Art. 505 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Decadenza del beneficio

Articolo 505 - Codice Civile

L’erede che, in caso di opposizione, non osserva le norme stabilite dall’art. 498 o non compie la liquidazione o lo stato di graduazione nel termine stabilito dall’art. 500, decade dal beneficio d’inventario (490, 493, 494, 509).
Parimenti decade dal beneficio d’inventario l’erede che, nel caso previsto dall’art. 503, dopo l’invito ai creditori di presentare le dichiarazioni di credito, esegue pagamenti prima che sia definita la procedura di liquidazione o non osserva il termine che gli è stato prefisso a norma dell’art. 500.
La decadenza non si verifica quando si tratta di pagamenti a favore di creditori previlegiati o ipotecari.
In ogni caso la decadenza dal beneficio d’inventario può essere fatta valere solo dai creditori del defunto e dai legatari (509).

Articolo 505 - Codice Civile

L’erede che, in caso di opposizione, non osserva le norme stabilite dall’art. 498 o non compie la liquidazione o lo stato di graduazione nel termine stabilito dall’art. 500, decade dal beneficio d’inventario (490, 493, 494, 509).
Parimenti decade dal beneficio d’inventario l’erede che, nel caso previsto dall’art. 503, dopo l’invito ai creditori di presentare le dichiarazioni di credito, esegue pagamenti prima che sia definita la procedura di liquidazione o non osserva il termine che gli è stato prefisso a norma dell’art. 500.
La decadenza non si verifica quando si tratta di pagamenti a favore di creditori previlegiati o ipotecari.
In ogni caso la decadenza dal beneficio d’inventario può essere fatta valere solo dai creditori del defunto e dai legatari (509).

Note

Massime

La riassunzione dei giudizi promossi dal de cuius e la gestione dell’impresa commerciale relativa all’azienda commerciale caduta nell’eredità, se contenuta nei limiti del normale esercizio, effettuate dall’erede che abbia accettato l’eredità con beneficio di inventario costituiscono atti di ordinaria amministrazione e, conseguentemente, non cagionano la decadenza dell’erede da detto beneficio. Cass. civ. sez. III, 14 marzo 2003, n. 3791

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Novità giuridiche

Istituti giuridici