Art. 66 – Codice della nautica da diporto

(D.lgs. 18 luglio 2005, n. 171)

Disposizioni abrogative

Art. 66 - codice della nautica da diporto

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente codice sono abrogate le seguenti disposizioni:
a) gli articoli 213, 214, 215, 216, 218, 1212 e 1291 del codice della navigazione;
b) gli articoli 96, 97 e 98 del regolamento per la navigazione interna, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28 giugno 1949, n. 631;
c) gli articoli 314, comma 2, 401, 402, 403, 404, 405, 406, 407e 538 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione (navigazione marittima), approvato con decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 1952, n. 328;
d) l’articolo 52 della legge 9 febbraio 1963, n. 82, e successive modificazioni;
e) la legge 11 febbraio 1971, n.50, e successive modificazioni, dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 65;
f) l’articolo 28 della legge 26 aprile 1986, n. 193;
g) gli articoli 5 e 10 della legge 5 maggio 1989, n. 171;
h) il decreto legge 16 giugno 1994,n. 378, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1994, n. 498, e successive modificazioni;
i) gli articoli dall’1 al 18, 20 e 21 del decreto legislativo 14 agosto 1996, n.436, e successive modificazioni;
l) i commi 8, 9, 10 dell’articolo 10 ed il comma 3 bis dell’articolo 15 del decreto legge 21 ottobre 1996, n. 535, convertito dalla legge 23 dicembre 1996, n. 647.
2. A decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 2, comma 3, della legge 8 luglio 2003, n. 172, sono abrogati i commi dall’1 al 7dell’articolo 10 del decreto legge 21 ottobre 1996, n. 535, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 dicembre 1996, n. 647.
3. Dalla data di entrata in vigore del presente codice è soppresso il n. 4 dell’allegato 1 alla legge 8 marzo 1999, n. 50.

Art. 66 - Codice della nautica da diporto

1. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente codice sono abrogate le seguenti disposizioni:
a) gli articoli 213, 214, 215, 216, 218, 1212 e 1291 del codice della navigazione;
b) gli articoli 96, 97 e 98 del regolamento per la navigazione interna, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 28 giugno 1949, n. 631;
c) gli articoli 314, comma 2, 401, 402, 403, 404, 405, 406, 407e 538 del regolamento per l’esecuzione del codice della navigazione (navigazione marittima), approvato con decreto del Presidente della Repubblica 15 febbraio 1952, n. 328;
d) l’articolo 52 della legge 9 febbraio 1963, n. 82, e successive modificazioni;
e) la legge 11 febbraio 1971, n.50, e successive modificazioni, dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 65;
f) l’articolo 28 della legge 26 aprile 1986, n. 193;
g) gli articoli 5 e 10 della legge 5 maggio 1989, n. 171;
h) il decreto legge 16 giugno 1994,n. 378, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto 1994, n. 498, e successive modificazioni;
i) gli articoli dall’1 al 18, 20 e 21 del decreto legislativo 14 agosto 1996, n.436, e successive modificazioni;
l) i commi 8, 9, 10 dell’articolo 10 ed il comma 3 bis dell’articolo 15 del decreto legge 21 ottobre 1996, n. 535, convertito dalla legge 23 dicembre 1996, n. 647.
2. A decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui all’articolo 2, comma 3, della legge 8 luglio 2003, n. 172, sono abrogati i commi dall’1 al 7dell’articolo 10 del decreto legge 21 ottobre 1996, n. 535, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 dicembre 1996, n. 647.
3. Dalla data di entrata in vigore del presente codice è soppresso il n. 4 dell’allegato 1 alla legge 8 marzo 1999, n. 50.

Istituti giuridici

Novità giuridiche