Art. 2847 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Durata dell'efficacia dell'iscrizione

Articolo 2847 - Codice Civile

L’iscrizione conserva il suo effetto (2808) per venti anni dalla sua data. L’effetto cessa se l’iscrizione non è rinnovata prima che scada detto termine (2679, 2849, 2878).

Articolo 2847 - Codice Civile

L’iscrizione conserva il suo effetto (2808) per venti anni dalla sua data. L’effetto cessa se l’iscrizione non è rinnovata prima che scada detto termine (2679, 2849, 2878).

Note

Massime

La mancata rinnovazione dell’ipoteca comporta, allo spirare del termine di decadenza ventennale, non l’estinzione del titolo esecutivo – permanendo la possibilità di procedere in forza di esso ad una nuova iscrizione ipotecaria con un nuovo grado -, ma l’estinzione dell’ipoteca stessa, con la conseguenza che è preclusa una re-iscrizione opponibile ai terzi acquirenti, i quali abbiano trascritto il loro titolo successivamente all’iscrizione non rinnovata, che integra una trascrizione opponibile al creditore (ex) ipotecario secondo le ordinarie regole di pubblicità immobiliare.  Cass. civ., sez. , III, , 12 marzo 2014, n. 5628

L’efficacia dell’iscrizione di ipoteca, ai sensi dell’art. 2847 c.c., cessa se l’iscrizione non sia rinnovata entro vent’anni dalla sua data, a nulla rilevando che tale termine spiri in pendenza del processo di esecuzione, a meno che non sia già stato emesso – prima della scadenza di detto termine ventennale – il decreto di trasferimento del bene ipotecato.  Cass. civ., sez. , III, , 14 maggio 2012, n. 7498

In tema di iscrizione ipotecaria, la previsione della sua durata ventennale – stabilita dall’art. 2847 c.c. a seguito della formalità adempiuta ai sensi dell’art. 2808 c.c. con riguardo all’iscrizione nei registri immobiliari – attiene solo al profilo dell’efficacia, implicando che l’omesso rinnovo della predetta iscrizione nel ventennio non estingue nè il titolo ipotecario, nè il diritto di credito garantito, ben potendo infatti lo stesso creditore, ex art. 2848 c.c., procedere a nuova iscrizione, sulla base del medesimo titolo e sia pur con il solo limite della presa di grado dal successivo adempimento e senza pregiudizio delle ragioni dei terzi acquirenti di trascrizione anteriore; nè in materia opera l’istituto della prescrizione e dunque dell’ipotizzabilità della interruzione, con riguardo all’apertura del fallimento, essendo sufficiente, perchè la garanzia giovi al creditore, che questi abbia richiesto l’ammissione al passivo del proprio credito, senza che, alla data della domanda, l’iscrizione stessa abbia superato il ventennio, permanendo tale efficacia per tutto il corso della procedura, fino alla fase del riparto dell’attivo compresa.  Cass. civ., sez. , I, , 1 aprile 2011, n. 7570

La durata ventennale prevista dall’art. 2847 c.c. per l’iscrizione ipotecaria riguarda solo gli effetti della pubblicità e va distinta sia dal termine d’iscrizione del diritto d’ipoteca sia dal termine di prescrizione del diritto di credito garantito, essendo escluso che l’efficacia per vent’anni dell’iscrizione ipotecaria impedisca il decorso del termine di prescrizione di quest’ultimo.  Cass. civ., , sez. I, , 6 febbraio 2002, n. 1586

L’obbligazione assunta dal venditore di un immobile di cancellazione dell’ipoteca iscritta sul bene compravenduto non può ritenersi adempiuto con la mancata rinnovazione dell’iscrizione e la conseguente estinzione della (iscrizione della) ipoteca per prescrizione (art. 2847 c.c.), trattandosi di fatti diversi che spiegano effetti distinti, in quanto mentre la cancellazione della iscrizione toglie valore a quest’ultima, tal ché non si può procedere ad una nuova iscrizione, la mancata rinnovazione nel ventennio produce effetti più limitati, perché se il titolo sussiste, nonostante la sopravvenuta inefficacia dell’iscrizione, può procedersi ad una nuova iscrizione.  Cass. civ., , sez. II, , 16 febbraio 1994, n. 1505

Metti in mostra la tua 
professionalità!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Istituti giuridici

Novità giuridiche