Art. 334 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Rimozione dall'amministrazione

Articolo 334 - Codice Civile

Quando il patrimonio del minore è male amministrato, il tribunale (38, 51 att.) può stabilire le condizioni a cui i genitori devono attenersi nell’amministrazione o può rimuovere entrambi o uno solo di essi dall’amministrazione stessa e privarli, in tutto o in parte, dell’usufrutto legale (324).
L’amministrazione è affidata ad un curatore (78 c.p.c.), se è disposta la rimozione di entrambi i genitori.

Articolo 334 - Codice Civile

Quando il patrimonio del minore è male amministrato, il tribunale (38, 51 att.) può stabilire le condizioni a cui i genitori devono attenersi nell’amministrazione o può rimuovere entrambi o uno solo di essi dall’amministrazione stessa e privarli, in tutto o in parte, dell’usufrutto legale (324).
L’amministrazione è affidata ad un curatore (78 c.p.c.), se è disposta la rimozione di entrambi i genitori.

Note

Massime

La rimozione, per “mala gestio”, di uno o di entrambi i genitori dall’amministrazione del patrimonio del figlio minore, ai sensi dell’art. 334 c.c. presuppone la realizzazione di condotte concretamente pregiudizievoli per il minore o tali da rendere serio e concreto il rischio patrimoniale secondo una valutazione improntata a criteri di oggettività, non essendo sufficienti situazioni di pericolo meramente potenziale o fondate su convinzioni o interessi soggettivi di colui che reclami l’intervento del giudice. Cass. civ. sez. VI, 13 luglio 2018, n. 18777

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche