Art. 24 – Codice della nautica da diporto

(D.lgs. 18 luglio 2005, n. 171)

Rinnovo della licenza di navigazione

Art. 24 - codice della nautica da diporto

1. La licenza di navigazione è rinnovata in caso di modifiche del tipo e delle caratteristiche principali dello scafo, come definite nell’articolo 3, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 11 gennaio 2016, n. 5 e dell’apparato motore, come definite nell’articolo 3, comma 1, lettera g), del medesimo decreto e del tipo di navigazione autorizzata. (1)
2. La ricevuta dell’avvenuta presentazione dei documenti necessari per il rinnovo rilasciata dallo Sportello telematico del diportista (STED) sostituisce la licenza di navigazione anche ai fini del rilascio del ruolo e del ruolino di equipaggio e della licenza per l’apparato ricetrasmittente di bordo per la durata massima di sessanta giorni. Lo sportello telematico del diportista (STED) rinnova la licenza di navigazione entro sessanta giorni dalla presentazione dei documenti. (2)

Art. 24 - Codice della nautica da diporto

1. La licenza di navigazione è rinnovata in caso di modifiche del tipo e delle caratteristiche principali dello scafo, come definite nell’articolo 3, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 11 gennaio 2016, n. 5 e dell’apparato motore, come definite nell’articolo 3, comma 1, lettera g), del medesimo decreto e del tipo di navigazione autorizzata. (1)
2. La ricevuta dell’avvenuta presentazione dei documenti necessari per il rinnovo rilasciata dallo Sportello telematico del diportista (STED) sostituisce la licenza di navigazione anche ai fini del rilascio del ruolo e del ruolino di equipaggio e della licenza per l’apparato ricetrasmittente di bordo per la durata massima di sessanta giorni. Lo sportello telematico del diportista (STED) rinnova la licenza di navigazione entro sessanta giorni dalla presentazione dei documenti. (2)

Note

(1) Il presente comma è stato così modificato dall’art. 15, D.Lgs. 03.11.2017, n. 229 con decorrenza dal 13.02.2018.
(2) Il presente comma prima sostituito dall’art. 15, D.Lgs. 03.11.2017, n. 229 con decorrenza dal 13.02.2018, è stato poi così modificato prima dall’art. 9, D.Lgs. 12.11.2020, n. 160 con decorrenza dal 22.12.2020, e poi dall’art. 9, comma 9, lett. b), D.L. 16.06.2022, n. 68 con decorrenza dal 16.06.2022, convertito in legge dalla L. 05.08.2022, n. 108 con decorrenza dal 06.08.2022.

Istituti giuridici

Novità giuridiche