(D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159)

Accertamento unitario per violazioni della stessa indole

Articolo 311 quater - Codice delle assicurazioni private

1. Per l’inosservanza degli articoli 125, comma 5-bis, 127, comma 3, limitatamente al certificato di assicurazione, 134, ad eccezione del comma 2, 146, 148, 149, 150, 152, comma 5, e 183, o delle relative norme di attuazione, I’IVASS provvede all’accertamento unitario delle violazioni della stessa indole, come definite all’articolo 8-bis, della legge n. 689 del 1981, effettuato con riferimento ad un determinato arco temporale, e alla contestazione degli addebiti con un unico atto da notificare entro il termine di cui all’articolo 311-septies. Nel caso di verifiche a distanza l’arco temporale di riferimento e il termine entro il quale si considera concluso l’accertamento delle violazioni rilevate non possono eccedere i dodici mesi. Con regolamento dell’IVASS è stabilito il termine entro il quale si considera concluso l’accertamento delle violazioni rilevate in sede di verifiche ispettive.
2. L’IVASS, qualora l’impresa in sede difensiva fornisca adeguata dimostrazione del fatto che le violazioni contestate ai sensi del comma 1 sono dipese dalla medesima disfunzione della propria organizzazione, comunica alla stessa il termine perentorio, non superiore a centottanta giorni, entro il quale effettuare gli interventi necessari per eliminare la disfunzione. L’IVASS, ricevuta la comunicazione relativa all’adozione delle misure correttive, verifica che siano state adottate le misure stesse e ne comunica gli esiti all’impresa.
3. Nel caso in cui le misure correttive adottate ai sensi del comma 2 siano risultate idonee ad eliminare la disfunzione, la misura della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall’articolo 310, comma 1, determinata secondo i criteri di cui all’articolo 311-quinquies, è ridotta da un terzo a due terzi, fatto salvo il minimo edittale. Eventuali rilievi formulati dall’IVASS sulle misure correttive adottate non precludono l’applicazione della riduzione, ma sono valutati in sede di determinazione della sanzione.
4. L’impresa può presentare osservazioni in ordine agli eventuali rilievi dell’IVASS sulle misure correttive adottate nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della relativa comunicazione.
5. La riduzione di cui al comma 3 non è applicata:
a) nel caso in cui l’impresa non abbia adottato gli interventi correttivi;
b) nel caso in cui gli interventi adottati siano risultati inidonei ad eliminare la disfunzione;
c) nel caso in cui l’impresa ne abbia già usufruito per violazioni della stessa indole sulla base di provvedimento esecutivo emesso nei tre anni precedenti. (1)

Articolo 311 quater - Codice delle assicurazioni private

1. Per l’inosservanza degli articoli 125, comma 5-bis, 127, comma 3, limitatamente al certificato di assicurazione, 134, ad eccezione del comma 2, 146, 148, 149, 150, 152, comma 5, e 183, o delle relative norme di attuazione, I’IVASS provvede all’accertamento unitario delle violazioni della stessa indole, come definite all’articolo 8-bis, della legge n. 689 del 1981, effettuato con riferimento ad un determinato arco temporale, e alla contestazione degli addebiti con un unico atto da notificare entro il termine di cui all’articolo 311-septies. Nel caso di verifiche a distanza l’arco temporale di riferimento e il termine entro il quale si considera concluso l’accertamento delle violazioni rilevate non possono eccedere i dodici mesi. Con regolamento dell’IVASS è stabilito il termine entro il quale si considera concluso l’accertamento delle violazioni rilevate in sede di verifiche ispettive.
2. L’IVASS, qualora l’impresa in sede difensiva fornisca adeguata dimostrazione del fatto che le violazioni contestate ai sensi del comma 1 sono dipese dalla medesima disfunzione della propria organizzazione, comunica alla stessa il termine perentorio, non superiore a centottanta giorni, entro il quale effettuare gli interventi necessari per eliminare la disfunzione. L’IVASS, ricevuta la comunicazione relativa all’adozione delle misure correttive, verifica che siano state adottate le misure stesse e ne comunica gli esiti all’impresa.
3. Nel caso in cui le misure correttive adottate ai sensi del comma 2 siano risultate idonee ad eliminare la disfunzione, la misura della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall’articolo 310, comma 1, determinata secondo i criteri di cui all’articolo 311-quinquies, è ridotta da un terzo a due terzi, fatto salvo il minimo edittale. Eventuali rilievi formulati dall’IVASS sulle misure correttive adottate non precludono l’applicazione della riduzione, ma sono valutati in sede di determinazione della sanzione.
4. L’impresa può presentare osservazioni in ordine agli eventuali rilievi dell’IVASS sulle misure correttive adottate nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della relativa comunicazione.
5. La riduzione di cui al comma 3 non è applicata:
a) nel caso in cui l’impresa non abbia adottato gli interventi correttivi;
b) nel caso in cui gli interventi adottati siano risultati inidonei ad eliminare la disfunzione;
c) nel caso in cui l’impresa ne abbia già usufruito per violazioni della stessa indole sulla base di provvedimento esecutivo emesso nei tre anni precedenti. (1)

Note

(1) Il presente articolo è stato inserito dall’art. 1, comma 49, D.Lgs. 21.05.2018, n. 68 con decorrenza dal 01.07.2018 ed applicazione dal 1° ottobre 2018 ai sensi di quanto indicato all’art. 4, comma 7, del suddetto decreto modificante.

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati