(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Rinunzia che importa accettazione

Articolo 478 - Codice Civile

La rinunzia ai diritti di successione, qualora sia fatta verso corrispettivo o a favore di alcuni soltanto dei chiamati, importa accettazione (459, 519 ss.).

Articolo 478 - Codice Civile

La rinunzia ai diritti di successione, qualora sia fatta verso corrispettivo o a favore di alcuni soltanto dei chiamati, importa accettazione (459, 519 ss.).

Note

Massime

L’erede legittimo che non abbia partecipato al giudizio, promosso dagli altri eredi legittimi, diretto a far dichiarare la decadenza del (diverso soggetto) chiamato con testamento dal diritto di accettare l’eredità, qualora convenga in via transattiva di rinunciare agli effetti della sentenza a fronte dell’attribuzione in proprietà di immobili facenti parte dell’asse ereditario, non si limita (come erroneamente affermato dal giudice di merito) a rinunciare «a far valere la decadenza» in quanto il potere così esercitato afferisce comunque ad un diritto sull’eredità, almeno vantato in quanto chiamato, e quindi a lui appartenente perché espressivo del diritto di accettare quell’eredità. La rinuncia dedotta in transazione non è quindi avulsa dalla qualità di erede legittimo, sicché quanto ricevuto in sede transattiva costituisce tacitazione non già della rinunzia a far valere la decadenza, ma del diritto a succedere in via legittima al de cuius e, quindi, esercizio di tale diritto. Cass. civ. sez. V, 16 maggio 2007, n. 11213

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati