Art. 6 – Codice dei Contratti Pubblici (Nuovo Codice degli Appalti)

(D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 - aggiornato alla 23 dicembre 2021, n. 238)

Appalti nei settori speciali e concessioni aggiudicati ad una joint-venture o ad un ente aggiudicatore facente parte di una joint venture

Articolo 6 - codice dei contratti pubblici (nuovo codice degli appalti)

1. In deroga all’articolo 5, a condizione che la joint venture sia stata costituita per le attività oggetto dell’appalto o della concessione per un periodo di almeno tre anni e che l’atto costitutivo preveda che gli enti aggiudicatori che la compongono ne faranno parte almeno per un periodo di pari durata, il codice non si applica agli appalti nei settori speciali e alle concessioni aggiudicate da:
a) una joint venture, ovvero una associazione o consorzio o una impresa comune aventi personalità giuridica composti esclusivamente da più enti aggiudicatori, per svolgere un’attività ai sensi degli articoli da 115 a 121 e di cui all’allegato II con un’impresa collegata a uno di tali enti aggiudicatori (1)
b) un ente aggiudicatore alla joint venture di cui fa parte.
2. Gli enti aggiudicatori notificano alla Commissione europea, su richiesta, le seguenti informazioni relative alle imprese di cui all’articolo 3 comma 1, lettera z), secondo periodo, e alle joint venture di cui al comma 1: (2)
a) i nomi delle imprese o delle joint venture interessate;
b) la natura e il valore degli appalti e delle concessioni considerati;
c) gli elementi che la Commissione europea richiede per provare che le relazioni tra l’ente aggiudicatore e l’impresa o la joint venture cui gli appalti o le concessioni sono aggiudicati, soddisfano i requisiti di cui al presente articolo e all’articolo 7. (1)

Articolo 6 - Codice dei Contratti Pubblici (Nuovo Codice degli Appalti)

1. In deroga all’articolo 5, a condizione che la joint venture sia stata costituita per le attività oggetto dell’appalto o della concessione per un periodo di almeno tre anni e che l’atto costitutivo preveda che gli enti aggiudicatori che la compongono ne faranno parte almeno per un periodo di pari durata, il codice non si applica agli appalti nei settori speciali e alle concessioni aggiudicate da:
a) una joint venture, ovvero una associazione o consorzio o una impresa comune aventi personalità giuridica composti esclusivamente da più enti aggiudicatori, per svolgere un’attività ai sensi degli articoli da 115 a 121 e di cui all’allegato II con un’impresa collegata a uno di tali enti aggiudicatori (1)
b) un ente aggiudicatore alla joint venture di cui fa parte.
2. Gli enti aggiudicatori notificano alla Commissione europea, su richiesta, le seguenti informazioni relative alle imprese di cui all’articolo 3 comma 1, lettera z), secondo periodo, e alle joint venture di cui al comma 1: (2)
a) i nomi delle imprese o delle joint venture interessate;
b) la natura e il valore degli appalti e delle concessioni considerati;
c) gli elementi che la Commissione europea richiede per provare che le relazioni tra l’ente aggiudicatore e l’impresa o la joint venture cui gli appalti o le concessioni sono aggiudicati, soddisfano i requisiti di cui al presente articolo e all’articolo 7. (1)

Note

(1) La presente lettera è stata così corretta con Avviso di rettifica pubblicato nella G.U. 15.07.2016, n. 164.
(2) Il presente alinea è stato così corretto con Avviso di rettifica pubblicato nella G.U. 15.07.2016, n. 164.

Massime

L’amministrazione che indice una procedura selettiva è vincolata al rispetto delle previsioni della lex specialis della procedura medesima, le cui prescrizioni risultano intangibili e non possono essere modificate o disapplicate, salvo naturalmente l’eventuale esercizio del potere di autotutela; la stazione appaltante non conserva perciò alcun margine di discrezionalità nella concreta attuazione delle prescrizioni di gara, né può disapplicarle, neppure nel caso in cui alcune di tali regole eventualmente risultino inopportunamente o incongruamente formulate, salva la possibilità di procedere all’annullamento ex officio delle stesse. (Consiglio di Stato Sezione 5 Sentenza 8 maggio 2019 n. 2991)

Istituti giuridici

Novità giuridiche