Art. 2742 – Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262 - Aggiornato alla legge 26 novembre 2021, n. 206)

Surrogazione dell'indennità alla cosa

Articolo 2742 - codice civile

Se le cose soggette a privilegio (2745 ss.), pegno (2784) o ipoteca (2808) sono perite (2743, 2878) o deteriorate, le somme dovute dagli assicuratori per indennità della perdita o del deterioramento (1905 ss.) sono vincolate al pagamento dei crediti privilegiati, pignoratizi o ipotecari, secondo il loro grado, eccetto che le medesime vengano impiegate a riparare la perdita o il deterioramento (553, 1026 c.n.). L’autorità giudiziaria può, su istanza degli interessati, disporre le opportune cautele per assicurare l’impiego delle somme nel ripristino o nella riparazione della cosa.
Gli assicuratori sono liberati qualora paghino dopo trenta giorni dalla perdita o dal deterioramento, senza che sia stata fatta opposizione (2906). Quando però si tratta di immobili su cui gravano iscrizioni, gli assicuratori non sono liberati se non dopo che è decorso senza opposizione il termine di trenta giorni dalla notificazione ai creditori iscritti (2844) del fatto che ha dato luogo alla perdita o al deterioramento.
Sono del pari vincolate al pagamento dei crediti suddetti le somme dovute per causa di servitù coattive (1032) o di comunione forzosa (874, 1117) o di espropriazione per pubblico interesse (834), osservate, per quest’ultima, le disposizioni della legge speciale (1259, 1781).

Articolo 2742 - Codice Civile

Se le cose soggette a privilegio (2745 ss.), pegno (2784) o ipoteca (2808) sono perite (2743, 2878) o deteriorate, le somme dovute dagli assicuratori per indennità della perdita o del deterioramento (1905 ss.) sono vincolate al pagamento dei crediti privilegiati, pignoratizi o ipotecari, secondo il loro grado, eccetto che le medesime vengano impiegate a riparare la perdita o il deterioramento (553, 1026 c.n.). L’autorità giudiziaria può, su istanza degli interessati, disporre le opportune cautele per assicurare l’impiego delle somme nel ripristino o nella riparazione della cosa.
Gli assicuratori sono liberati qualora paghino dopo trenta giorni dalla perdita o dal deterioramento, senza che sia stata fatta opposizione (2906). Quando però si tratta di immobili su cui gravano iscrizioni, gli assicuratori non sono liberati se non dopo che è decorso senza opposizione il termine di trenta giorni dalla notificazione ai creditori iscritti (2844) del fatto che ha dato luogo alla perdita o al deterioramento.
Sono del pari vincolate al pagamento dei crediti suddetti le somme dovute per causa di servitù coattive (1032) o di comunione forzosa (874, 1117) o di espropriazione per pubblico interesse (834), osservate, per quest’ultima, le disposizioni della legge speciale (1259, 1781).

Massime

La cosiddetta “surrogazione reale” dell’indennità alla cosa assicurata, prevista dall’art. 2742 c.c., ha l’effetto di imporre all’indennizzo assicurativo un vincolo di destinazione a favore del creditore dell’assicurato titolare di un diritto di prelazione sulla cosa distrutta, ma non legittima affatto il suddetto creditore ad agire direttamente nei confronti dell’assicuratore per il pagamento dell’indennizzo.  Cass. civ., sez. , III, , 14 febbraio 2013, n. 3655

Sia nell’ipotesi regolata dall’art. 2742 c.c. sia nella diversa fattispecie della stipulazione a favore del creditore assistito da privilegio, pegno o ipoteca, della clausola di cosiddetto «vincolo di polizza», il creditore munito di causa di prelazione che, nell’inerzia del proprietario della cosa assicurata, agisce per ottenere il pagamento dell’indennità dall’assicuratore, è tenuto a dimostrare non soltanto l’avvenuta realizzazione del rischio dedotto in assicurazione, ma anche l’entità del credito per consentire all’assicuratore la liquidazione.  Cass. civ., , sez. III, , 2 aprile 2001, n. 4791

In base alle disposizioni di cui all’art. 2742 c.c. ed all’art. 3 del R.D.L. 15 marzo 1927 n. 436, che prevedono la surrogazione dell’indennità assicurativa al veicolo sottratto soggetto ad ipoteca, il vincolo dell’indennità a favore del creditore ipotecario non determina due distinte situazioni contrattuali (con il contraente assicurato e con il terzo) diversamente regolate, unico essendo l’obbligo dell’assicuratore di corrispondere l’indennità. Pertanto, l’azione del creditore ipotecario intesa ad ottenere il pagamento della suddetta indennità soggiace al termine prescrizionale annuale previsto dall’art. 2952 c.c.  Cass. civ., , sez. III, , 24 gennaio 2000, n. 754

Istituti giuridici

Novità giuridiche