina dalla domanda a norma delle disposizioni seguenti.
A tale effetto le domande proposte nello stesso processo contro la medesima persona si sommano tra loro, e gli interessi scaduti (1282 c.c., 1284 c.c.), le spese e i danni (1223 e ss c.c., 2043 ss c.c.) anteriori alla proposizione si sommano col capitale (31, 104).

Massime

Esula dalla competenza per materia del giudice del lavoro e resta devoluta alla cognizione del giudice competente secondo il generale criterio del valore la domanda di risarcimento dei danni proposta dai congiunti del lavoratore deceduto non “jure hereditario”, per far valere la responsabilità contrattuale del datore di lavoro nei confronti del loro dante causa, bensì “jure proprio”, quali soggetti che dalla morte del loro congiunto hanno subìto danno e, quindi, quali portatori di un autonomo diritto al risarcimento che ha la sua fonte nella responsabilità extracontrattuale di cui all’art. 2043 c.c. Cass. civ. sez. III, 7 gennaio 2018, n. 907

L’indicazione del valore della causa, riportata in calce all’atto introduttivo del giudizio per la determinazione del contributo unificato dovuto per legge, ha finalità esclusivamente fiscale, sicchè non spiega alcun effetto sulla determinazione del valore della controversia ai fini della individuazione del giudice competente. Cass. civ., sez. II, 10 aprile 2017, n. 9195

Ai fini della determinazione della competenza per valore, riguardo all’impugnativa della deliberazione dell’assemblea condominiale di approvazione del rendiconto annuale e di ripartizione dei contributi, seppure l’attore abbia chiesto la dichiarazione di nullità o l’annullamento dell’intera delibera, deducendo l’illegittimità di un obbligo di pagamento a lui imposto, occorre far riferimento soltanto all’entità della spesa specificamente contestata. Cass. civ., sez.VI, ord. 5 luglio 2013, n. 16898

In tema di liquidazione degli onorari professionali a favore dell’avvocato, l’art. 6 della tariffa trova applicazione soltanto in riferimento alle cause per le quali si proceda alla determinazione presuntiva del valore in base a parametri legali, e non pure allorquando il valore della causa sia stato in concreto dichiarato, dovendosi utilizzare, in tale situazione, il disposto dell’art. 10 c.p.c., senza necessità di motivare in ordine alla mancata adozione di un diverso criterio. Cass. civ. sez. II, 12 aprile 2010, n. 8660

La circostanza che il comma 2 dell’art. 14 del D.P.R. n. 115 del 2002 esclude la rilevanza degli interessi per la individuazione del valore ai fini del contributo unificato, mentre essi sono considerati dall’art. 10, secondo comma, c.p.c. rilevanti ai fini dell’individuazione del valore della domanda ed il fatto che la dichiarazione della parte in funzione della determinazione del contributo unificato è indirizzata al funzionario di cancelleria, cui compete il relativo controllo, escludono decisamente ogni possibile partecipazione di tale dichiarazione di valore alle conclusioni della citazione, cui allude il n. 4 dell’art. 163 e, quindi, la possibilità di considerare la dichiarazione come parte della «domanda», nel senso cui vi allude il primo comma dell’art. 10 citato, quando dice che «il valore della causa, ai fini della competenza, si determina dalla domanda a norma delle disposizioni seguenti» e fra queste dell’art. 14 c.p.c. (Sulla base di tale principio – espressamente dichiarato valido anche in relazione al regime di cui all’art. 9 della L. n. 488 del 1999 – la Suprema Corte ha escluso che la dichiarazione di valore per il contributo fosse valsa a ricondurre il valore della causa, relativa a somma di danaro, nel limite della competenza per valore secondo equità del giudice di pace in funzione – anteriormente al D.L.vo n. 40 del 2006 – della ricorribilità in cassazione e non dell’appellabilità, in presenza di una domanda proposta con richiesta di una somma di valore indeterminato e, quindi, corrispondente, ai sensi dell’art. 14 c.p.c., al massimo della competenza del giudice di pace adìto). Cass. civ. sez. III, 13 luglio 2007, n. 15714

La regola stabilita dall’art.10 c.p.c., secondo cui il valore della controversia va determinato sulla base della domanda e sulla scorta degli elementi che risultano dagli atti, non esclude che, a detto scopo, il giudice possa utilizzare anche il notorio. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha ritenuto incensurabile la sentenza impugnata che aveva considerato le domande relative agli interessi ed alla rivalutazione monetaria di valore determinabile, in quanto computabile avendo riguardo alla data di pagamento, risultante dagli atti di causa, ed al tasso degli interessi legali e dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo, costituenti fatti notori). Cass. civ., sez. II, 19 gennaio 2006, n. 973

Nell’azione revocatoria, il valore della causa si determina non già sulla base dell’atto impugnato, bensì sulla base del credito per il quale si agisce in revocatoria, anche se il valore dei beni alienati, o comunque sottratti al creditore, risulti superiore, poiché l’azione revocatoria non ha carattere di azione di nullità ma solo carattere conservativo, dal momento che la sua funzione consiste nel paralizzare l’efficacia dell’atto impugnato per assicurare al creditore danneggiato l’assoggettabilità all’azione esecutiva dei beni alienati o comunque resi indisponibili dal debitore.  Cass. civ. sez. I 17 marzo 2004, n. 5402.

Ai fini della determinazione della competenza per valore nelle cause per pagamento di somme di danaro, deve aversi riguardo a quanto in concreto richiesto dall’attore (nella specie, rata di finanziamento), e non all’oggetto dell’accertamento che il giudice deve compiere quale antecedente logico per decidere del fondamento della domanda, con la conseguenza che l’eccezione del convenuto in ordine all’esistenza o validità del rapporto contrattuale sul quale è basata la domanda (nella specie, rapporto di finanziamento), comporta lo spostamento della competenza, in dipendenza del maggior valore dell’intero rapporto rispetto al valore della domanda, solo nel caso in cui l’eccezione non sia stata proposta come mero mezzo di difesa, ma dia luogo ad una questione pregiudiziale da risolversi con efficacia di giudicato ai sensi dell’art. 34 c.p.c.  Cass. civ. sez. III 2 aprile 2002, n. 4638

Ai sensi dell’art. 10 c.p.c., richiamato dall’art. 5 d.m. n. 140 del 2012 “ratione temporis” applicabile, le domande proposte, in via gradata tra loro, verso la stessa parte non si sommano ai fini della determinazione del valore della causa, con riguardo alla liquidazione delle spese in favore della parte vittoriosa, dovendo esser utilizzato a tal fine l’ammontare richiesto nella domanda di valore maggiore. (Nella specie, la S.C. ha escluso il cumulo delle domande proposte dalla società attrice, in via principale, per ottenere la residua parte di un contributo concesso originariamente e, in via subordinata all’ipotesi di rigetto della pretesa svolta in via principale, per trattenere la somma già ricevuta).  Cass. civ. sez. II, 25 settembre 2018, n. 22711

Nel caso in cui, unitamente ad una domanda di valore determinato ed inferiore al limite della competenza del giudice adìto, venga proposta contro lo stesso convenuto una domanda di valore indeterminato, trova applicazione la disciplina del cumulo ex art. 10, comma 2, c.p.c., con conseguente spostamento della competenza al giudice superiore, salvo che l’attore abbia dichiarato, in modo inequivoco, di voler contenere il valore della seconda domanda entro detto limite. Cass. civ., sez. , VI, , 20 giugno 2019, n. 16635

Il cumulo delle domande, stabilito agli effetti della competenza per valore dall’art. 10, comma 2, c.p.c., riguarda solo le domande proposte tra le stesse parti e non si riferisce all’ipotesi di domande proposte nei confronti dello stesso soggetto da diversi soggetti processuali, in ipotesi di litisconsorzio facoltativo disciplinato dall’art. 103 c.p.c., nel qual caso, non richiamando detta ultima norma l’art. 10, comma 2 c.p.c., la competenza si determina in base al valore di ogni singola domanda.  Cass. civ. sez. VI, 6 febbraio 2017, n. 3107

Qualora l’attore proponga domanda di risarcimento dei danni, cumulandola con quella di riconoscimento degli interessi e della rivalutazione monetaria, non si determina lo spostamento della causa al giudice superiore qualora egli dichiari, in modo inequivoco, di voler contenere l’intero “petitum” nel limite della competenza del giudice adito, con la conseguenza che la “clausola di contenimento” entro il detto limite diviene vincolante anche agli effetti del merito, sebbene non reiterata in sede di precisazione delle conclusioni. Cass. civ. sez. III, , 6 luglio 2010, n. 15853

Le spese processuali cumulabili alla domanda, ai fini della determinazione del valore di essa, sono soltanto quelle occorse per procedimenti autonomi dal processo introdotto con la domanda stessa, non anche quelle (per dattilografia, copie fotostatiche, studio, consultazioni e simili) sostenute prima di tale processo e ai fini della sua instaurazione. Cass. civ., sez. II 17 dicembre 2009, n. 26592

Qualora la domanda di pagamento degli interessi legali sulla somma capitale, chiesta a titolo di legato avente per oggetto una somma di pari importo, non sia stata espressamente formulata dall’attore con riferimento anche alla disciplina di cui all’art. 669 cod. civ. – prevedente la decorrenza dei medesimi interessi dall’apertura della successione – gli interessi legali devono intendersi richiesti dalla data di notifica dell’atto introduttivo del giudizio; ne consegue che, a norma dell’art. 10, secondo comma, cod. proc. civ., per la determinazione del valore della causa ai fini della competenza, ci si deve riferire alla sola somma richiesta a titolo di capitale. Cass. civ. sez. II, 7 gennaio 2009, n. 110

Nel caso in cui vengano proposte cumulativamente dinanzi al giudice di pace una domanda di condanna al pagamento di una somma di denaro inferiore al limite massimo di competenza per valore del giudice adìto, ed una domanda di condanna ad un facere per la quale non sia indicato alcun valore, quest’ultima deve ritenersi di valore corrispondente al suddetto limite massimo, con la conseguenza che il cumulo delle due domande comporta il superamento della competenza per valore del giudice di pace. Cass. civ. sez. III, 16 ottobre 2008, n. 25257

Il principio risultante dal secondo comma dell’art. 10 c.p.c., secondo cui, ai fini della determinazione della competenza per valore, si sommano al capitale richiesto gli interessi scaduti, le spese e i danni anteriori alla proposizione della domanda, e non anche quelli posteriori, che sono l’effetto dell’accertamento del diritto contenuto nella sentenza, trova applicazione anche in ordine al danno da svalutazione monetaria, sicché, ai fini della determinazione del valore della causa, deve tenersi conto soltanto della frazione di deperezzamento monetario intervenuto tra l’evento dannoso e la domanda, con esclusione della svalutazione monetaria maturatasi nel periodo successivo.  Cass. civ. sez. III, 8 settembre 2006, n. 19302

Ai fini della determinazione della competenza per valore, la domanda riconvenzionale non deve essere sommata a quella principale, poiché il cumulo, ai sensi dell’art. 10 c.p.c., è previsto solo per le domande proposte contro la medesima parte. Peraltro, nell’ipotesi in cui il giudice di pace, anche a seguito della domanda riconvenzionale, conservi la competenza a decidere sulla controversia, ai sensi del combinato disposto degli artt. 7 e 36 c.p.c., – ai fini della individuazione del mezzo di impugnazione esperibile – deve tenersi conto del cumulo delle domande.  Cass. civ. sez. III  5 settembre 2006, n. 19065

Nel caso di pluralità di domande proposte al giudice di pace, di cui l’una rientri nella competenza per materia del giudice adito (art. 7 comma terzo c.p.c.) e l’altra in quella per valore – e da decidere secondo equità se di importo non superiore a lire due milioni –, non si determina il cumulo previsto, ai fini della competenza per valore, dall’art. 10 c.p.c.; pertanto, la decisione relativa alla prima – essendo emessa secondo diritto – deve essere impugnata con l’appello, atteso che il ricorso per cassazione è ammesso soltanto per le pronunce di cui all’art. 113 secondo comma c.p.c. Cass. civ. sez. II  6 giugno 2006, n. 13228

In caso di proposizione cumulativa di più domande, qualora l’attore abbia dichiarato di voler limitare complessivamente le domande nell’ambito della competenza per valore del giudice adito (cosiddetta «clausola di contenimento»), tale limitazione ha effetto non solo ai fini dell’individuazione del giudice competente per valore ma, nel caso del giudice di pace, anche in relazione alla scelta del criterio di decisione, e in ogni caso anche in relazione al merito, con la conseguenza che la sentenza che, accogliendo la domanda, vada oltre il limite indicato con la clausola di contenimento è viziata da ultrapetizione.  Cass. III, 5 settembre 2011, n. 18100.

In tema di determinazione del valore della controversia l’art. 10, secondo comma, c.p.c., secondo cui gli interessi scaduti, le spese e i danni anteriori alla proposizione della domanda si sommano al capitale, intende riferirsi, con elencazione esemplificativa e non tassativa, a tutti quegli elementi – siano essi accessori o meno della domanda – che hanno in comune la capacità di accrescersi durante il processo, sicché la richiesta del riconoscimento e della liquidazione del relativo diritto fino al soddisfo non incide sul valore della controversia. (La Corte, nel formulare il principio sopra richiamato, ha ritenuto corretta la decisione con cui il Presidente del tribunale aveva determinato, ai sensi dell’art. 814 c.p.c., il compenso dovuto agli arbitri tenendo conto, ai fini del valore della controversia, soltanto delle pretese azionate con riferimento al momento della proposizione della domanda di arbitrato e non pure della richiesta di danni da ritardato pagamento con riferimento anche al tempo necessario allo svolgimento del giudizio arbitrale).  Cass. civ. sez. II 27 giugno 2003, n. 10249

In caso di proposizione cumulativa delle domande di risarcimento del danno e di rimborso delle spese relative all’accertamento tecnico preventivo senza indicazione di valore, non si ha superamento della competenza del giudice adito, ai sensi del combinato disposto degli articoli 10 e 14 c.p.c., là dove l’attore formuli, nell’atto introduttivo ovvero al più tardi nel corso della prima udienza, clausola o riserva di contenimento, dichiarando cioè di contenere il valore complessivo delle domande entro i limiti di competenza del giudice adito. Diversamente, la clausola o riserva di contenimento riferita esclusivamente ad una sola delle domande proposte cumulativamente non vale ad evitare il superamento di competenza in questione, in quanto ciascuna di esse si presume, ai sensi dell’art. 14 c.p.c., di valore uguale al limite massimo della competenza del giudice adito, sicché il cumulo ne comporta necessariamente il superamento. Cass. civ. sez. III 10 dicembre 2001, n. 15571

Istituti giuridici

Novità giuridiche