(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Costituzione

Articolo 978 - Codice Civile

L’usufrutto è stabilito dalla legge (324, 327, 329, 540) o dalla volontà dell’uomo (587, 649, 1350, 2025, 2352, 2643, 2684, 2810). Può anche acquistarsi per usucapione (1158 ss.).

Articolo 978 - Codice Civile

L’usufrutto è stabilito dalla legge (324, 327, 329, 540) o dalla volontà dell’uomo (587, 649, 1350, 2025, 2352, 2643, 2684, 2810). Può anche acquistarsi per usucapione (1158 ss.).

Note

Massime

Seppure l’art. 978 c.c. faccia genericamente riferimento alla volontà dell’uomo, la tipologia negoziale idonea a costituire il diritto di usufrutto deve essere individuata – non diversamente da quanto è stabilito in materia di servitù dall’art. 1058 c.c. – nel testamento e nel contratto, mentre, per quanto riguarda i negozi unilaterali, nei limiti in cui sono ritenuti vincolanti per l’ordinamento, la possibilità di costituire l’usufrutto deve ritenersi limitata alle sole figure della promessa al pubblico prevista dall’art. 1989 c.c. e della donazione obnuziale di cui all’art. 785 c.c. (Nella specie, è stata escluso che potesse integrare un atto valido per la costituzione del diritto di usufrutto la scrittura privata sottoscritta soltanto dalla parte che aveva invocato l’avvenuta concessione del diritto). Cass. civ. sez. II, 30 gennaio 2007, n. 1967

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati