Art. 782 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Forma della donazione

Articolo 782 - codice civile

La donazione deve essere fatta per atto pubblico (2699), sotto pena di nullità (1350, 1875, 2725). Se ha per oggetto cose mobili, essa non è valida che per quelle specificate con indicazione del loro valore nell’atto medesimo della donazione, ovvero in una nota a parte sottoscritta dal donante, dal donatario e dal notaio (783).
L’accettazione può essere fatta nell’atto stesso o con atto pubblico posteriore (785). In questo caso la donazione non è perfetta (769) se non dal momento in cui l’atto di accettazione è notificato (1326, 1335; 137 c.p.c.) al donante (785).
Prima che la donazione sia perfetta, tanto il donante quanto il donatario possono revocare la loro dichiarazione (1328).
Se la donazione è fatta a una persona giuridica, il donante non può revocare la sua dichiarazione dopo che gli è stata notificata la domanda diretta a ottenere dall’autorità governativa l’autorizzazione ad accettare (17, 473, 1329). Trascorso un anno dalla notificazione senza che l’autorizzazione sia stata concessa, la dichiarazione può essere revocata (17, 786, 1872) (1).

Articolo 782 - Codice Civile

La donazione deve essere fatta per atto pubblico (2699), sotto pena di nullità (1350, 1875, 2725). Se ha per oggetto cose mobili, essa non è valida che per quelle specificate con indicazione del loro valore nell’atto medesimo della donazione, ovvero in una nota a parte sottoscritta dal donante, dal donatario e dal notaio (783).
L’accettazione può essere fatta nell’atto stesso o con atto pubblico posteriore (785). In questo caso la donazione non è perfetta (769) se non dal momento in cui l’atto di accettazione è notificato (1326, 1335; 137 c.p.c.) al donante (785).
Prima che la donazione sia perfetta, tanto il donante quanto il donatario possono revocare la loro dichiarazione (1328).
Se la donazione è fatta a una persona giuridica, il donante non può revocare la sua dichiarazione dopo che gli è stata notificata la domanda diretta a ottenere dall’autorità governativa l’autorizzazione ad accettare (17, 473, 1329). Trascorso un anno dalla notificazione senza che l’autorizzazione sia stata concessa, la dichiarazione può essere revocata (17, 786, 1872) (1).

Note

(1) Questo comma è stato abrogato dall’art. 13, comma 1, della L. 15 maggio 1997, n. 127, così come sostituito dall’art. 1, comma 1, della L. 22 giugno 2000, n. 192.

Massime

La donazione deve essere fatta per atto pubblico, sotto pena di nullità (art. 783 c.c.) (rectius: art. 782 c.c. – N.d.R.) e, quindi, deve essere provata per iscritto, con l’atto pubblico di donazione, essendo ammissibile la prova per testi o per presunzioni soltanto nel caso di perdita incolpevole del documento (in applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato la decisione del giudice di merito che aveva ritenuto provata la donazione in base alla circostanza che il donante ne aveva menzionato l’esistenza nel proprio testamento olografo). . Cass. civ. sez. II, 15 marzo 2006, n. 5786

Nel procedimento per la separazione consensuale, di cui all’art. 711 c.p.c. il provvedimento di omologazione del Tribunale, operando sul piano del controllo, ha lo scopo di attribuire efficacia all’accordo privato dall’esterno, senza operare alcuna integrazione della volontà negoziale delle delle parti. Di conseguenza, ove nell’accordo i coniugi abbiano convenuto una donazione, l’omologazione non vale a rivestire l’atto negoziale della forma dell’atto pubblico, richiesto dall’art. 782 c.c. che gli articoli 2699 e 2700 c.c. impongono sia «redatto» e «formato» dal pubblico ufficiale. Cass. civ. sez. I, 8 marzo 1995, n. 2700

A differenza del cosiddetto negotium mixtum cum donatione, nel quale sullo scopo di liberalità prevale lo scopo oneroso e per la cui validità è sufficiente la forma richiesta per il negozio tipico a cui lo scopo oneroso corrisponde, la forma prescritta per la donazione remuneratoria, nella quale il donante persegue oltre allo scopo di liberalità anche lo scopo del riconoscimento di particolari meriti del beneficiario, è quella dell’atto pubblico. Cass. civ. sez. II, 10 aprile 1999, n. 3499

Quando l’atto di liberalità, oltre ad essere determinato da ragione di riconoscimento o da particolari meriti del beneficiario, è diretto, altresì, al soddisfacimento di prestazioni ricevute, si ha un unico negozio giuridico, nel quale confluiscono motivi in parte onerosi ed in parte gratuiti, la cui regolamentazione obbedisce al criterio della prevalenza, per cui ricorre la donazione remuneratoria, per la quale è richiesta la forma solenne delle donazioni tipiche, se risulti la prevalenza dell’animus donandi e si ha, invece, contratto oneroso, per il quale, in caso di trasferimento di beni immobili, è sufficiente la scrittura privata, allorché il fine della corrispettività si riveli assorbente rispetto a tale animus. Cass. civ. sez. II, 20 agosto 1990, n. 8446

Non ricorre il vizio del negozio di donazione per difetto della forma pubblica quando intervenga la cessione di una quota societaria mediante un’apparente vendita, ma in realtà a titolo gratuito, potendo piuttosto ricorrere un’ipotesi di donazione indiretta, che però non esige requisiti formali; nella donazione indiretta, infatti, la liberalità si opera, anziché attraverso il negozio tipico di donazione, mediante il compimento di un atto che, pur conservando la forma e la causa ad esso propria, realizza in via mediata l’effetto dell’arricchimento del destinatario, sicché l’intenzione di donare non emerge in via diretta dall’atto utilizzato bensì, in via indiretta, dall’esame delle circostanze del caso concreto. Cass. civ. sez. I, 5 agosto 2019, n. 20888

La rinuncia abdicativa della quota di comproprietà di un bene, fatta in modo da avvantaggiare in via riflessa tutti gli altri comunisti, mediante eliminazione dello stato di compressione in cui il diritto di questi ultimi si trovava a causa dell’appartenenza in comunione anche ad un altro soggetto, costituisce donazione indiretta, senza che sia all’uopo necessaria la forma dell’atto pubblico, essendo utilizzato per la realizzazione del fine di liberalità un negozio diverso dal contratto di donazione. Cass. civ. sez. II, 25 febbraio 2015, n. 3819

Per le validità delle donazioni indirette, cioè di quelle liberalità realizzate ponendo in essere un negozio tipico diverso da quello previsto dall’art. 782 c.c. non è richiesta la forma dell’atto pubblico, essendo sufficiente l’osservanza delle forme prescritte per il negozio tipico utilizzato per realizzare lo scopo di liberalità, dato che l’art 809 c.c. nello stabilire le norme sulle donazioni applicabili agli altri atti di liberalità realizzati con negozi diversi da quelli previsti dall’art. 769 c.c. non richiama l’art. 782 c.c. che prescrive l’atto pubblico per la donazione. Cass. civ. sez. I, 5 giugno 2013, n. 14197

Nell’ipotesi di acquisto di un immobile con denaro proprio del disponente ed intestazione ad altro soggetto che il disponente stesso intende in tal modo beneficiare, si verifica una donazione indiretta dell’immobile (non del denaro) per la quale non è necessaria la forma dell’atto pubblico prevista per la donazione (art. 782 c.c.), ma basta l’osservanza della forma richiesta per l’atto da cui la donazione indiretta risulta. Cass. civ. sez. III, 14 maggio 1997, n. 4231

La donazione dell’usufrutto in favore di un terzo, contenuta nella donazione con riserva di usufrutto di cui all’art. 796 c.c. si perfeziona con l’accettazione da parte del donatario, la quale può essere contenuta nel medesimo atto ovvero intervenire con atto pubblico posteriore, richiedendosi in quest’ultimo caso, ai fini del perfezionamento della fattispecie, la relativa notificazione al donante. Cass. civ. sez. V, 15 marzo 2019, n. 7444

In presenza di un contratto di donazione non ancora perfetto, per la mancanza della notificazione al donante dell’atto pubblico di accettazione del donatario, ai sensi dell’art. 782, secondo comma, cod. civ. va riconosciuto in capo all’”accipiens” il solo “animus detinendi” e non l’”animus possidendi”, trattandosi di negozio traslativo non ancora venuto ad esistenza in quanto privo dell’elemento conclusivo di una fattispecie a formazione progressiva. Cass. civ. sez. II, 16 aprile 2015, n. 7821

Nella donazione a persona giuridica, quando la notifica dell’atto pubblico di accettazione da parte del donatario avviene dopo la morte del donante, la formazione del consenso, necessaria per il perfezionamento del contratto di donazione, rimane impedita, in quanto gli eredi subentrano soltanto nei rapporti giuridici facenti capo al defunto che sono trasmissibili e non nei diritti ed obbligazioni “intuitu personae”, tanto pise si tratti di dichiarazioni negoziali eminentemente personali nella cui categoria rientra la donazione. Cass. civ. sez. II, 10 novembre 2011, n. 23551

A norma dell’art. 782, secondo comma, c.c. la donazione si perfeziona con l’accettazione da parte del donatario, la quale deve coesistere con la volontà del donante; ne consegue che – in conformità al principio generale secondo cui ogni proposta contrattuale cade con la morte del proponente – dopo la morte del donante, il donatario non può accettare la donazione né notificare l’atto di accettazione, a nulla rilevando che nell’atto di donazione risulti l’espressa previsione che l’accettazione può intervenire anche dopo la morte del donante. Cass. civ. sez. II, 4 maggio 2010, n. 10734

L’accettazione della donazione, con il medesimo atto pubblico a mezzo del quale essa viene effettuata, non postula l’adozione di formule solenni o determinate, ma può risultare anche per implicito, ove il contesto complessivo di detto atto evidenzi inequivocamente la volontà di accettare. Cass. civ. sez. II, 16 novembre 1981, n. 6057

Qualora una proposta di donazione nulla per vizi sostanziali o formali (nella specie, perché contenuta in una scrittura privata, anziché in un atto pubblico), sia seguita da una nuova proposta valida, l’accettazione del beneficiario è idonea a perfezionare il contratto di donazione solo se fatta con riferimento alla seconda delle indicate proposte, e non con riferimento alla prima, la cui nullità, a norma dell’art. 1423 c.c. non può essere sanata con convalida. A norma dell’art. 782 secondo comma c.c. l’accettazione della donazione, ove fatta con atto pubblico posteriore, è idonea a determinare il perfezionamento del contratto solo con la notificazione al donante dell’atto di accettazione; tale effetto non si verifica, pertanto, qualora la delibera, con cui un consiglio comunale abbia accettato una donazione, sia rimasta atto interno del comune e non sia stata né esteriorizzata, né portata a conoscenza del donante. Cass. civ. Sezioni Unite, 18 dicembre 1975, n. 4153

Istituti giuridici

Novità giuridiche