Art. 59 – Codice delle assicurazioni private

(D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159)

Requisiti e procedura

Articolo 59 - Codice delle assicurazioni private

1. L’IVASS rilascia l’autorizzazione di cui all’articolo 58 quando ricorrono le seguenti condizioni:
a) sia adottata la forma di società per azioni costituita ai sensi dell’articolo 2325 del codice civile o di società europea ai sensi del regolamento (CE) n. 2157/2001 relativo allo statuto della Società europea;
b) la direzione generale e amministrativa dell’impresa richiedente sia stabilita nel territorio della Repubblica;
c) l’impresa detenga i fondi propri di base ammissibili necessari per coprire il minimo assoluto del Requisito Patrimoniale Minimo di cui all’articolo 66-sexies, comma 1, lettera d), di ammontare non inferiore ad euro 3.600.000, ad eccezione che per le imprese captive, per le quali il Requisito Patrimoniale Minimo non può essere inferiore ad euro 1.200.000; (1)
c-bis) l’impresa dimostri che sarà in grado di detenere i fondi propri ammissibili necessari per coprire in prospettiva il Requisito Patrimoniale di Solvibilità previsto all’articolo 45-bis; (3)
c-ter) l’impresa dimostri che sarà in grado di detenere i fondi propri di base ammissibili necessari per coprire in prospettiva il Requisito Patrimoniale Minimo di cui all’articolo 47-bis; (3)
d) venga presentato, unitamente all’atto costitutivo e allo statuto, un programma di attività conforme all’articolo 14-bis, commi 1 e 2, lettere a), b), c), d) ed e); il programma descrive, altresì, il tipo di accordi di riassicurazione che l’impresa intende concludere con le imprese cedenti; (4)
e) i titolari di partecipazioni indicate dall’articolo 68 siano in possesso dei requisiti di onorabilità stabiliti dall’articolo 77 e sussistano i presupposti per il rilascio dell’autorizzazione prevista dall’articolo 68; (2)
e-bis) l’impresa dimostri che sarà in grado di conformarsi al sistema di governo societario di cui al Titolo III, Capo I, Sezione I, e agli articoli 30, 30-bis, 30-ter, 30-quater, 30-quinquies, 30-sexies e 30-septies; (3)
f) i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo nonché i responsabili delle funzioni fondamentali all’interno dell’impresa siano in possesso dei requisiti di professionalità, onorabilità ed indipendenza indicati dall’articolo 76; (5)
g) non sussistano tra l’impresa o i soggetti del gruppo di appartenenza e altri soggetti, stretti legami che ostacolino l’effettivo esercizio delle funzioni di vigilanza.
2. L’IVASS nega l’autorizzazione quando dalla verifica delle condizioni indicate nel comma 1 non risulti garantita la sana e prudente gestione, senza che si possa aver riguardo alla struttura e all’andamento dei mercati interessati. Il provvedimento è specificatamente e adeguatamente motivato ed è comunicato all’impresa interessata entro novanta giorni dalla presentazione della domanda di autorizzazione completa dei documenti richiesti.
3. Non si può dare corso al procedimento per l’iscrizione nel registro delle imprese se non consti l’autorizzazione di cui all’articolo 58.
4. L’IVASS, verificata l’iscrizione nel registro delle imprese, iscrive in apposita sezione dell’albo le imprese di riassicurazione autorizzate in Italia e ne dà pronta comunicazione all’impresa interessata. L’impresa indica negli atti e nella corrispondenza l’iscrizione all’albo. (6)
5. L’IVASS determina, con regolamento, la procedura di autorizzazione e le forme di pubblicità dell’albo.
5-bis. L’IVASS comunica all’AEAP ogni autorizzazione rilasciata ai fini della pubblicazione nell’elenco dalla stessa tenuto, con l’indicazione:
1) dei rami e dei rischi per i quali l’impresa è autorizzata;
2) dell’eventuale abilitazione ad operare negli altri Stati membri in stabilimento o in libera prestazione di servizi. (7)

Articolo 59 - Codice delle assicurazioni private

1. L’IVASS rilascia l’autorizzazione di cui all’articolo 58 quando ricorrono le seguenti condizioni:
a) sia adottata la forma di società per azioni costituita ai sensi dell’articolo 2325 del codice civile o di società europea ai sensi del regolamento (CE) n. 2157/2001 relativo allo statuto della Società europea;
b) la direzione generale e amministrativa dell’impresa richiedente sia stabilita nel territorio della Repubblica;
c) l’impresa detenga i fondi propri di base ammissibili necessari per coprire il minimo assoluto del Requisito Patrimoniale Minimo di cui all’articolo 66-sexies, comma 1, lettera d), di ammontare non inferiore ad euro 3.600.000, ad eccezione che per le imprese captive, per le quali il Requisito Patrimoniale Minimo non può essere inferiore ad euro 1.200.000; (1)
c-bis) l’impresa dimostri che sarà in grado di detenere i fondi propri ammissibili necessari per coprire in prospettiva il Requisito Patrimoniale di Solvibilità previsto all’articolo 45-bis; (3)
c-ter) l’impresa dimostri che sarà in grado di detenere i fondi propri di base ammissibili necessari per coprire in prospettiva il Requisito Patrimoniale Minimo di cui all’articolo 47-bis; (3)
d) venga presentato, unitamente all’atto costitutivo e allo statuto, un programma di attività conforme all’articolo 14-bis, commi 1 e 2, lettere a), b), c), d) ed e); il programma descrive, altresì, il tipo di accordi di riassicurazione che l’impresa intende concludere con le imprese cedenti; (4)
e) i titolari di partecipazioni indicate dall’articolo 68 siano in possesso dei requisiti di onorabilità stabiliti dall’articolo 77 e sussistano i presupposti per il rilascio dell’autorizzazione prevista dall’articolo 68; (2)
e-bis) l’impresa dimostri che sarà in grado di conformarsi al sistema di governo societario di cui al Titolo III, Capo I, Sezione I, e agli articoli 30, 30-bis, 30-ter, 30-quater, 30-quinquies, 30-sexies e 30-septies; (3)
f) i soggetti che svolgono funzioni di amministrazione, direzione e controllo nonché i responsabili delle funzioni fondamentali all’interno dell’impresa siano in possesso dei requisiti di professionalità, onorabilità ed indipendenza indicati dall’articolo 76; (5)
g) non sussistano tra l’impresa o i soggetti del gruppo di appartenenza e altri soggetti, stretti legami che ostacolino l’effettivo esercizio delle funzioni di vigilanza.
2. L’IVASS nega l’autorizzazione quando dalla verifica delle condizioni indicate nel comma 1 non risulti garantita la sana e prudente gestione, senza che si possa aver riguardo alla struttura e all’andamento dei mercati interessati. Il provvedimento è specificatamente e adeguatamente motivato ed è comunicato all’impresa interessata entro novanta giorni dalla presentazione della domanda di autorizzazione completa dei documenti richiesti.
3. Non si può dare corso al procedimento per l’iscrizione nel registro delle imprese se non consti l’autorizzazione di cui all’articolo 58.
4. L’IVASS, verificata l’iscrizione nel registro delle imprese, iscrive in apposita sezione dell’albo le imprese di riassicurazione autorizzate in Italia e ne dà pronta comunicazione all’impresa interessata. L’impresa indica negli atti e nella corrispondenza l’iscrizione all’albo. (6)
5. L’IVASS determina, con regolamento, la procedura di autorizzazione e le forme di pubblicità dell’albo.
5-bis. L’IVASS comunica all’AEAP ogni autorizzazione rilasciata ai fini della pubblicazione nell’elenco dalla stessa tenuto, con l’indicazione:
1) dei rami e dei rischi per i quali l’impresa è autorizzata;
2) dell’eventuale abilitazione ad operare negli altri Stati membri in stabilimento o in libera prestazione di servizi. (7)

Note

(1) La presente lettera è stata così sostituita prima dall’art. 6, D.Lgs 29.02.2008, n. 56, con decorrenza dal 23.04.2008, e poi dall’art. 1, comma 70, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74 con decorrenza dal 30.06.2015.
(2) La presente lettera è stata così modificata dall’art. 4, D.Lgs. 27.01.2010, n. 21, con decorrenza dal 10.03.2010.
(3) La presente lettera è stata inserita dall’art. 1, comma 70, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74, con decorrenza dal 30.06.2015.
(4) La presente lettera è stata così sostituita dall’art. 1, comma 70, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74, con decorrenza dal 30.06.2015.
(5) La presente lettera è stata così modificata dall’art. 1, comma 70, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74, con decorrenza dal 30.06.2015.
(6) Il presente presente comma è stato così modificato dall’art. 1, comma 70, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74, con decorrenza dal 30.06.2015.
(7) Il presente comma è stato inserito dall’art. 1, comma 70, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74, con decorrenza dal 30.06.2015.

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici