Art. 2864 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Danni causati dal terzo e miglioramenti

Articolo 2864 - Codice Civile

Il terzo è tenuto a risarcire i danni (2043) che da sua colpa grave sono derivati all’immobile in pregiudizio dei creditori iscritti (2743, 2813, 2827).
Egli non può ritenere l’immobile per causa di miglioramenti (1152); ma ha il diritto di far separare dal prezzo di vendita la parte corrispondente ai miglioramenti eseguiti dopo la trascrizione del suo titolo (2659), fino a concorrenza del valore dei medesimi al tempo della vendita.
Se il prezzo non copre il valore dell’immobile nello stato in cui era prima dei miglioramenti e insieme quello dei miglioramenti, esso deve dividersi in due parti proporzionali ai detti valori.

Articolo 2864 - Codice Civile

Il terzo è tenuto a risarcire i danni (2043) che da sua colpa grave sono derivati all’immobile in pregiudizio dei creditori iscritti (2743, 2813, 2827).
Egli non può ritenere l’immobile per causa di miglioramenti (1152); ma ha il diritto di far separare dal prezzo di vendita la parte corrispondente ai miglioramenti eseguiti dopo la trascrizione del suo titolo (2659), fino a concorrenza del valore dei medesimi al tempo della vendita.
Se il prezzo non copre il valore dell’immobile nello stato in cui era prima dei miglioramenti e insieme quello dei miglioramenti, esso deve dividersi in due parti proporzionali ai detti valori.

Note

Massime

Il diritto di separazione in favore del terzo, previsto dall’art. 2864, comma 2, c.c., prescinde dalla situazione soggettiva di buona o mala fede, poiché rileva esclusivamente l’obiettiva sussistenza dell’incremento di valore della cosa ipotecata rispetto all’epoca di concessione della garanzia, potendo il terzo, inoltre, cumulare, quand’anche sia rimasto del tutto inerte, il valore degli incrementi apportati dai suoi danti causa (o dal terzo estraneo), purchè si tratti di soggetti diversi dal debitore concedente l’ipoteca.  Cass. civ., sez. , III, , 5 aprile 2016, n. 6542

L’articolo 2864 c.c. che prevede il diritto del terzo (nella specie acquirente del bene ipotecato) di far separare dal prezzo di vendita la parte corrispondente ai miglioramenti eseguiti dopo la trascrizione del suo titolo, fino a concorrenza del valore dei medesimi al tempo della vendita, trova applicazione anche nell’ipotesi in cui il terzo abbia costruito un immobile sul terreno ipotecato, dovendosi comprendere nel termine «miglioramento» tutte le attività che abbiano prodotto un incremento di valore dell’immobile. La ratio della norma risiede infatti nell’intento di evitare un ingiustificato arricchimento del creditore ipotecario che si avvantaggerebbe dell’attività posta in essere dal terzo, con un danno ulteriore per quest’ultimo rispetto alla perdita del bene ipotecato.  Cass. civ., , sez. I, , 7 giugno 2000, n. 7707

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche