Art. 879 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Edifici non soggetti all'obbligo delle distanze o a comunione forzosa

Articolo 879 - Codice Civile

Alla comunione forzosa non sono soggetti gli edifici appartenenti al demanio pubblico (822) e quelli soggetti allo stesso regime (824, 825), né gli edifici che sono riconosciuti di interesse storico, archeologico o artistico, a norma delle leggi in materia (839). Il vicino non può neppure usare della facoltà concessa dall’art. 877.
Alle costruzioni che si fanno in confine con le piazze e le vie pubbliche non si applicano le norme relative alle distanze (873), ma devono osservarsi le leggi e i regolamenti che le riguardano.

Articolo 879 - Codice Civile

Alla comunione forzosa non sono soggetti gli edifici appartenenti al demanio pubblico (822) e quelli soggetti allo stesso regime (824, 825), né gli edifici che sono riconosciuti di interesse storico, archeologico o artistico, a norma delle leggi in materia (839). Il vicino non può neppure usare della facoltà concessa dall’art. 877.
Alle costruzioni che si fanno in confine con le piazze e le vie pubbliche non si applicano le norme relative alle distanze (873), ma devono osservarsi le leggi e i regolamenti che le riguardano.

Note

Massime

Il rinvio, contenuto nell’art. 879, comma 2, c.c. alle leggi e ai regolamenti che riguardano le costruzioni “che si fanno in confine con le piazze e le vie pubbliche” non va interpretato come deroga all’inapplicabilità, prevista dal medesimo art. 879, comma 2, c.c. delle norme sulle distanze alle pubbliche strade e piazze, concernendo, invece, la disciplina in tema non già di “distanze”, bensì di “fabbricati”. Cass. civ. sez. II, 29 ottobre 2018, n. 27364

L’esonero dal rispetto delle distanze legali, previsto dall’art. 879, comma 2, c.c. per le costruzioni a confine con piazze e vie pubbliche, va riferito anche alle costruzioni a confine delle strade di proprietà privata gravate da servitù pubbliche di passaggio, giacché il carattere pubblico della strada, rilevante ai fini dell’applicazione della norma citata, attiene, piche alla proprietà del bene, all’uso concreto di esso da parte della collettività. Cass. civ. sez. II, 29 ottobre 2018, n. 27364

Per l’accoglimento della domanda di riduzione in pristino proposta dal proprietario danneggiato dalla violazione delle norme sulle distanze fra costruzioni contenute in leggi speciali e regolamenti edilizi locali è necessario che le norme violate abbiano carattere integrativo delle disposizioni del codice civile sui rapporti di vicinato, siccome disciplinanti la stessa materia e da esse (artt. 872 e 873 c.c.) richiamate, e che si tratti di costruzioni soggette all’obbligo delle distanze e, quindi, non confinanti con vie o piazze pubbliche (art. 879, comma 2, c.c.); resta esclusa, pertanto, la riduzione in pristino se tra i fabbricati siano interposte strade pubbliche, benché la norma edilizia locale applicabile (integrativa di quelle del codice civile) prescriva che la distanza minima prevista debba essere osservata pure qualora tra i fabbricati siano interposte aree pubbliche. Cass. civ. sez. II, 29 ottobre 2018, n. 27364

La mera previsione, in un piano regolatore generale o in un programma di fabbricazione, della destinazione di un terreno privato a strada pubblica, o anche la destinazione di fatto ad uso pubblico di tale terreno, senza la esecuzione di opere (pubbliche) di irreversibile trasformazione e la conseguente appropriazione cosiddetta acquisitiva dell’immobile da parte della P.A. non producono, di per sè, una modificazione immediata del regime dei diritti immobiliari privati e non basta, pertanto, ad esimere il proprietario confinante dal rispetto delle distanze legali, perché l’eccezionale deroga alla disciplina delle distanze nelle costruzioni di cui al comma secondo dell’art. 879 c.c. opera esclusivamente per quelle che si fanno a confine di piazze o vie propriamente pubbliche, secondo lo stretto significato che, nell’ordinamento, ha la nozione di questa categoria di beni, esclusivamente riferibile alle vie o piazze appartenenti ad un ente territoriale autarchico e, perciò demaniali e soggette a regime demaniale, ovvero realizzate su terreni gravati da diritto pubblico di godimento al fine della circolazione, parimenti soggette al regime della demanialità. Cass. civ. sez. II, 27 dicembre 2011, n. 28938

Con riferimento all’art. 879, secondo comma c.c. secondo cui alle costruzioni eseguite a confine con piazze e vie pubbliche non si applicano le norme sulle distanze di cui all’art. 873 stesso codice, la qualifica «pubblica» di una via o piazza deve essere intesa nel suo rigoroso significato giuridico, nel senso che essa compete soltanto alle vie e piazze appartenenti ad un ente territoriale autarchico ovvero soggette a servitù di uso pubblico, per la cui sussistenza non è sufficiente la semplice destinazione del bene al pubblico transito e l’attualità di tale uso, ma occorre che il relativo diritto derivi da una convenzione tra il privato proprietario del suolo e la pubblica amministrazione o sia stato acquistato mediante usucapione, a nulla rilevando, a quest’ultimo proposito, che la strada privata sia usata per il transito di una generalità di persone o che usufruisca di pubblica illuminazione o che sia destinata a strada o piazza pubblica da uno strumento urbanistico, giacché tali circostanze non producono di per sé alcuna immediata modificazione dei diritti privati immobiliari e, in particolare, non esimono il proprietario confinante dalla osservanza dei distacchi tra le costruzioni imposti dalla legge. Cass. civ. sez. II, 27 marzo 1990, n. 2463

Le disposizioni di legge e regolamentari tra le quali, fra l’altro, il codice della strada ed il relativo regolamento di esecuzione, cui rinvia l’art. 879, comma secondo, c.c. per il caso delle costruzioni «in confine con le piazze e le vie pubbliche», non sono dirette alla regolamentazione dei rapporti di vicinato ed alla tutela della proprietà, ma alla protezione di interessi pubblici, con particolare riferimento alla sicurezza della circolazione stradale; pertanto, ove l’Amministrazione pubblica a tutela del bene demaniale abbia esperito i rimedi ordinari a tutela della proprietà, è da ritenersi insussistente un diritto soggettivo suscettibile di dar luogo a tutela ripristinatoria. Cass. civ. sez. I, 27 febbraio 2008, 5204

Una strada privata può legittimamente dirsi asservitù a ad uso pubblico, ai fini dell’esenzione dal rispetto delle distanze stabilite dagli artt. 873 ed 878 (Recte: 879 -N.d.R.) dal codice civile qualora l’uso predetto trovi titolo in una convenzione tra i proprietari del suolo stradale ed ente pubblico, ovvero si sia protratto per tutto il tempo necessario all’usucapione. A tal fine, la natura pubblica della strada (o dell’uso che, di essa, ne faccia la collettività) va individuata sotto profili strettamente giuridici, così che, in mancanza di specifiche convenzioni tra privati e P.A. la sua destinazione al pubblico transito deve risultare affatto inequivoca, non essendone sufficiente una mera utilizzazione da parte di soggetti, ancorché diversi dai proprietari, secondo modalità di comportamento uti singuli, e non anche uti cives, come nel caso di passaggio finalizzato all’accesso ad unità abitative, uffici o negozi ubicati su suoli privati. Cass. civ. sez. II, 29 agosto 1998, n. 8619

Le strade vicinali assoggettate a pubblico transito sono equiparate alle strade pubbliche in senso proprio e sottoposte al regime giuridico di queste ultime per quanto riguarda sia l’esclusione dalla disciplina delle distanze nelle costruzioni (art. 879 c.c.), sia l’operatività del principio stabilito in materia di possesso di beni demaniali dall’art. 1145, comma 2, c.c. in base al quale è ammessa l’azione di spoglio nei rapporti fra privati, mentre l’azione di manutenzione è concessa soltanto quando si tratti di facoltà che possono formare oggetto di concessione della pubblica amministrazione. Cass. civ. sez. II, 19 febbraio 1993, n. 2025

Per l’accertamento incidentale del carattere pubblico di una strada, ai fini dell’esonero dall’obbligo dell’osservanza delle distanze legali nelle costruzioni, può essere invocata la presunzione iuris tantum di demanialità stabilita dall’art. 22 della L. 20 marzo 1865, n. 2248, all. F, la cui operatività postula: l’ubicazione delle aree all’interno dell’abitato; l’immediata contiguità di esse alla via pubblica; l’essere le stesse in comunicazione diretta con il suolo pubblico. Ai fini della prova contraria (testualmente circoscritta dalla legge all’esistenza di consuetudini che escludano la demanialità per il tipo di aree di cui faccia parte quella considerata o di convenzioni che attribuiscano la proprietà ad un soggetto diverso dal comune ovvero alla natura privata della proprietà dell’area stessa) non è equivalente alla convenzione che attribuisce le aree medesime a soggetti diversi dal comune quella che si limiti a qualificarle come private, mentre è irrilevante la loro mancata inclusione nell’elenco delle strade comunali, atteso il carattere dichiarativo, e non costitutivo di detto elenco. Cass. civ. sez. II, 20 marzo 1991, n. 2974

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche