(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Omessa convocazione dell'assemblea

Articolo 2631 - Codice Civile

Gli amministratori e i sindaci che omettono di convocare l’assemblea dei soci nei casi previsti dalla legge o dallo statuto, nei termini ivi previsti, sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da 1.032 a 6.197 euro. Ove la legge o lo statuto non prevedano espressamente un termine, entro il quale effettuare la convocazione, questa si considera omessa allorché siano trascorsi trenta giorni dal momento in cui amministratori e sindaci sono venuti a conoscenza del presupposto che obbliga alla convocazione dell’assemblea dei soci.
La sanzione amministrativa pecuniaria è aumentata di un terzo in caso di convocazione a seguito di perdite o per effetto di espressa legittima richiesta da parte dei soci.

Articolo 2631 - Codice Civile

Gli amministratori e i sindaci che omettono di convocare l’assemblea dei soci nei casi previsti dalla legge o dallo statuto, nei termini ivi previsti, sono puniti con la sanzione amministrativa pecuniaria da 1.032 a 6.197 euro. Ove la legge o lo statuto non prevedano espressamente un termine, entro il quale effettuare la convocazione, questa si considera omessa allorché siano trascorsi trenta giorni dal momento in cui amministratori e sindaci sono venuti a conoscenza del presupposto che obbliga alla convocazione dell’assemblea dei soci.
La sanzione amministrativa pecuniaria è aumentata di un terzo in caso di convocazione a seguito di perdite o per effetto di espressa legittima richiesta da parte dei soci.

Note

Massime

In tema di sanzioni amministrative, risponde della violazione di cui all’art. 2631, comma primo, c.c. l’amministratore che viola l’obbligo di convocare l’assemblea dei soci per l’approvazione del bilancio entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio sociale, ove la prima convocazione vada deserta e non provveda, ai sensi degli artt. 2364 e 2369 c.c. a far svolgere effettivamente l’assemblea in seconda convocazione entro trenta giorni decorrenti dalla precedente adunanza, non potendo ritenersi adempiuta la prescrizione normativa con la mera fissazione di un’ulteriore convocazione. Cass. civ. sez. II, 21 dicembre 2011, n. 28035

La fattispecie previgente dell’art. 2631 c.c. che disciplinava il conflitto di interessi non è stata riprodotta, a seguito dell’introduzione del D.L.vo n. 61 del 2002, nel vigente art. 2631 c.c. che prevede la violazione amministrativa di omessa convocazione dell’assemblea, ed è solo in parte riprodotta dal vigente art. 2634 c.c. che disciplina l’infedeltà patrimoniale; fine consegue – nell’ipotesi in cui il reato contestato all’imputato sia quello previsto dal previgente art. 2631 c.c. e non siano ravvisabili gli estremi della fattispecie criminosa di cui al vigente art. 2634 c.c. – che il giudice ha il dovere di assolvere l’imputato e non può ordinare la trasmissione degli atti all’Autorità amministrativa. Cass. pen. sez. V, 26 febbraio 2004, n.  08673

In tema di omessa convocazione dell’assemblea, la nuova formulazione dell’art. 2631 c.c. introdotta dall’art. 1 del decreto legislativo 11 aprile 2002, n. 61, in sostituzione dell’art. 2630, comma secondo, n. 2, c.c. ha trasformato la fattispecie di reato in illecito amministrativo. La nuova e più favorevole disciplina non pone alcuna distinzione con riferimento al tipo di società cui appartengano gli amministratori o i sindaci cui l’omissione sia imputata e deve, pertanto, trovare immediata applicazione anche nell’ipotesi di sindaci di società cooperativa che abbiano omesso di convocare l’assemblea dei soci nei casi previsti dalla legge o dallo statuto. Cass. pen. sez. V, 30 ottobre 2002, n. 36343

Office Advice Logo

Office Advice © 2020 – Tutti i diritti riservati