(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Inammissibilità di cessione e di compensazione

Articolo 447 - Codice Civile

Il credito alimentare non può essere ceduto (1260).
L’obbligato agli alimenti non può opporre all’altra parte la compensazione (1241, 1246), neppure quando si tratta di prestazioni arretrate (545 c.p.c.; 46 l. fall.).

Articolo 447 - Codice Civile

Il credito alimentare non può essere ceduto (1260).
L’obbligato agli alimenti non può opporre all’altra parte la compensazione (1241, 1246), neppure quando si tratta di prestazioni arretrate (545 c.p.c.; 46 l. fall.).

Note

Massime

La regula iuris dettata dall’art. 447 c.c. che esclude la facoltà di cedere il credito alimentare, ovvero di opporre in compensazione, da parte dell’obbligato agli alimenti, un controcredito di diversa natura, deve ritenersi norma di ius singulare e, come tale, inapplicabile alle obbligazioni alimentari sorte non ex lege, ma in via convenzionale. Cass. civ. sez. II, 22 ottobre 1997, n. 10362

In materia di prestazioni alimentari, la retroattività delle statuizioni della decisione d’appello va contemperata con i principi di irripetibilità, impignorabilità e non compensabilità di dette prestazioni, nel senso che chi abbia ricevuto, per ogni singolo periodo, le prestazioni stabilite nella pronuncia di primo grado, non è tenuto a restituirle, né può vedersi opporre in compensazione quanto ricevuto a tale titolo. Pertanto, il soggetto obbligato, ove abbia corrisposto le somme poste a suo carico nella pronuncia di primo grado, non può ripeterle sulla base delle statuizioni a lui più favorevoli della sentenza di appello, né può rifiutare le prestazioni dovute in base a questa, opponendo in compensazione le maggiori somme versate in forza della pronunzia di primo grado, ostandovi i menzionati principi di irripetibilità e non compensabilità in materia alimentare; viceversa, in base al principio della retroattività della decisione d’appello, ove il soggetto obbligato non abbia corrisposto, per periodi anteriori alla decisione stessa, le somme poste a suo carico dalla pronuncia riformata, non può essere costretto ad adempiervi, essendo ormai tenuto unicamente, anche per il passato, a corrispondere quanto stabilito dalla sentenza di secondo grado. Cass. civ. sez. I, 5 novembre 1996, n. 9641

Il credito dell’assegno di mantenimento attribuito dal giudice al coniuge separato senza addebito di responsabilità, ai sensi dell’art. 156 c.c. avendo la sua fonte legale nel diritto all’assistenza materiale inerente al vincolo coniugale e non nella incapacità della persona che versa in stato di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento, non rientra tra i crediti alimentari per i quali, ai sensi del combinato disposto degli artt. 1246 comma primo, n. 5 e 447 c.c. non opera la compensazione legale. Cass. civ. sez. III, 19 luglio 1996, n. 6519

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati