(D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50)

Competenze legislative di Stato, regioni e province autonome

Articolo 2 - Codice dei Contratti Pubblici (Nuovo Codice degli Appalti)

1. Le disposizioni contenute nel presente codice sono adottate nell’esercizio della competenza legislativa esclusiva statale in materia di tutela della concorrenza, ordinamento civile, nonché nelle altre materie cui è riconducibile lo specifico contratto.
2. Le Regioni a statuto ordinario esercitano le proprie funzioni nelle materie di competenza regionale ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione. (1)
3. Le Regioni a statuto speciale e le Province autonome di Trento e di Bolzano adeguano la propria legislazione secondo le disposizioni contenute negli statuti e nelle relative norme di attuazione.

Articolo 2 - Codice dei Contratti Pubblici (Nuovo Codice degli Appalti)

1. Le disposizioni contenute nel presente codice sono adottate nell’esercizio della competenza legislativa esclusiva statale in materia di tutela della concorrenza, ordinamento civile, nonché nelle altre materie cui è riconducibile lo specifico contratto.
2. Le Regioni a statuto ordinario esercitano le proprie funzioni nelle materie di competenza regionale ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione. (1)
3. Le Regioni a statuto speciale e le Province autonome di Trento e di Bolzano adeguano la propria legislazione secondo le disposizioni contenute negli statuti e nelle relative norme di attuazione.

Note

(1) Il presente comma è stato così modificato dall’art. 3, D.Lgs. 19.04.2017, n. 56 con decorrenza dal 20.05.2017.

Massime

È dichiarato estinto – per rinuncia al ricorso accettata dalla Regione costituita in giudizio – il processo relativo alle questioni di legittimità costituzionale dell’art. 4 della legge della reg. Sardegna n. 41 del 2018, il cui comma 1, lett. a), sostituisce il comma 2 dell’art. 23 della legge reg. Sardegna n. 8 del 2018, promosse dal Governo in riferimento all’art. 3, lett. e), dello statuto speciale per la Sardegna e all’art. 117, secondo comma, lett. e) e l), Cost., in relazione agli artt. 36 e 157 del d.lgs. n. 50 del 2016. (Nella specie, la rinuncia fa seguito a sopravvenuta modifica della disposizione impugnata). Ai sensi dell’art. 23 delle Norme integrative per i giudizi davanti alla Corte costituzionale, nei giudizi di legittimità costituzionale in via principale la rinuncia al ricorso, accettata dalla controparte costituita, determina l’estinzione del processo. (Corte Costituzionale Ordinanza 4 dicembre 2019 n. 252)

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati