Art. 951 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Azione per apposizione di termini

Articolo 951 - Codice Civile

Se i termini tra fondi contigui mancano o sono diventati irriconoscibili, ciascuno dei proprietari ha diritto di chiedere che essi siano apposti o ristabiliti a spese comuni (7 c.p.c.).

Articolo 951 - Codice Civile

Se i termini tra fondi contigui mancano o sono diventati irriconoscibili, ciascuno dei proprietari ha diritto di chiedere che essi siano apposti o ristabiliti a spese comuni (7 c.p.c.).

Note

Massime

L’azione per apposizione di termini, presupponendo la certezza del confine, implicitamente contiene l’azione di regolamento del confine, e in questa si modifica, ove, per le eccezioni del convenuto, insorga contrasto sulla linea di confine, lungo la quale i termini devono essere apposti. Cass. civ. sez. II, 30 aprile 2014, n. 9512

L’azione reale di regolamento di confini contiene implicitamente quella personale di apposizione dei termini, quale pretesa accessoria e consequenziale, solo quando manchi un confine certo e determinato e difettino anche i segni esteriori dello stesso per cui, al di fuori di questa ipotesi, e in assenza di esplicita domanda incorre nel vizio di ultrapetizione il giudice che abbia condannato la parte soccombente ad installare sul confine una recinzione. Cass. civ. sez. II, 8 novembre 2013, n. 25244

L’azione per l’apposizione di termini ha natura accessoria e consequenziale a quella di regolamentazione di confini, in quanto presuppone l’esistenza di un confine certo e determinato. Ne consegue che, all’infondatezza della domanda principale volta a regolare i confini, segue logicamente il rigetto di quella avente ad oggetto l’apposizione di termini. Cass. civ. sez. VI, 8 aprile 2011, n. 8100

La domanda con la quale si chieda di far luogo alla costruzione di una specifica opera, ancorché come mezzo di apposizione di termini, trascende l’ordinario contenuto dell’azione di cui all’art. 951 c.c. e, risultando intesa ad ottenere la condanna della controparte ad un ben precisato facere, non può essere considerata alla stregua di una istanza meramente accessoria e consequenziale rispetto all’azione di regolamento di confini simultaneamente proposta, ma finisce per costituire una pretesa avente una sua autonomia, suscettibile, perciò di concorrere alla determinazione del valore della causa ai fini della competenza (omissis). Cass. civ. sez. II, 8 marzo 1996, n. 1850

La differenza tra azione per apposizione di termini e quella di regolamento di confini risiede nel fatto che mentre nella prima il confine tra i due fondi è certo ed incontestato e si vuole soltanto apporvi, perché mancanti o divenuti irriconoscibili, i segni di delimitazione, al fine di evitare possibili sconfinamenti o usurpazioni, nella seconda, invece, pur prescindendosi da ogni contestazione circa il diritto di proprietà risultante dai titoli, vi è incertezza in ordine alla linea di demarcazione tra fondi limitrofi, il cui accertamento viene rimesso al giudice. Cass. civ. sez. II, 27 marzo 1990, n. 2461

L’art. 951 c.c. nel disporre che ciascuno dei proprietari confinanti ha diritto di chiedere che i termini siano apposti «a spese comuni», si riferisce all’apposizione materiale dei segni di confine e non riguarda, pertanto, la disciplina delle spese giudiziali inerenti alala causa instaurata ai sensi della stessa norma. Cass. civ. sez. II, 5 dicembre 1985, n. 6107

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche