(D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159)

Ordine di porre termine alle violazioni

Articolo 324 quater - Codice delle assicurazioni private

1. Fermo restando quanto previsto all’articolo 324-ter, per le violazioni previste dagli articoli 324 e 324-bis, l’IVASS in relazione alla tipologia e modalità della violazione può, in alternativa all’applicazione delle sanzioni amministrative ivi previste, applicare nei confronti dell’impresa o dell’intermediario una sanzione consistente nell’ordine di eliminare le infrazioni, anche indicando le misure da adottare e il termine per l’adempimento.
2. Per l’inosservanza dell’ordine entro il termine stabilito, l’IVASS applica alle imprese le sanzioni amministrative pecuniarie previste dall’articolo 324-bis, comma 1 secondo i criteri di cui all’articolo 324-sexies e l’importo delle sanzioni così determinato è aumentato sino a un terzo rispetto a quello previsto per la violazione originaria, fermi restando i massimali stabiliti dall’articolo 324-bis, comma 1. Nei confronti degli intermediari l’IVASS applica le sanzioni amministrative previste dall’articolo 324, comma 1, secondo i criteri di cui all’articolo 324-sexies e, nel caso di sanzione pecuniaria, l’aumento sino a un terzo rispetto a quello previsto per la violazione originaria. (1)

Articolo 324 quater - Codice delle assicurazioni private

1. Fermo restando quanto previsto all’articolo 324-ter, per le violazioni previste dagli articoli 324 e 324-bis, l’IVASS in relazione alla tipologia e modalità della violazione può, in alternativa all’applicazione delle sanzioni amministrative ivi previste, applicare nei confronti dell’impresa o dell’intermediario una sanzione consistente nell’ordine di eliminare le infrazioni, anche indicando le misure da adottare e il termine per l’adempimento.
2. Per l’inosservanza dell’ordine entro il termine stabilito, l’IVASS applica alle imprese le sanzioni amministrative pecuniarie previste dall’articolo 324-bis, comma 1 secondo i criteri di cui all’articolo 324-sexies e l’importo delle sanzioni così determinato è aumentato sino a un terzo rispetto a quello previsto per la violazione originaria, fermi restando i massimali stabiliti dall’articolo 324-bis, comma 1. Nei confronti degli intermediari l’IVASS applica le sanzioni amministrative previste dall’articolo 324, comma 1, secondo i criteri di cui all’articolo 324-sexies e, nel caso di sanzione pecuniaria, l’aumento sino a un terzo rispetto a quello previsto per la violazione originaria. (1)

Note

(1) Il presente articolo è stato inserito dall’art. 1, comma 55, D.Lgs. 21.05.2018, n. 68 con decorrenza dal 01.07.2018 ed applicazione dal 1° ottobre 2018 ai sensi di quanto indicato all’art. 4, comma 7, del suddetto decreto modificante.

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati