Art. 2882 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Formalità per la cancellazione

Articolo 2882 - Codice Civile

La cancellazione consentita dalle parti interessate (374) deve essere eseguita dal conservatore in seguito a presentazione dell’atto contenente il consenso del creditore (2821).
Per quest’atto devono essere osservate le forme prescritte dagli articoli 2821, 2835 e 2837 (2725).

Articolo 2882 - Codice Civile

La cancellazione consentita dalle parti interessate (374) deve essere eseguita dal conservatore in seguito a presentazione dell’atto contenente il consenso del creditore (2821).
Per quest’atto devono essere osservate le forme prescritte dagli articoli 2821, 2835 e 2837 (2725).

Note

Massime

In materia di cancellazione delle ipoteche, l’obbligazione del creditore a prestare il proprio consenso alla cancellazione, nelle forme prescritte dalla legge (artt. 2882 comma secondo, 2821 e 2835 c.c.), e di attivarsi, nei modi più adeguati alle circostanze, affinché il consenso così prestato pervenga al debitore, sorge soltanto a seguito dell’estinzione dell’intero debito, potendo egli eventualmente rinunciare a tale integrale adempimento, in base ad una scelta di opportunità, in tal modo derogando alla disciplina codicistica, che non ha “in parte qua” natura di norma imperativa. Ed infatti il creditore non è anche obbligato a chiedere, di sua iniziativa, detta cancellazione, mentre per converso grava su chiunque vi abbia interesse l’onere di chiederla e, pertanto, in primo luogo, sul proprietario dell’immobile soggetto al vincolo reale.  Cass. civ., sez. , III, , 20 giugno 2013, n. 15435

In materia di cancellazione delle ipoteche, l’obbligazione del creditore di prestare il proprio consenso, una volta che il debito sia estinto, riveste natura contrattuale; ne consegue che nel giudizio promosso dal debitore per il risarcimento del danno conseguente all’omessa cancellazione di un’ipoteca, spetta al debitore medesimo dare la prova di avere subito un danno, posto che il creditore non è obbligato a chiedere, di sua iniziativa, detta cancellazione, e gravando, per converso, l’adempimento dell’obbligo al consenso su chiunque ne abbia interesse, e a maggior ragione sul proprietario dell’immobile.  Cass. civ., sez. , III, , 20 giugno 2013, n. 15435

La richiesta di cancellazione dell’ipoteca da parte del creditore, in assenza di consenso del fideiussore che ha adempiuto al pagamento del debito garantito, impedendo la surrogazione nell’ipoteca del fideiussore, configura un’ipotesi di responsabilità contrattuale a carico dello stesso creditore riconducibile al contratto di fideiussione, la quale – per la sua sussistenza in concreto – presuppone un comportamento colpevole ed efficiente del creditore medesimo, nel senso che il fatto generatore della suddetta responsabilità ed idoneo a determinare l’insorgenza del correlato obbligo di risarcimento del danno deve essere a lui direttamente imputabile. Pertanto, trattandosi dell’accertamento di un fatto, non sono applicabili in proposito le preclusioni previste dall’ordinamento per l’ammissibilità della prova testimoniale. (Omissis).  Cass. civ., , sez. III, , 29 marzo 2006, n. 7236

In tema di cancellazione di ipoteca, la circostanza che la relativa iscrizione risulti nulla per incertezza od errore sulla persona del debitore (nella specie, iscrizione ipotecaria compiuta sulla base di decreto ingiuntivo erroneamente emesso nei confronti di società omonima, avente, peraltro, sede diversa) non esclude il diritto del proprietario dell’immobile a chiedere la cancellazione stessa indipendentemente dalla validità dell’iscrizione, sol che questa presenti elementi che possano ingenerare il dubbio che un’ipoteca comunque esista.  Cass. civ., , sez. III, , 2 aprile 2001, n. 4793

A seguito del pagamento del debito a garanzia del quale sia stata in precedenza iscritta ipoteca, il creditore soddisfatto è tenuto, ai sensi dell’art. 1200 c.c., a prestare il proprio consenso, nelle forme prescritte dalla legge (artt. 2882 comma secondo, 2821 e 2835 c.c.), alla cancellazione dell’iscrizione (dovendo, in caso contrario, rispondere dei danni subiti dal proprietario del bene), e deve altresì attivarsi, nei modi più adeguati alle circostanze, affinché il consenso così prestato pervenga al debitore (onde questi possa allegarlo all’istanza di cancellazione da rivolgere al conservatore), ma non è anche obbligato a chiedere, di sua iniziativa, detta cancellazione (gravando, per converso, tale onere su chiunque vi abbia interesse e pertanto, in primo luogo, sul proprietario dell’immobile assoggettato al vincolo reale).  Cass. civ., , sez. III, , 1 ottobre 1999, n. 10893

La cancellazione dell’ipoteca può essere richiesta da chiunque vi abbia interesse, e –quindi – in primo luogo, dall’attuale proprietario del bene ipotecato. Infatti l’art. 2882 c.c. si limita esclusivamente a richiedere il consenso delle parti interessate, e, in particolare, l’assenso del creditore, ma non limita a particolari soggetti la legittimazione all’istanza di cancellazione.  Cass. civ., , sez. I, , 27 ottobre 1998, n. 10682

Qualora il creditore assistito da ipoteca su immobile del debitore, pur essendo stato soddisfatto dal fideiussore, mantenga la qualità d’intestatario dell’iscrizione ipotecaria, per non avere detto fideiussore esercitato la facoltà di variare a suo nome tale iscrizione (con l’annotazione a margine prevista dall’art. 2843 c.c.), il fideiussore medesimo, anche se non può opporre la garanzia reale nei confronti dei terzi, ha la veste di successore nella garanzia stessa nel rapporto con l’obbligato, ai sensi degli artt. 1203 e 1949 c.c., e, quindi, legittimamente subordina al proprio consenso la possibilità di detto obbligato di reclamare dal creditore la cancellazione dell’ipoteca.  Cass. civ., , sez. I, , 23 marzo 1995, n. 3387

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche