Art. 6 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Diritto al nome

Articolo 6 - codice civile

Ogni persona ha diritto al nome (22 Cost.) che le è per legge attribuito.
Nel nome si comprendono il prenome e il cognome (602).
Non sono ammessi cambiamenti, aggiunte o rettifiche al nome, se non nei casi e con le formalità dalla legge indicati (149).

Articolo 6 - Codice Civile

Ogni persona ha diritto al nome (22 Cost.) che le è per legge attribuito.
Nel nome si comprendono il prenome e il cognome (602).
Non sono ammessi cambiamenti, aggiunte o rettifiche al nome, se non nei casi e con le formalità dalla legge indicati (149).

Massime

Il diritto della persona al nome si acquista la momento della nascita ed in base al rapporto di filiazione, e, quindi, va riscontrato essenzialmente alla stregua degli atti di nascita o di battesimo, mentre l’utilizzazione protratta nel tempo del nome medesimo non può di per sé avere valore acquisitivo del relativo diritto, stante la non estensibilità in proposito degli istituti dell’usucapione e dell’immemorabile, operanti nel campo dei diritti reali. Cass. civ. sez. I, 27 luglio 1978, n. 3779

Istituti giuridici

Novità giuridiche