Art. 2937 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Rinunzia alla prescrizione

Articolo 2937 - Codice Civile

Non può rinunziare alla prescrizione chi non può disporre validamente del diritto (1310).
Si può rinunziare alla prescrizione solo quando questa è compiuta (2939, 2946 ss.).
La rinunzia può risultare da un fatto incompatibile con la volontà di valersi della prescrizione (1310).

Articolo 2937 - Codice Civile

Non può rinunziare alla prescrizione chi non può disporre validamente del diritto (1310).
Si può rinunziare alla prescrizione solo quando questa è compiuta (2939, 2946 ss.).
La rinunzia può risultare da un fatto incompatibile con la volontà di valersi della prescrizione (1310).

Note

Massime

La rinunzia alla prescrizione è un atto negoziale che implica la volontà di dismettere definitivamente il proprio diritto alla liberazione di un obbligo. Ne consegue che la mera dichiarazione del proprietario del fondo servente, resa al momento dell’acquisto del bene, avente ad oggetto la conoscenza dell’esistenza della servitù (nella specie di lume di grotta) non vale ad integrare rinunzia tacita ad avvalersi della prescrizione del diritto stesso.  Cass. civ., sez. , II, , 1 agosto 2013, n. 18425

La prescrizione presuntiva, anche se fondata su di una presunzione, non è un mezzo di prova, ma incide direttamente sul diritto sostanziale limitandone la protezione giuridica, in modo per sua natura non diverso, anche se più limitato, rispetto a quello derivante dalla prescrizione ordinaria, ed è pertanto regolata dagli stessi principi. Ne consegue che è applicabile alla prescrizione presuntiva il principio della rinunciabilità della prescrizione di cui all’art. 2937 c.c., e che la rinuncia può risultare anche tacitamente, purché vi sia una incompatibilità assoluta tra il comportamento del debitore e la volontà di avvalersi della causa estintiva del diritto altrui.  Cass. civ., sez. , III, , 15 maggio 2012, n. 7527

La rinuncia alla prescrizione – espressamente prevista dall’art. 2937 c.c. – è un negozio unilaterale non recettizio, la cui validità ed efficacia prescinde dalla conoscenza che ne abbia il soggetto interessato, essendo necessario soltanto che la volontà del rinunciante risulti in modo inequivocabile.  Cass. civ., sez. , II, , 15 giugno 2009, n. 13870

Il creditore che, per paralizzare l’eccezione di prescrizione del suo diritto, eccepisca a sua volta l’esistenza, da parte del debitore, di una rinuncia tacita alla prescrizione stessa, deve dimostrare non solo il compimento di fatti esplicitanti una volontà incompatibile con quella di avvalersi della prescrizione, ma anche che i fatti medesimi siano stati posti in essere dal soggetto in cui favore la prescrizione sia maturata, e cioè dal soggetto che ha acquisito il diritto a farla valere e, quindi, anche a rinunciare ad essa. Ne consegue che, ove la prescrizione sia maturata in favore di un ente pubblico che l’abbia ritualmente eccepita, il creditore che, a sua volta, ne controeccepisca la rinuncia deve provare anche che il comportamento esplicitante la volontà abdicativa sia stato posto in essere dal soggetto che, secondo la normativa vigente al momento di tale comportamento, era legittimato a disporre del diritto ad eccepire la prescrizione ovvero a rinunciarvi. (Omissis).  Cass. civ., sez. , I, , 19 maggio 2014, n. 10955

La rinunzia alla prescrizione è un atto negoziale che implica la volontà di dismettere definitivamente il proprio diritto alla liberazione di un obbligo. Ne consegue che la mera dichiarazione del proprietario del fondo servente, resa al momento dell’acquisto del bene, avente ad oggetto la conoscenza dell’esistenza della servitù (nella specie di lume di grotta) non vale ad integrare rinunzia tacita ad avvalersi della prescrizione del diritto stesso.  Cass. civ., sez. , II, , 1 agosto 2013, n. 18425

Perché sussista una rinunzia tacita alla prescrizione occorre che nel comportamento del debitore sia insita la volontà inequivocabile del medesimo di non avvalersi della causa estintiva del diritto altrui; il relativo accertamento rientra nei poteri del giudice di merito, e non è censurabile in sede di legittimità, se immune da vizi motivazionali rilevabili in tale sede. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha escluso che potesse qualificarsi come rinuncia alla prescrizione il rifiuto, opposto da un assicuratore privato, di pagamento dell’indennizzo per motivi diversi dal decorso del termine di prescrizione).  Cass. civ., sez. , III, , 29 novembre 2012, n. 21248

La rinuncia a far valere la prescrizione dell’azione proposta “ex adverso” può essere desunta dalle difese svolte dal procuratore della parte, senza che possa rilevare in contrario la mancanza di potere dispositivo nel procuratore alle liti, poiché ciò vale per la rinuncia espressa, ma non per le conseguenze che possono derivare per implicito dalla linea difensiva adottata dal difensore, il quale, nell’adempimento del mandato conferitogli, sceglie in piena autonomia la condotta tecnico – giuridica ritenuta più confacente alla tutela del proprio cliente.  Cass. civ., sez. , II, , 12 marzo 2012, n. 3883

La rinuncia tacita a far valere la prescrizione presuppone un comportamento processuale in cui sia necessariamente insita la univoca volontà di non sollevare la relativa eccezione; pertanto, se la parte si difende nel giudizio di primo grado sul merito della causa senza eccepire preliminarmente la prescrizione, non per questo tale condotta assume la valenza di un comportamento univoco, incompatibile con la volontà di sollevare tale eccezione, la quale, oltretutto, nella vigenza del testo originario dell’art. 345 c.p.c. – applicabile alla fattispecie “ratione temporis” – poteva essere dedotta per la prima volta anche in appello.  Cass. civ., sez. , II, , 4 gennaio 2011, n. 99

La rinuncia alla prescrizione per effetto di atto incompatibile con la volontà di avvalersi di essa, a norma dell’art. 2937 c.c., ovvero l’interruzione della prescrizione medesima per effetto di riconoscimento, a norma dell’art. 2944 c.c., possono conseguire anche da una proposta transattiva, qualora questa, anziché presupporre la contestazione del diritto della controparte, venga formulata in circostanze e con modalità tali da implicare ammissione del diritto stesso, e sia rivolta solo ad ottenere un componimento sulla liquidazione del “quantum”.  Cass. civ., sez. , III, , 14 luglio 2009, n. 16379

Le trattative per comporre bonariamente la vertenza, non avendo quale precipuo presupposto l’ammissione totale o parziale della pretesa avversaria e non rappresentando, quindi, riconoscimento del diritto altrui ai sensi dell’art. 2944 c.c., non hanno efficacia interruttiva della prescrizione, né possono importare rinuncia tacita a far valere la stessa, perché non costituiscono fatti incompatibili in maniera assoluta senza cioè possibilità alcuna di diversa interpretazione con la volontà di avvalersi della causa estintiva dell’altrui diritto, come richiesto dall’art. 2937, terzo comma, c.c.  Cass. civ., sez. , III, , 17 ottobre 2002, n. 14748

Perché sussista rinuncia tacita alla prescrizione è necessaria un’incompatibilità assoluta tra il comportamento del debitore e la volontà del medesimo di avvalersi della causa estintiva del diritto altrui; occorre cioè che nel comportamento del debitore sia insita, senza possibilità di una diversa interpretazione, l’inequivoca volontà di rinunciare alla prescrizione già maturata e, quindi, di considerare come tuttora esistente ed azionabile quel diritto che si era estinto. L’accertamento compiuto al riguardo dal giudice di merito è incensurabile in sede di legittimità se sorretto da congrua e logica motivazione.  Cass. civ., , sez. lav., , 13 novembre 2001, n. 14091

La rinuncia tacita alla prescrizione, a norma dell’art. 2937 c.c., deve risultare da un comportamento del tutto incompatibile con la volontà di opporre la causa estintiva del diritto altrui e cioè essere non altrimenti interpretabile se non nel senso di considerare tuttora esistente ed azionabile quel diritto che era, invece, estinto. Ne consegue che non può configurarsi rinuncia tacita nel caso in cui il debitore abbia accettato di discutere nel merito le pretese avanzate dalla controparte, giacché il debitore potrebbe avere interesse in un primo tempo a contestare l’esistenza dell’obbligazione, riservandosi di eccepire successivamente, se necessario, l’intervenuta prescrizione.  Cass. civ., , sez. III, , 17 settembre 1996, n. 8304

Al fine di stabilire se un determinato comportamento del debitore integri rinuncia tacita alla prescrizione, ai sensi dell’art. 2937 c.c., per incompatibilità con la volontà di avvalersi della relativa eccezione (nella specie, in tema di indennizzo assicurativo per infortunio, convocazione dell’assicurato da parte dell’assicuratore per sottoporlo a visita medica), occorre fare riferimento all’obiettiva consistenza di detto comportamento ed alle circostanze nelle quali è stato posto in essere, mentre resta irrilevante l’eventuale ignoranza del debitore medesimo in ordine alla maturazione del termine prescrizionale (così come non influisce tale ignoranza sul principio dell’irreperibilità di quanto pagato in adempimento di un debito prescritto, ai sensi dell’art. 2940 c.c.).  Cass. civ., , sez. I, , 28 maggio 1988, n. 3672

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche