Art. 909 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Diritto sulle acque esistenti nel fondo

Articolo 909 - Codice Civile

Il proprietario del suolo ha il diritto di utilizzare le acque in esso esistenti, salve le disposizioni delle leggi speciali per le acque pubbliche e per le acque sotterranee.
Egli può anche disporre a favore d’altri, qualora non osti il diritto di terzi (1094); ma, dopo essersi servito delle acque, non può divertirle in danno d’altri fondi.

Articolo 909 - Codice Civile

Il proprietario del suolo ha il diritto di utilizzare le acque in esso esistenti, salve le disposizioni delle leggi speciali per le acque pubbliche e per le acque sotterranee.
Egli può anche disporre a favore d’altri, qualora non osti il diritto di terzi (1094); ma, dopo essersi servito delle acque, non può divertirle in danno d’altri fondi.

Note

Massime

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche