(D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159)

Revoca dell'autorizzazione rilasciata all'impresa di assicurazione

Articolo 242 - Codice delle assicurazioni private

1. L’autorizzazione è revocata quando l’impresa di assicurazione:
a) non si attiene, nell’esercizio dell’attività, ai limiti imposti nel provvedimento di autorizzazione o previsti nel programma di attività;
b) non soddisfa più alle condizioni di accesso all’attività assicurativa;
c) è gravemente inadempiente alle disposizioni del presente codice;
d) non rispetta il Requisito Patrimoniale Minimo ed ha presentato, a giudizio dell’IVASS, un piano di finanziamento manifestamente inadeguato ovvero non ha rispettato il piano approvato entro tre mesi dalla rilevazione dell’inosservanza del Requisito Patrimoniale Minimo ovvero, nel caso in cui sia soggetta a vigilanza di gruppo, non ha realizzato entro i termini stabiliti le misure previste dall’articolo 227; (1)
e) viene assoggettata a liquidazione coatta ovvero è dichiarato lo stato di insolvenza dall’autorità giudiziaria.
2. L’autorizzazione all’esercizio del ramo della responsabilità civile per i danni causati dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, fermo quanto previsto al comma 1, è altresì revocata nel caso di ripetuto o sistematico rifiuto od elusione all’obbligo a contrarre, di cui all’articolo 132, comma 1, o nel caso di ripetuta o sistematica violazione delle disposizioni sulle procedure di liquidazione dei sinistri di cui agli articoli 148 e 149.
3. La revoca può riguardare tutti i rami esercitati dall’impresa di assicurazione o solo alcuni di essi. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 240, commi 4 e 5.
4. La revoca dell’autorizzazione è disposta con decreto del Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell’IVASS. Se la revoca riguarda tutti i rami esercitati, l’impresa è contestualmente posta in liquidazione coatta con il medesimo provvedimento e l’IVASS ne dispone la cancellazione dall’albo delle imprese di assicurazione. Il Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell’IVASS, può tuttavia consentire che l’impresa si ponga in liquidazione ordinaria, entro un termine perentorio, quando il provvedimento di revoca sia stato adottato per i motivi indicati al comma 1, lettere a) e b). (4)
5. Il Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell’IVASS, dispone inoltre la liquidazione coatta se l’impresa di assicurazione, nel caso di revoca limitata ad alcuni rami, non osserva le disposizioni di cui all’articolo 240, commi 4 e 5, ovvero quando la deliberazione di scioglimento e la nomina dei liquidatori non sono iscritte nel registro delle imprese nel termine assegnato ai sensi del comma 4. (4)
6. I decreti del Ministro dello sviluppo economico sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale , sono riprodotti nel Bollettino e sono comunicati dall’IVASS alle autorità di vigilanza degli altri Stati membri per l’adozione da parte di tali Autorità di misure idonee a impedire all’impresa di assicurazione di esercitare l’attività sul loro territorio. (2)
6 -bis . L’IVASS comunica all’AEAP ogni caso di revoca di autorizzazione ai fini della pubblicazione nell’elenco dalla stessa tenuto. (3)

Articolo 242 - Codice delle assicurazioni private

1. L’autorizzazione è revocata quando l’impresa di assicurazione:
a) non si attiene, nell’esercizio dell’attività, ai limiti imposti nel provvedimento di autorizzazione o previsti nel programma di attività;
b) non soddisfa più alle condizioni di accesso all’attività assicurativa;
c) è gravemente inadempiente alle disposizioni del presente codice;
d) non rispetta il Requisito Patrimoniale Minimo ed ha presentato, a giudizio dell’IVASS, un piano di finanziamento manifestamente inadeguato ovvero non ha rispettato il piano approvato entro tre mesi dalla rilevazione dell’inosservanza del Requisito Patrimoniale Minimo ovvero, nel caso in cui sia soggetta a vigilanza di gruppo, non ha realizzato entro i termini stabiliti le misure previste dall’articolo 227; (1)
e) viene assoggettata a liquidazione coatta ovvero è dichiarato lo stato di insolvenza dall’autorità giudiziaria.
2. L’autorizzazione all’esercizio del ramo della responsabilità civile per i danni causati dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti, fermo quanto previsto al comma 1, è altresì revocata nel caso di ripetuto o sistematico rifiuto od elusione all’obbligo a contrarre, di cui all’articolo 132, comma 1, o nel caso di ripetuta o sistematica violazione delle disposizioni sulle procedure di liquidazione dei sinistri di cui agli articoli 148 e 149.
3. La revoca può riguardare tutti i rami esercitati dall’impresa di assicurazione o solo alcuni di essi. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 240, commi 4 e 5.
4. La revoca dell’autorizzazione è disposta con decreto del Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell’IVASS. Se la revoca riguarda tutti i rami esercitati, l’impresa è contestualmente posta in liquidazione coatta con il medesimo provvedimento e l’IVASS ne dispone la cancellazione dall’albo delle imprese di assicurazione. Il Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell’IVASS, può tuttavia consentire che l’impresa si ponga in liquidazione ordinaria, entro un termine perentorio, quando il provvedimento di revoca sia stato adottato per i motivi indicati al comma 1, lettere a) e b). (4)
5. Il Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell’IVASS, dispone inoltre la liquidazione coatta se l’impresa di assicurazione, nel caso di revoca limitata ad alcuni rami, non osserva le disposizioni di cui all’articolo 240, commi 4 e 5, ovvero quando la deliberazione di scioglimento e la nomina dei liquidatori non sono iscritte nel registro delle imprese nel termine assegnato ai sensi del comma 4. (4)
6. I decreti del Ministro dello sviluppo economico sono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale , sono riprodotti nel Bollettino e sono comunicati dall’IVASS alle autorità di vigilanza degli altri Stati membri per l’adozione da parte di tali Autorità di misure idonee a impedire all’impresa di assicurazione di esercitare l’attività sul loro territorio. (2)
6 -bis . L’IVASS comunica all’AEAP ogni caso di revoca di autorizzazione ai fini della pubblicazione nell’elenco dalla stessa tenuto. (3)

Note

(1) La presente lettera è stata così sostituita dall’art. 1, comma 174, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74 con decorrenza dal 30.06.2015.
(2) Il presente comma è stato così sostituito dall’art. 1, comma 174, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74 con decorrenza dal 30.06.2015.
(3) Il presente comma è stato inserito dall’art. 1, comma 174, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74 con decorrenza dal 30.06.2015.
(4) Il presente comma è stato così modificato dall’art. 1, comma 213, D.Lgs. 12.05.2015, n. 74, con decorrenza dal 30.06.2015.

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati