Art. 895 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Divieto di ripiantare alberi a distanza non legale

Articolo 895 - Codice Civile

Se si è acquistato il diritto di tenere alberi a distanza minore di quelle sopra indicate, e l’albero muore o viene reciso o abbattuto, il vicino non può sostituirlo, se non osservando la distanza legale (892).
La disposizione non si applica quando gli alberi fanno parte di un filare situato lungo il confine.

Articolo 895 - Codice Civile

Se si è acquistato il diritto di tenere alberi a distanza minore di quelle sopra indicate, e l’albero muore o viene reciso o abbattuto, il vicino non può sostituirlo, se non osservando la distanza legale (892).
La disposizione non si applica quando gli alberi fanno parte di un filare situato lungo il confine.

Note

Massime

Il diritto di tenere alberi a distanza minore di quella legale si mantiene, ai sensi dell’art. 895, secondo comma, cod. civ. anche in base all’esistenza delle ceppaie e dei polloni, atteso che le piante di nuova  germogliazione sono la continuazione vegetativa delle precedenti, sia come singoli individui, sia nella “universitas rerum” in cui si concretizza il filare. Cass. civ. sez. II, 30 aprile 2013, n. 10192

Il diritto di tenere a distanza minore di quella legale un filare di alberi situato lungo il confine ha per oggetto non le piante singolarmente, bensì l’intero filare inteso come universitas rerum. Pertanto, finché questo conserva unitariamente la sua vitalità, esso può essere integrato mediante la sostituzione di piante nuove a quelle che via via muoiono o vengono abbattute ; quando, invece, il filare venga distrutto nella sua interezza, per opera dell’uomo o per evento naturale, la sostituzione può avere luogo soltanto nel rispetto della distanza prevista dalla legge. Cass. civ. sez. II, 9 giugno 2008, n. 15199

Ai sensi dell’art. 895, comma primo, c.c. nella ipotesi in cui, per morte, recisione o abbattimento, un albero non facente parte di un filare sia stato eliminato, si estingue, in deroga ai principi in tema di estinzione delle servitù  anche la servitù che consentiva il mantenimento dell’albero a distanza inferiore a quella legale, non avendo il titolare del fondo dominante alcun diritto di sostituire l’albero eliminato se non osservando le distanze legali. Cass. civ. sez. II, 15 giugno 1999, n. 5928

La deroga al divieto di ripiantare alberi a distanza non legale presuppone l’esistenza di «un filare», cioè di una serie unitaria di alberi – piantati o seminati dalla mano dell’uomo, ovvero germinati spontaneamente – che si incorporino nel suolo in allineamento secondo una linea ideale, retta od anche non rigorosamente tale. Rappresenta un apprezzamento di fatto del giudice del merito, insindacabile nel giudizio di Cassazione, ove adeguatamente motivato, lo stabilire se, in concreto, secondo la loro disposizione sul suolo, gli alberi costituiscano un filare. (Nella specie, la Corte Suprema ha ritenuto che il giudice del merito abbia adeguatamente motivato rilevando che gli alberi non seguivano una linea ideale rettilinea ma, invece, erano posti alle distanze più disparate dal rettilineo confine). Cass. civ. sez. II, 16 maggio 1975, n. 1898

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche